Donald Trump alla Convention repubblicana (Afp)
Donald Trump alla Convention repubblicana (Afp)

Cleveland, 21 luglio 2016  - Donald Trump gela i Paesi membri della Nato: se sarà presidente dirà no alla difesa automatica degli alleati se attaccati. In un'imntervista al New York Times il magnate immobiliare ha spiegato che prima bisogna considerare il loro contributo all'alleanza atlantica.

Nell'intervista, rilasciata alla vigilia del suo discorso di accettazione della nomination repubblicana per la corsa alla Casa Bianca, Trump avverte: se ad esempio la Russia attaccasse i Paesi baltici, si riserverebbe il diritto di valutare se correre in loro aiuto, verificando prima che abbiano "rispettato pienamente i loro impegni nei nostri confronti". "Se rispettano gli impegni - ha precisato - la risposta è si". 

Trump, nella stessa intervista , ha anche parlato  della Turchia sostenendo che sotto al suo mandato gli Stati Uniti non farebbero pressioni contro le epurazioni degli avversari politici o contro le restrizioni di liberta di Istanbul o in altri Paesi alleati autoritari. "Ritengo che non abbiamo il diritto di impartire lezioni guardiamo cosa succede nel nostro Paese, come possiamo impartire lezioni quando abbiamo persone che sparano ai poliziotti a sangue freddo?".

CRUZ SNOBBA TRUMP - dall'inviato GIAMPAOLO PIOLI

PENCE ACCETTA VICEPRESIDENZA  - "Grazie dal profondo del mio cuore. Accetto la nomination per la vicepresidenza degli Stati Uniti". Il governatore dell'Indiana Mike Pence è salito sul palco della convention repubblicana a Cleveland ed ha accettato ufficialmente la candidatura nel ticket con Donald Trump. "Sono cristiano, conservatore e repubblicano in quest'ordine", ha detto. Prima di presentarsi alla platea ha ricordato, "per chi tra voi che non mi conosce ed è la gran parte", di aver cominciato in politica "nell'altro partito" ma di essersi poi unito alla "rivoluzione di Reagan".

DISTANZE DA MINACCE ALLA CLINTON - Trump ha preso le distanze rispetto alle frasi shock su Hillary Clinton pronunciate da un suo consigliere che è ora indagato dai servizi segreti. "Dovrebbe essere portata davanti ad un plotone di esecuzione e fucilata per alto tradimento", ha detto ad una radio di Boston Al Baldasaro, deputato del New Hempshire, membro della coalizione dei veterani che sostengono Trump e delegato del candidato repubblicano alla convention di Cleveland. Hillary "è una disgrazia per tutti, per le bugie che ha detto alle madri di coloro che sono morti a Bengasi", ha sentenziato il consigliere del magnate immobiliare, reclamando giustizia per le morte dei 4 americani nell'attentato del 2012 in Libia. Dopo le esternazioni di Baldasaro, il portavoce dei servizi segreti americani, Robert Hoback, ha confermato che è stato aperto un dossier mentre Hope Hicks, un portavoce della campagna di Trump, ha precisato che il candidato Gop alla presidenza non condivide le sue dichiarazioni.

L'attacco di Jeb Bush 

Melania Trump, e il discorso 'copiato' da quello di Michelle Obama