Emile Ratelband (Facebook)
Emile Ratelband (Facebook)

Amsterdam, 8 novembre 2018 -  L'eterna giovinezza a portata di penna. Emile Ratelband vuole regalare un sogno a tutti i cittadini dei Paesi Bassi. Il pensionato olandese di 69 anni, infatti, ha iniziato una battaglia legale per cambiare la propria età anagrafica e incrementare le sue chance di abbordare online. “Viviamo in un'epoca in cui si può cambiare nome e sesso. Perché - ha spiegato alla Bbc - non posso decidere quanti compleanni avere alle spalle?”. L'obiettivo di Emile è postdatare il suo concepimento dall'11marzo 1949 all'11 marzo 1969. Tra quattro settimane un tribunale di Arnehm si pronuncerà sulla vicenda, anche se i giudici che hanno esaminato il caso si sono mostrati scettici sulla possibilità di successo del pensionato. “Cosa rimarrà esattamente – ha chiesto uno di loro a Ratelband – del ventennio che vuole cancellare? E per quanto riguarda i suoi genitori, di chi si sarebbero presi cura?”.

Emile -  motivatore personale, webstar e doppiatore (è stato anche la voce di un personaggio di Cars 2) - aveva deciso di presentare ricorso perché si sentiva discriminato per via dell'età: meno opportunità di lavoro e, soprattutto, appuntamenti ridotti all'osso su Tinder, una delle app più utilizzate per incontrare potenziali partner. “Avere 69 anni è limitante. Se sulla carta avessi 49 anni - ha argomentato il pensionato in aula - potrei comprare una nuova casa o guidare un'altra auto. Quando sono sul web e svelo quanti anni ho, nessuna donna vuole parlare con me. Quando dico di averne 20 di meno, con il bel visino e il fisico che mi ritrovo, le proposte fioccano. Mi sento un giovane dio”. Pur di coronare il suo sogno, Ratelband ha detto di essere disposto a rinunciare alla pensione. E se Emile aprirà la strada, anche se la battaglia sembra decisamente impossibile da vincere, presto in Olanda potremo vedere bambini di 6 anni che, sentendosi discriminati rispetto ai loro piccoli colleghi di 5, chiederanno ai tribunali di avere qualche mese in meno per saltare noiosi lustri di scuola e dedicarsi tutto il giorno a saltare sui tappeti elastici o fare lo scivolo. Perché l'importante, come insegna Ratelband, è sentirsi giovani dei.

@LucaBolognini82