Da sinistra Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama (Ansa)
Da sinistra Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama (Ansa)

Roma, 4 dicembre 2020 - "Americani, indossate la mascherina per i prossimi 100 giorni". E' l'invito del presidente eletto degli Usa, Joe Biden. Nell'intervista alla Cnn rilasciata insieme alla sua vice Kamala Harris, Biden ha sottolineato l'importanza della mascherina come strumento per contenere e combattere la pandemia da Covid: "Indossare la mascherina per cento giorni, non per sempre - ha detto Biden parlando dei suoi obiettivi una volta iniziata la sua presidenza degli Stati Uniti d'America -. Cento giorni. E penso assisteremo a una riduzione significativa dei contagi" da coronavirus.

Il presidente eletto ha confermato di aver chiesto ad Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, di "restare nello stesso ruolo che ha avuto con i precedenti presidenti". "Gli ho chiesto di essere capo consulente medico anche per me e di far parte del Covid team", ha affermato Biden che ha anche detto che sarà "felice" di farsi somministrare in pubblico il vaccino anti-Covid. Anche Kamala Harris ha assicurato che farà il vaccino, dopo la discesa in campo dei tre ex presidenti americani Barack Obama, George W. Bush e Bill Clinton per sostenere la campagna di vaccinazione.

Francia, coprifuoco e vaccini

In Francia stop al confinamento il 15 dicembre "se raggiungiamo gli obiettivi fissati dal presidente" Emmanuel Macron. Lo ha ricordato il portavoce del governo, Gabriel Attal. Macron ha indicato alcuni parametri che dovranno essere rispettati per uscire dal confinamento, in particolare i nuovi casi giornalieri di Covid dovranno essere meno di 5mila ed i ricoveri totali in terapia intensiva intorno a 2.500-3.000.

Il governo francese intanto ha annunciato quando inizieranno le prime due fasi di vaccinazione. La prima, che riguarderà le case di riposo paraospedaliere ed il personale, dovrebbe iniziare tra fine anno e l'inizio del 2021. La seconda fase comincerà nel mese di febbraio e interesserà gli over 65 ed i pazienti affetti da comorbilità. In primavera prenderà il via la campagna di vaccinazione per il resto della popolazione.

image

Germania, 23mila nuovi casi

La Germania ha fatto registrare 23.449 nuovi casi di positività nelle ultime 24 ore, con 432 decessi.  Secondo i dati del Robert Koch Institute il bilancio complessivo dell'epidemia è di 1.130.238 contagi, con 18.034 vittime. Per la prima volta sono oltre 4000 le persone in terapia intensiva per Covid-19, trenta più del giorno prima (in tutto 4011): il 60% dei pazienti in ospedale affetti da Covid sono assistiti nella respirazione. Intanto la curva dei contagi non diminuisce. Per far fronte all'emergenza il governo tedesco ha annunciato che il vaccino anti-covid sarà gratuito per tutti, con o senza assicurazione sanitaria.

Russia, ancora alto il numero dei contagi

Resta alto il tasso di contagi in Russia, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati 27.403 nuovi casi, 6.868 solo a Mosca. Lo riferiscono le autorità sanitarie locali, aggiornando a 2.402.949 il totale dei contagiati dallo scoppio della pandemia. Le autorità sanitarie russe hanno anche confermato che 569 persone hanno perso la vita nell'ultima giornata dopo aver contratto il coronavirus, portando così a 42.176 il totale dei decessi.

Regno Unito, indice Rt a 0,8 

In calo il trend dei contagi da Coronavirus nel Regno Unito, dopo il mese di lockdown bis in Inghilterra ora sostituito da un sistema di restrizioni locali comunque severe. L'indice Rt scende a 0,8 come certificano i consulenti medico-scientifici del Sage, l'organismo che assiste il governo di Boris Johnson sulla pandemia. Intanto le prime dosi del vaccino Pfizer arrivano nel Regno, che confida di mettere da parte entro i prossimi giorni una scorta iniziale di 800.000 flaconi sui 40 milioni totali già ordinati dal governo Johnson (assieme agli oltre 310 milioni di dosi di altri vaccini in attesa di autorizzazione). Le prime somministrazioni già a partire dall'8 dicembre.

Svizzera, tre Regioni italiane in 'lista rossa'

La Svizzera inserisce tre Regioni italiane nella lista rossa per i viaggiatori. Si tratta di Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Veneto. L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha aggiornato oggi, con effetto a partire dal 14 dicembre, la lista dei Paesi e delle regioni "con rischio elevato di contagio". Alla lista si aggiungono anche Stati Uniti, Croazia, Georgia, Giordania, Lituania, Polonia, Portogallo e Ungheria. Per chi proviene da questi territori è previsto, inoltre, l'obbligo di quarantena.

Spagna, entro giugno fino a 20 milioni di vaccinati

ll Presidente del governo spagnolo, Pedro Sanchez, ha dichiarato che entro i mesi di maggio o giugno del prossimo anno saranno vaccianti contro il Covid-19 tra i 15 e i 20 milioni di spagnoli. Il presidente specifica che durante la prima fase del piano di vaccinazione saranno vaccinate 2,5 milioni di persone, mentre nella seconda questo numero aumenterà fino a 15 o 20 milioni. Intanto crescono le resistenze dei cittadini al vaccino. Più della metà degli spagnoli, il 55,2%, preferirebbere aspettare di vedere gli effetti del vaccino rispetto al 32,5% che lo farebbe immediatamente. A rivelarlo l'indagine 'Effetti e conseguenze del coronavirus (II)' del Centro de Investigaciones Sociologicas (Cis).

image