Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
7 mag 2022

Ucraina: droni spia, satelliti e intercettazioni. Ecco come gli 007 Usa aiutano Kiev

I velivoli a guida autonoma partono da Sigonella. L’analista: "Ma è decisivo il fattore umano sul campo"

7 mag 2022
beppe boni
Esteri
featured image
Un soldato americano mentre elabora le informazioni carpite da un GlobalHawk
featured image
Un soldato americano mentre elabora le informazioni carpite da un GlobalHawk

C’è un fronte di guerra che non arriva nelle nostre case con le immagini tv, dove non si spara ma si ascolta nel buio della notte, nei cieli a migliaia di chilometri di altezza o si scattano immagini satellitari di giorno dietro la copertura di immense montagne di nubi. È lo scenario nel quale si muovono gli spioni tecnologici, sempre più protagonisti del conflitto russo-ucraino. Tutti sanno, tutti conoscono forza e limiti dell’avversario: i russi mettono in conto che l’intelligence Usa abbia un ruolo fondamentale nell’aiuto agli ucraini verso obiettivi privilegiati, ma insistono nel dire che è una provocazione da punire. Il Pentagono, dopo un articolo del New York Times, nega, respinge le accuse di aver fornito "informazioni specifiche" per consentire all’esercito di Kiev di affondare l’incrociatore Moskva o uccidere i 12 generaloni spediti al fronte da Putin. La politica, si sa, è ipocrita anche quando ci sono bombe, morti e distruzione. "Il ping pong delle accuse è comprensibile in questi casi – dice l’analista Pierluigi Barberini, responsabile del desk sicurezza del Centro studi internazionali – perchè pesa una forte valenza politica internazionale sullo scacchiere bellico". Gli ucraini fanno molto da soli, ma hanno come alleati i sofisticati sistemi di intelligence Usa. Gli spioni tecnologici più efficienti per ora sono i droni GlobalHawk che decollano dalla base siciliana di Sigonella. Qui sono installati in base al programma Nato Ags (Alliance ground surveillance). Nella base italiana ne sono disponibili almeno 5, ma pare che recentemente ne siano stati installati altri in Europa. Tengono costantemente sotto controllo le aree sensibili di Polonia e Romania, sorvolano il Mar Nero in acque internazionali, lambiscono i confini della Bielorussia, controllano le zone del Donbass senza mai sconfinare. Da lassù trasmettono foto, informazioni, ascoltano comunicazioni che vengono elaborate e confrontate a terra dagli ucraini. Sono gioielli ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?