Roma, 13 maggio 2021 - Si intravede la luce in fondo al tunnel della pandemia da Coronavirus. Mentre in Europa la Germania riapre ai viaggi e in Spagna scende l'incidenza dei casi e l'occupazione delle terapie intensive, in Usa le persone che sono completamente vaccinate potranno smettere non solo di indossare la mascherina, ma anche di rispettare la regola del distanziamento sociale nella gran parte delle situazioni, sia all'aperto che al chiuso.

Quando si potrà togliere la mascherina? I tempi

E' la svolta, nella vita degli americani, annunciata oggi la direttrice dell'agenzia Centers for Disease Control and Prevention, Rochelle Walensky, nel corso del briefing alla Casa Bianca: "Se si è completamente vaccinati, si può iniziare a fare le cose che avevamo smesso di fare a causa della pandemia - ha detto Walensky, citata dalla Cnn - abbiamo tutti desiderato questo momento, in cui tornare a un certo grado di normalità".  Secondo il sito Axios, l'obbligo della mascherina rimane per i viaggi in aereo o sui mezzi pubblici, per le strutture mediche, i penitenziari e i ricoveri per senzatetto.

Vaccini: dopo quanto la prima dose protegge da sintomi gravi

"Oggi è un grande giorno per l'America nella nostra lunga battaglia contro il Covid-19" ha detto Joe Biden parlando dal Rose Garden della Casa Bianca, dove ha lanciato un nuovo appello agli americani perchè si vaccinino: "La scelta è vostra, vaccinarsi o continuare a indossare la mascherina finchè non sarete immunizzati".

 

Germania

La Germania apre ai viaggi: entra in vigore oggi la nuova ordinanza varata dal governo tedesco riguardo alle norme che regolano l'ingresso nel Paese. In particolare, cade l'obbligo di quarantena per chi rientra in Germania da oltre 100 Paesi: tra questi figura anche l'Italia, così la Spagna, la Grecia e l'Austria, nazioni dalle quali per entrare in Germania d'ora in poi basta un tampone negativo, comunque obbligatorio per chi viene in aereo. Gli allentamenti sono ancora più larghi nei confronti di persone completamente vaccinate e per i guariti dal Coronavirus, che devono sottostare a quarantena solo ed esclusivamente se provengono da zone in cui siano dominanti le nuove varianti del virus, per esempio se vengono dall'India, dal Brasile o dal Sudafrica.

Di contro il Regno Unito torna sulla lista tedesca dei Paesi ad alto rischio a causa della presenza di casi di variante indiana, nonostante il bassissimo numero di infezioni. Secondo il  Robert Koch Institute, la decisione è stata presa a causa della presenza "almeno limitata" della variante indiana nel Regno Unito. I viaggiatori in arrivo in Germania dalla Gran Bretagna dovranno dunque fare un tampone entro 48 ore dal loro arrivo e rispettare una quarantena di 10 giorni, o esibire un test negativo, il certificato della vaccinazione o di guarigione dal Covid.

Astrazeneca: in Germania tutti lo vogliono. "Dosi rischiano di non bastare"

Spagna

Mentre si abbassa ancora l'incidenza dei contagi di Covid, in Spagna anche il dato sull'occupazione delle terapie intensive da parte di persone contagiate offre un buon segnale: come sottolinea l'agenzia di stampa Efe, in base ai dati del ministero della Sanità, per la prima volta da inizio aprile i posti destinati a pazienti con 
coronavirus sono meno del 20% del totale (19,5%, per la precisione). Secondo gli stessi dati, i casi registrati ogni 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni sono adesso 166, circa 7 in meno rispetto a ieri. In tutto, i contagi segnalati da inizio pandemia sono quasi 3,6 milioni e le morti 79.281. Intanto, avanza la campagna di vaccinazione: il 30,7% della popolazione ha avuto una dose e il 14,2% ha completato il processo di immunizzazione.

E la Spagna mette a segno un nuovo record di vaccinazioni giornaliere contro il Covid: secondo i dati appena aggiornati del Ministero della Sanità, nella giornata di ieri sono state somministrate 611.767 dosi. Adesso il 31,4% della popolazione (quasi 15 milioni di persone) ha già ricevuto una dose, mentre il 14,7% (poco meno di 7 milioni di persone) ha completato il processo di immunizzazione.

Coronavirus in Italia, il bollettino del 14 maggio

Polonia

Anche la Polonia allenta le misure anti-covid-19: dalla mezzanotte i polacchi potranno togliersi le mascherine all'aperto e sedersi a bar e ristoranti (ma solo all'aperto) almeno per le prossime due settimane. Decisivo è stato il calo del numero degli contagiati che nelle ultime 24 ore è sceso a 3.288 persone, con 289 decessi. Le mascherine saranno ancora obbligatorie nei negozi e sui mezzi pubblici. Si tratta di un ulteriore, cauto ritiro delle restrizioni; dal 4 maggio scorso sono già riaperti i centri commerciali, dall' 8 gli alberghi (ma possono accogliere solo il 50% degli ospiti), mentre fra una settimana riapriranno i cinema e teatri.
 Secondo il ministro della Sanità Adam Niedzielski in estate dovrebbero essere già vaccinati il 70-80% dei polacchi. Ogni giorno vengono inoculati circa 420 mila vaccini ma da un sondaggio del Centro BioStat risulta che il 33,6% dei 38,5 milioni dei polacchi non ha per ora intenzione di vaccinarsi.