Venerdì 19 Luglio 2024

Un misterioso dirigibile militare nel deserto cinese. Allerta Usa per il rischio “sottomarini dei cieli”

I satelliti Usa hanno scovato il velivolo in una base sperduta nella parte nord-occidentale della Cina. Per gli esperti si aprono inquietanti scenari

Misterioso dirigibile militare nel deserto della Cina

Misterioso dirigibile militare nel deserto della Cina

Roma, 02 maggio 2023 - Un misterioso dirigibile militare cinese è stato inquadrato dai satelliti Usa in una remota base nel deserto nord-occidentale del Paese asiatico. Le immagini esclusive sono state mostrate dalla Cnn e mostrano i progressi di Pechino nel campo dei dirigibili, più veloci e manovrabili di quelli conosciuti, suscitando inquietanti scenari, dallo spionaggio, al potenziale nucleare in volo permanente pronto a colpire.

Le prime immagini satellitari

Le fotografie del dirigibile militare sono state scattate tre mesi prima che la Cnn le pubblicasse, dalla rete di satelliti Blacksky che può riprendere immagini ad altissima risoluzione. E anche prima che ci fosse la polemica per il pallone spia abbattuto al largo della costa della Carolina del Sud. Proprio l'episodio del pallone spia avrebbe aperto gli occhi al Pentagono, che è andato a ripescare un vecchio rapporto del 2018 della Rand Corporation dove si metteva in guardia le autorità americane dai nuovi dirigibili cinesi, preferiti ai satelliti in alcune occasioni, perché meno costosi e più precisi nelle informazioni raccolte, sommato alla facilità di passare inosservati e alla stessa difficoltà dei caccia di abbatterli.

Un "sottomarino dei cieli"

I pericoli di un mezzo simile in mano all'esercito cinese sono stati spiegati da Jamey Jacobs, direttore esecutivo dell'Oklahoma Aerospace Institute. Jacobs sostiene che Pechino potrebbe utilizzare il nuovo dirigibile come un "sottomarino dei cieli", un mezzo che possa rimanere per lungo periodo in volo, anche in sosta su una zona particolare, pronto a intervenire con le armi che può trasportare a comando. Per il momento Cia e Consiglio di sicurezza nazionale tacciono, mentre il servizio della Cnn ha fatto ammettere a un funzionario del Dipartimento della Difesa Usa che il Pentagono è a conoscenza della nuova minaccia cinese.

Il dirigibile cinese

Le immagini satellitari scattate nel novembre 2022 hanno mostrato un dirigibile lungo circa 30 metri, fermo su una pista di atterraggio lunga quasi un chilometro, nel bel mezzo di un complesso militare ne deserto. Esperti aerospaziali consultati dalla testata Usa hanno confermato che il velivolo è su in pista delimitata da un punto di rotazione utilizzato per il lancio dei dirigibili, ed è visibile anche un hangar di quasi 274 metri, e qui l’altro mistero: capace di poter contenere un dirigibile molto più grande di quello ripreso.

Dirigibili del Pentagono

Gli Stati Uniti avevano preso in considerazione il dirigibile dopo la prima guerra mondiale, ma abbandonarono il progetto di 'dirigibili portaerei' dopo alcuni incidenti. Di recente, grazie all’utilizzo di nuovi materiali e tecnologie la Lockheed Martin ha realizzato un dirigibile ibrido con la sua divisione militare top secret Skunk Works. Poi c'è stato il dirigibile floscio, o blimp, il 74K Persistent Threat Detection System (PTDS), utilizzato anche in Afghanistan, con l'autonomia in volo di 30 giorni, a un'altitudine di 1400 metri. E sempre la Lockheed-Martin fornisce l'High Altitude Long Endurance Demonstrator (Hale-D) all'esercito americano: un dirigibile autonomo, spinto da due motori elettrici, che sfrutta diverse tecnologi e materiali avanzati.

In Italia

Nel nostro Paese, forse spinti dalla Nato, si sta lavorando al programma Haps cioè High Altitude Platform System per potenziare la capacità ISR, cioè capacità di Intelligence, Sorveglianza e Ricognizione, dell'Aeronautica Militare Italiana e della Difesa.