Esteri

La California è circondata dalle fiamme, al punto che il presidente Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza. Gli incendi stanno infatti devastando il nord dello stato americano, dove 37mila persone sono state evacuate. Nella contea di Shasta due persone sono morte ( VIDEO), di cui un pompiere, e decine di persone sono rimaste ferite. E tra le vittime ci sono anche due bambini di 4 e 5 anni, deceduti insieme alla loro nonna di 70. I tre erano dispersi da giovedì, da quando le fiamme aveva distrutto la loro casa.

I roghi hanno distrutto 65 edifici, metre almeno altre 500 strutture sono minacciate dal fuoco. Mentre anche la Grecia combatteva con le fiamme, il violento incendio sulla costa occidentale americana, ribattezzato "Carr Fire", è scoppiato lunedì in seguito a un guasto meccanico a un veicolo nella Whiskeytown National Recreation Area. Poi, per le elevate temperature, in alcune zone fino a 45 gradi, le fiamme si sono sparse velocemente, arrivando a coprire un'area di oltre 27 chilometri quadrati mercoledì sera e poi hanno continuato ad espandersi fino a 178 chilometri quadrati ieri. Per cercare di domare gli incendi sono stati dispiegati 1.750 pompieri e 10 elicotteri. Ma gli sforzi per ora non hanno portato grandi successi. Le autorità mettono in guardia: l'incendio "è molto pericoloso e si muove distruggendo tutto quello che trova sulla sua strada". Oltre al Carr Fire nel nord, la California brucia anche al centro, dove le fiamme hanno costretto alla maggiore chiusura degli ultimi 30 anni dello Yosemite National Park

VIDEO Incendio devasta la California del Nord, due pompieri morti

Sport Tech Benessere Moda Magazine