6 apr 2022

Usa: "Putin ha tentato di nascondere i beni nei conti delle figlie". Saranno sanzionate

Le misure varate dagli Usa in raccordo con G7 e Ue. Da Gran Bretagna stop a petrolio e carbone. Il Cremlino: daremo il gas ad altri

Washington, 6 aprile 2022 - Le nuove sanzioni varate dagli Usa, in raccordo con G7 e Ue, contro la Russia, colpiranno le figlie di Vladimir Putin, Maria e Iekaterina, avute dalla prima moglie, Lyudmila Shkrebneva. Sanzioni anche per la figlia del ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov. Inoltre, vietati nuovi investimenti in Russia da parte di cittadini statunitensi. "Sappiamo - ha spiegato un alto funzionario dell'amministrazione Usa - che Putin e i suoi sodali usano le loro famiglie per nascondere i loro beni, per questo abbiamo deciso di congelare anche gli asset dei parenti". In serata la Casa Bianca ha confermato ufficialmente la decisione. 

Una delle figlie di Putin, Maria
Una delle figlie di Putin, Maria
Approfondisci:

Guerra Ucraina Russia, a Bucha ancora orrore. Mariupol, "forni crematori mobili russi"

Approfondisci:

Guerra ucraina: il piccolo Sasha trovato morto. Fuggiva dalle bombe insieme alla nonna

Le nuove sanzioni che gli Usa annunceranno oggi contro la Russia colpiranno anche la Sberbank, la più grande istituzione finanziaria del Paese, e la più grande banca privata, Alphabank. "Si tratta della misura più dura presa sinora". L'obiettivo, sottolinea la fonte, è creare un "shock finanziario" per Mosca. Con le nuove misure "2/3 del settore bancario russo è stato colpito". 

Nel nuovo pacchetto di "devastanti sanzioni" contro Mosca per le uccisioni di civili a Bucha, gli Stati Uniti hanno inserito anche il bando a nuovi investimenti in Russia. Come si legge nel comunicato diffuso dalla Casa Bianca - che annuncia le nuove misure punitive prese in coordinamento con "oltre 30 alleati e partner" degli Stati Uniti - il presidente Joe Biden firmerà un nuovo ordine esecutivo che prevede "il divieto di nuovi investimenti in Russa da parte di americani ovunque nel mondo". La misura, si legge, "isolerà ulteriormente la Russia dall'economia globale". Il bando "si basa sulla decisione presa da oltre 600 aziende multinazionali di lasciare la Russia. L'esodo del settore privato include società energetiche, manifatturiere, grandi distributori, istituzioni finanziarie, come anche service provider". 

Nuovo pacchetto di sanzioni anche dal Regno Unito contro la Russia, in contemporanea con Usa e Ue e in risposta ai crimini di guerra in Ucraina. Il governo di Boris Johnson ha annunciato oggi in particolare il congelamento sull'isola di ogni asset di Sberbank, la principale banca pubblica di Mosca, nonché l'impegno ad azzerare già entro quest'anno tutte le importazioni di petrolio o carbone russi. 

Il Cremlino ha subito replicato: la Russia può fornire gas ad altri Paesi, il mondo è molto più ampio del semplice Occidente. 

 

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?