Venerdì 19 Luglio 2024

La diga a rischio e il destino della centrale di Zaporizhzhia. I russi: “Se cede sarà un disastro”

L’allarme questa volta è lanciato dalle autorità di Mosca che chiedono agli ucraini di sospendere i bombardamenti che hanno danneggiato la diga

Una grande diga. Danneggiata dai bombardamenti. Oltre 15.000 persone che vivono nei villaggi sottostanti. Ma non solo. La diga sovrasta anche la centrale nucleare di Zaporizhzhia. La più grande d’Europa. Una centrale atomica, ora nelle mani dei russi, più volte al centro di allarmi da parte delle autorità internazionali e ucraine.

La diga di Kakhovka
La diga di Kakhovka

Ma ora ci sono nuovi timori. E a lanciare l’allarme sono per la prima volta i russi che temono che la diga di Kakhovka possa cedere sotto il peso dell’acqua che si è accumulata a dismisura nel bacino artificiale.

La centrale nucleare

La centrale nucleare di Zaporizhzhia rischia di essere allagata con conseguenze per la sicurezza se dovesse cedere la diga di Kakhovka, il cui bacino idrico si è riempito a dismisura: a lanciare l'allarme, sulla Tass, è il consigliere dell'amministratore delegato della Rosenergoatom, Renat Karchaa.

Rischio cedimento

"Il cedimento di questa diga rappresenta una minaccia sia per Energodar che per la centrale nucleare di Zaporozhzhia. Le linee elettriche che portano alle vasche di raffreddamento e gli impianti di pompaggio potrebbero essere allagate. Ciò creerà problemi per l'uso della stazione e rischi per la sicurezza nucleare", ha detto.

La diga

La centrale idroelettrica di Kachovka è una centrale elettrica fluviale sul fiume Dnepr a Nova Kachovka, in Ucraina. Kachovka è una città portuale situata sulla riva meridionale dell'omonimo bacino idrico. Lo scopo principale della diga è la produzione di energia idroelettrica, l'irrigazione e la navigazione. È la sesta e ultima diga della cascata del Dnepr.

Migliaia di persone a rischio

Secondo Karchaa, se la diga dovesse crollare almeno tre grandi aree popolate sarebbero inondate Kamenka-Dneprovskoye, Blagoveshchenka e Vodyanoye, che ospitano in totale circa 15.000-18.000 persone.

Stop ai combattimenti

"Due soluzioni sono possibili. Una è che gli ucraini interrompano i loro bombardamenti e ci permettano di riparare le saracinesche della diga danneggiate dalla loro artiglieria. In questo caso scaricheremmo l'acqua in eccesso e questa minaccia sarà eliminata. L'altra è quella di evacuare tutte quelle persone”, ha detto. Vladimir Rogov, presidente del movimento We are Together with Russia, ha dichiarato in precedenza alla Tass che il livello dell'acqua nel bacino idrico di Kakhovka è aumentato di 17 metri, che è “2,5 metri più alto della norma”. La diga, conferma, potrebbe rompersi, travolgendo decine di migliaia di persone nella zona allagata.