New York, 17 febbraio 2021 - L'Australia pensa a una legge per costringere Google e Facebook a pagare per le news, e in risposta Fb ha bloccato le pagine sulla sua piattaforma dei media locali e internazionali nel Paese. E' scontro aperto tra il social network il governo australiano: gli utenti ausssie non possono più accedere alle pagine Fb con news australiane o estere. Esclusi anche numerosi servizi governativi come quelli sanitari, di polizia e di emergenza. Inoltre chi è all'estero non può accedere alle pagine Facebook dei media australiani.

image

Ad esempio sono sparite dal social le pagine con segnalazioni di focolai di covid, incendi e fenomeni atmosferici. Un danno enorme per Vigili del fuoco, servizi medici e meteo d'emergenza, che utilizzavano queste pagine per condividere notizie rilevanti. 

Canberra ha subito risposto sottolineando che così è a rischio la "credibilità" del colosso del tech americano: "Facebook deve pensare molto attentamente a cosa questo significa per la sua reputazione e il suo status", ha avvertito il ministro australiano per le Comunicazioni Paul Fletcher. 

Invece Google di recente ha stretto accordi con tre principali media australiani accettando di pagare "somme significative" in cambio dei contenuti.