11 dic 2021

Covid, Usa temono la 'crisi di Natale': a New York torna l'obbligo di mascherina al chiuso

Impennata di casi dal Thanksgiving: nello Stato della Grande Mela a oggi il numero di nuovi casi è cresciuto del 43%. Ricoveri +29%

HOUSTON, TEXAS - DECEMBER 03: A person works on their laptop at George Bush Intercontinental Airport on December 03, 2021 in Houston, Texas. Many countries have tightened travel restrictions after it was announced the discovery of a new COVID-19 variant, named Omicron. On November 25. U.S. President Joe Biden reinforced travel mandates and required all inbound international travelers to be tested within one day of departure for the United States. Biden also announced that the federal mask mandate requiring travelers to wear masks in airports, on planes, and on other modes of public transportation such as trains and buses has been extended through March 18. The travel bans announced on November 26 prohibit entry into the U.S. of non-citizens coming from eight countries in southern Africa.   Brandon Bell/Getty Images/AFP
== FOR NEWSPAPERS, INTERNET, TELCOS & TELEVISION USE ONLY ==
Mascherine in aeroporto (Ansa)

New York, 11 dicembre 2021 - Tornano le mascherine al chiuso nella Grande Mela: lo ha deciso la governatrice dello Stato di New York, Kathy Hochul, di fronte all'aumento di contagi da Covid. L'obbligo di indossare il dispositivo di protezione scatterà da lunedì prossimo, 13 dicembre, e durerà almeno fino al 15 gennaio 2022. 

Green pass cambia ancora: nuove regole in arrivo. Il paradosso dei positivi al Covid

Nell'ultimo mese lo Stato di New York ha registrato un'impennata di casi: il numero di infezioni dal ponte di Thanksgiving (25 novembre) a oggi è cresciuto del 43%, mentre i ricoveri sono aumentati del 29%. Un ritmo allarmante che ha costretto le autorità a nuove restrizioni, anche in prossimità del Natale, quando gli assembramenti sono più probabili. 

Covid, record casi in UK. Premier scozzese: "Omicron, rischio tsunami"

L'andamento dell'epidemia preoccupa in tutti gli Usa, anche se è più critico negli Stati del Nord-est. Se la variante Omicron ha messo in allarme le autorità sanitarie, è la Delta che sta portando il Paese verso una "holiday crisis", come è stata ribattezzata dagli esperti americani. E' durante le feste infatti che il contagio potrebbe esplodere. Ieri negli Stati Uniti, dove è vaccinato solo il  60,4% dell'intera popolazione, sono stati registrati circa 117.000 nuovi casi.

In 12 Stati e nella capitale Washington, la media dei ricoveri giornalieri in una settimana è aumentata di almeno il 50%.  In New Jersey, stato confinante con quello di New York, la media dei ricoveri giornalieri in una settimana è aumentata del 78% rispetto a due settimane prima; in Michigan, oltre l'85% dei letti disponibili è stato occupato. Mercoledì, l'Illinois ha registrato 3.178 ricoveri per Covid, il numero più alto da gennaio.

Impietosi i dati dall'inizio della pandemia: secondo i dati dei Cdc (Centro di controllo e prevenzione malattie), negli Stati Uniti sono stati registrati quasi 50 milioni di casi di Covid-19 e poco meno di 800.000 morti. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?