Hong Kong, 5 gennaio 2022 -  Da crociera a odissea. Sono migliaia le persone bloccate nella baia di Hong Kong a bordo della nave 'Spectrum of the Seas' della Royal Caribbean. Nove passeggeri sono risultati contatti stretti di un positivo al Covid, la cui infezione era riconducibile a un recente cluster della variante Omicron. Secondo le autorità locali, un motivo valido per richiamare il colosso dei mari rientrato in porto oggi dopo essere salpato domenica per una crociera. Adesso devono essere sottoposti a tampone tutti i passeggeri così da spegnere sul nascere eventuali focolai. Scene già viste durante la prima ondata del Coronavirus a cui non eravamo più abituati. Un consigliere del Governo ha detto di temere che in città ci fossero "10 catene di trasmissione invisibili" in grado di minacciare la strategia 'zero Covid' di Hong Kong. Vanno individuate e messe in sicurezza. 

Il 31 dicembre, dopo tre mesi senza contagi 'interni', è stato segnalato il primo caso di Omicron nella comunità locale. Da quel momento è partita una caccia senza quartiere alle infezioni: per salvare il tracciamento. Hong Kong è pronta a inasprire ulteriormente le restrizioni in vigore.

Di oggi la notizia che per arginare Omicron sono stati vietati i voli in ingresso da otto Paesi: Australia, Canada, Francia, India, Pakistan, Filippine, Regno Unito e Stati Uniti. "I voli passeggeri da questi Paesi non potranno atterrare  e le persone che hanno soggiornato in quei Paesi non potranno imbarcarsi sui voli per Hong Kong, compresi i voli di transito", ha spiegato la governatrice Carrie Lam.

Già ora, le crociere sono limitate a viaggi brevi e in località vicine con le navi che devono operare in regime di capacità ridotta. A bordo sono ammessi solo passeggeri vaccinati con test negativo.

Ma, in questo caso, non è bastato: la 'Spectrum of the Seas' aveva a bordo circa 2.500 turisti e 1.500 dipendenti. Il 'paziente zero' accertato è a terra: avrebbe ballato la notte di Capodanno in una piazza del centro della città con una ventina di amici. Due di loro, sono risultati positivi al Coronavirus: tra questi una collaboratrice domestica il cui datore di lavoro, insieme ad otto contatti stretti, è salpato sulla nave da crociera domenica. Il cerchio per le autorità sanitarie si chiude così: la 'Spectrum of the Seas' va testata da cima a fondo, mentre i nove contatti sono stati trasferiti in un centro di quarantena. Nel frattempo, i passeggeri trascorrono queste ore (giorni per alcuni) in cattività. Circolano foto e video che li ritraggono in ordinari frammenti di vita quotidiana, ammazzando il tempo in attesa del tampone.