9 apr 2022

Elezioni Francia. "Se vince Le Pen terremoto nella Ue"

Le previsioni del politologo Mény sulle presidenziali di oggi: "Mini Frexit e rischiosi patti sovranisti. Macron è percepito come nemico e può davvero perdere"

giorgio caccamo
Esteri

Per spiegare quello che potrà succedere in Francia e in Europa con le elezioni presidenziali più attese di sempre, Yves Mény, politologo esperto dei populismi, riassume il tutto con una frase secca e brutale: "Un gran casino". Ma nella sua analisi c’è spazio anche per Tucidide (non a caso il suo ultimo libro, edito da Ariele, è Democrazia: l’eredità politica greca ), Hobbes e le lezioni della Storia. Professore, Marine Le Pen arriverà probabilmente al ballottaggio contro Macron e potrebbe anche superarlo al primo turno. Che effetti avrebbe una sua vittoria sull’Europa? "Sarebbe un terremoto. Si passerebbe da un sostenitore della Ue – che la mette al centro della campagna elettorale – a una sovranista anti europea. Un gran casino, insomma. Anche se ho dubbi sulla possibilità che una Le Pen presidente possa mettere in atto molte sue proposte". Perché? "La strategia sarebbe una Frexit senza però uscire dall’Ue, vuole limitare i movimenti di persone e merci. Ma per farlo dovrebbe avere il controllo del Parlamento e della Corte Costituzionale. Tutto dipende dalle legislative di giugno e dalle possibili alleanze con quel che resta della destra gollista. E poi nel partito ha poche risorse umane per gestire il Paese, né quadri dirigenti". Le Pen ha alleati ovunque, anche in Italia. Che cosa accadrebbe nei rapporti fra Paesi? "Prevedo mare molto mosso... Ci sarebbe una sfiducia generale nei confronti della Francia, rischierebbe l’isolamento e di ritrovarsi alleata solo con Ungheria e Polonia. Certo, se alla Casa Bianca tornasse Trump o qualcuno come il texano Ted Cruz, più avanti avremmo un rischio". E l’Italia? "È vero che la Lega sta al governo con Draghi e contemporaneamente è alleata con Le Pen, ma in Italia le posizioni sono sempre più sfumate: nessun partito ha mai la maggioranza assoluta, i governi nascono per compromesso. ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?