Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
13 giu 2022

Elezioni Francia 2022: Macron vince di un soffio. Maggioranza assoluta a rischio

Affermazione della sinistra di Melanchon. La coalizione del presidente avanti solo per uno 0,09% e al ballottaggio potrebbe non farcela

13 giu 2022
featured image
Emmanuel Macron e Jean-Luc Melenchon (Ansa)
featured image
Emmanuel Macron e Jean-Luc Melenchon (Ansa)

Roma, 13 giugno 2022 - La coalizione del presidente Emmanuel Macron tiene alle elezioni legislative in Francia, ma lo scarto con la sinistra raccolta dietro Jean-Luc Mélenchon è davvero minimo. Solo 21.442 voti (lo 0,09%): Ensemble! raccoglie infatti il 25,75% dei voti contro il 26,6% di Nupes (Nuova unione popolare, ecologica e sociale). Per il capo dell'Eliseo non certo un successo, visto che rischia di non avere la maggioranza assoluta dopo il ballottaggio, previsto per domenica prossima, 19 giugno. Una circostanza che lo costringerebbe a un mandato quinquennale difficile, da presidente dimezzato. 

A vincere questo primo turno delle elezioni per il rinnovo dell'Assemblea nazionale è stato invece l'astensionismo, che ha fatto segnare un nuovo record, toccando il 52,49%.  Per il presidente della Repubblica si tratta di una battuta d'arresto, come sottolinea Le Figaro che parla di "avvertimento gratuito".

Per la prima volta nella storia della Quinta Repubblica, il partito presidenziale non risulterebbe nettamente in testa la sera del primo turno delle elezioni legislative. Al di là della fortissima astensione, il presidente non ha beneficiato dello slancio della sua rielezione all'Eliseo, sei settimane fa, per garantire una maggioranza confortevole all'Assemblea nazionale. 

Secondo le previsioni, al secondo turno la coalizione del presidente potrebbe ottenere un numero di seggi che oscilla tra 255 e 310, mentre ne servono almeno 289 per la maggioranza assoluta. Se questo si traducesse in una maggioranza relativa per il capo dello Stato, questo lo spingerebbe paradossalmente a voltare a destra per poter applicare il suo programma, scrive sempre Le Figaro. Con l'11,3% dei voti, Les Républicains possono sperare tra i 40 ei 60 deputati e diventare quindi essenziale per il Capo dello Stato nella nuova Assemblea nazionale. Quanto a Marine Le Pen, nonostante un punteggio del 19,2%, otterrebbe solo tra i 10 ei 25 deputati.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?