Andrew  Cuomo
Andrew Cuomo

New York, 3 agosto 2021 - Andrew Cuomo, governatore dello stato di New York dal 2011, finisce sotto accusa per molestie sessuali. Il politico americano, esponente di spicco dei Democratici, avrebbe molestato sessualmente diverse donne e si sarebbe vendicato di un dipendente che aveva provato a denunciare la situazione. Sono almeno 11 le donne che hanno accusato Cuomo di molestie e di condotta inapproriata. Lo ha dichiarato la procuratrice generale dello stato di New York, Letitia James, dopo che Cuomo giorni fa è stato interrogato per ben 11 ore dagli investigatori.

"Non ho mai toccato nessuno in maniera non appropriata": queste le prime parole di Andrew Cuomo, visibilmente scosso e quasi in lacrime, pronunciate in diretta tv per difendersi dalle pesantissime accuse di molestie mosse dalla procuratrice James sulla base delle indagini condotte.

Le accuse

La procuratrice, nel corso di una conferenza stampa, ha spiegato come tra le donne molestate ci siano anche un'attuale dipendente ed una ex dipendente statale. James ha accusato Cuomo anche di aver creato nei suoi uffici un ambiente di lavoro pervaso da un clima di paura e di intimidazione, oltre che ostile nei confronti di diversi membri dello staff. James ha quindi definito "eroiche" le donne, alcune giovani, che hanno avuto il coraggio di denunciare.

James ha aggiunto che l'inchiesta, sintetizzata in un rapporto di 165 pagine, ha rivelato un "quadro profondamente disturbante e ancora non chiaro" che getta una luce sulla "ingiustizia che può essere presente ai più alti livelli di governo".

"Gli investigatori hanno corroborato in modo indipendente questi fatti, attraverso interviste e prove, comprese note e comunicazioni. Queste prove saranno rese disponibili al pubblico insieme al rapporto", ha detto James aggiungendo che "il governatore e il suo team senior hanno intrapreso azioni per vendicarsi di almeno una ex dipendente per essersi fatta avanti con la sua storia, la sua verità". Gli investigatori hanno intervistato 179 persone e esaminato più di 74.000 documenti, e-mail, testi e immagini.

Inoltre il procuratore distrettuale di Albany ha annunciato in una nota di aver aperto un'indagine penale sulle molestie sessuali di cui è accusato Cuomo. L'inchiesta si aggiunge a quella civile della procura generale dello stato di New York.

La replica

"I fatti sono molto diversi da quello che è stato presentato", ha derro il governatore democratico affermando che il suo avvocato ha risposto ad ogni accusa contenuta nel rapporto presentato oggi dalla procuratrice: "Il documento è disponibile sul mio sito, se siete interessati per favore leggete i fatti e decidete da soli".

"Sono profondamente dispiaciuto, questo non è quello che io sono", ha aggiunto Cuomo, negando le accuse e respingendo ogni ipotesi di dimissioni. Il governatore ha quindi sottolineato, mostrando diverse foto con diverse personalità, come il gesto di posare le sue mani sulle guance delle persone o quello di abbracciarle per salutarle fa parte di una gestualità ereditata dalla sua famiglia e dalla sua educazione, così come usare l'espressione "ciao bella!".

"Io bacio le persone sulla fronte, bacio le persone sulle guance, uomini e donne. A volte - ha proseguito - chiamo le persone amore, tesoro, a volte dico delle battute, ma l'intento è solo di mettere le persone a loro agio, nessuna molestia sessuale". Ha poi aggiunto il governatore: "A chi vuole usare questo momento per screditarmi e delegittimarmi dico solo che io guardo le mie figlie tranquillo, con la coscienza a posto".

Le reazioni

"Sì": Joe Biden ha risposto così alla domanda se Andrew Cuomo debba dimettersi.  "Lo scorso marzo avevo detto che, se l'inchiesta del procuratore generale, avesse stabilito che le accuse nei confronti di Cuomo erano vere, gli avrei chiesto di dimettersi, ed è quello che farò - ha aggiunto il presidente - Non so il contenuto dell'inchiesta, non conosco i dettagli, conosco solo le conclusioni". Biden ha poi risposto in modo negativo a chi gli chiedeva se avesse parlato con Cuomo nella giornata di oggi. Ha poi aggiunto: "Ci sono abbracci totalmente innocenti, ma in questo caso toccherà al procuratore generale decidere quali sono e quali non lo sono", ha detto Biden rispondendo alla domanda di una reporter che ricordava come Cuomo avesse mostrato una sua foto in cui abbraccia il presidente, per evidenziare il fatto che fosse sua abitudine manifestare in quel modo l'affetto.

Prima del presidente degli Stati Uniti era intervenuta la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki che ha definito "ripugnanti" le accuse rivolte contro Andrew Cuomo. "Il messaggio della Casa Bianca è che donne che hanno vissuto questo tipo di esperienze che siano molestie, abusi o nel peggiore dei casi aggressioni, meritano di essere ascoltate, trattate con rispetto e dignità".

Molti esponenti del Partito Democratico si sono espressi chiedendo le dimissioni di Cuomo da governatore. Tra loro anche Nancy Pelosi, presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti: "Come sempre, chiedo alle donne che si sono fatte avanti di dire la verità - scrive Pelosi in una nota - Conscia del suo amore per New York e del rispetto per il ruolo che ricopre, chiedo al governatore di dimettersi". 

Molto più duro Bill De Blasio, sindaco di New York, che non esclude una sua candidatura a governatore. "Cuomo ha commesso molestie e aggressioni sessuali ed intimidito una persone che lo denunciava - ha detto il sindaco di New York - è più che chiaro che non è qualificato all'incarico e non può più essere governatore. Deve dimettersi e se continua a resistere ed attaccare gli investigatori che fanno il loro lavoro deve essere sottoposto ad impeachment". Sul proprio futuro "non escludo niente, non ho ancora preso nessuna decisione", ha aggiunto il sindaco che quest'anno conclude il suo secondo ed ultimo mandato alla guida di New York.

Chi è Cuomo

Andrew Cuomo, di origini italiane, ha 63 anni ed è un dirigente democratico di alto livello, durante la seconda presidenza Clinton è stato al governo come Segretario alle Politiche abitative e Svilppo urbano. È stato inoltre procuratore generale dello stato di New York ed è ex marito di una delle figlie di Bob Kennedy, dalla quale ha avuto tre figlie. Cuomo è in carica come governatore nello stato di New York dal 2011.