Berlino, 28 ottobre 2019 - Vola l'ultradestra dell'Afd nelle elezioni regionali della Turingia, in Germania. Dati definitivi alla mano, primo partito con il 31% è  la Sinistra degli ex comunisti della Linke, mentre la Cdu della cancelliera Merkel registra il peggior risultato di sempre con il 21,8% (-11,7 punti percentuali rispetto al 2014). Indubbio risultato politico è la netta affermazione dell'estrema destra di Alternative for Germany, che ha più che raddoppiato i consensi toccando il 23,4%. Seguono quindi i socialdemocratici (Spd) con l'8,2% (-4,2%), i Verdi con il 5,2% e i Liberi Democratici (Fdp) con il 5%. 

L'affluenza alle urne è stata piuttosto alta: ha infatti votato quasi il 65% degli elettori, contro il 53% di cinque anni fa. Come sottolinea la Deutsche Welle, il risultato dell'AfD in Turingia conferma il forte sostegno di cui l'estrema destra gode anche in altri Stati dell'Est del Paese, come emerso a settembre quando ha conquistato il 27,5% in Sassonia e il 23,5% nel Brandeburgo

L'Afd esulta

Per l'Afd è un nuovo successo dopo quello record del primo settembre scorso, quando i voti del partito furono quasi triplicati in Sassonia (al 27%) e poco meno che raddoppiati in Brandeburgo (al 23,5%). "Questo voto è un chiaro segnale dato dai cittadini della Turingia, che hanno votato per una svolta 2.0", dice Bjoern Hoecke. Di fronte alla folla dei suoi sostenitori ad Erfurt, Hoecke ha esclamato "l'Afd ha migliorato il suo risultato del 100 per cento, alle prossimi elezioni avremo la maggioranza assoluta". E ancora: "L'Afd è sulla via di diventare una Volkspartei, un partito popolare di massa, in tutta la Germania. E' un fatto che il governo guidato da Ramelow viene mandata a casa, e questo è un bene per la Turingia". L'espressione "svolta" (Wende in tedesco) è un riferimento ai fatti del 1989: la svolta, appunto, dalla divisione della Germania alla caduta del Muro di Berlino, alla fine della Ddr e alla riunificazione tedesca. Già in campagna elettorale, il ripetuto utilizzo di slogan e di parole d'ordine presi dalla dissidenza alla Ddr aveva scatenato non poche polemiche. Parlando all'emittente pubblica Zdf, il leader del partito dell'ultradestra, Joerg Meuthen, ha affermato che "quello cui stiamo assistendo è il chiaro declino dei vecchi partiti popolari".

Turingia, comunità ebraica sotto choc

La comunità ebraica tedesca è sotto choc. A detta dell'ex presidente del Consiglio centrale ebraico, Charlotte Knobloch, "che un partito come Alternative fuer Deutschland abbia potuto ottenere un risultato di questa portata dimostra che nel nostro sistema politico qualcosa di fondamentale è finito fuori controllo". E aggiunge: "Laddove un partito del genere festeggia tali successi, c'è un problema".