Attivisti Greanpeace protestano da Dusseldorf dopo i casi nei mattatoi (Ansa)
Attivisti Greanpeace protestano da Dusseldorf dopo i casi nei mattatoi (Ansa)

Roma, 24 giugno 2020 - Non si arresta la marcia del Coronavirus nel mondo. E se in Europa il Covid pare sotto controllo, anche se preoccupano alcuni focolai, come i mattatoi in Germania, dall'altra parte dell'oceano la situazione resta drammatica. La pandemia ha causato oltre 475 mila morti in tutto il mondo, con un bilancio che è raddoppiato in meno di due mesi, secondo un conteggio effettuato dall'Afp da fonti ufficiali. L'Europa rimane l'area con il maggior numero di decessi (193.800), ma la regione in cui la pandemia sta progredendo più rapidamente al momento è l'America Latina, dove il numero di morti ha superato ieri quota 100 mila.

Oms: vicini ai 10 milioni di casi

"Prevediamo di raggiungere un totale di 10 milioni di casi entro la prossima settimana - è l'allarme del direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus - Questo ci deve ricordare che, anche se continuiamo la ricerca e lo sviluppo di vaccini e terapie, abbiamo l'urgente responsabilità di fare tutto il possibile con gli strumenti che abbiamo ora a disposizione per sopprimere la trasmissione del coronavirus e salvare vite umane". 
E snocciola altri dati: "Più di 9,1 milioni di casi di Covid-19 sono stati segnalati all'Oms e oltre 470 mila morti. Nel primo mese di questo focolaio, sono stati segnalati all'Oms meno di 10.000 casi. Nell'ultimo mese sono stati segnalati quasi 4 milioni di casi", fa notare il Dg Oms.

E il capo delle emergenze dell'Oms, Mike Ryan, sottolinea: "Molti Paesi nelle Americhe e in America Latina in particolare non hanno raggiunto il picco né un basso livello di trasmissione del coronavirus". 

Usa

Negli Stati uniti si contano altri 800 morti per il Coronavirus. A preoccupare è l'aumento dei casi negli stati dell'ovest e del sud. In Texas, sono stati individuati 5mila casi, una situazione allarmante che ha spinto il governatore Greg Abbott, repubblicano, a invitato tutti i cittadini a stare a casa: "Non c'è alcuna ragione in questa fase a uscire di casa senza necessità reale". 

Sono più di 35.000 i casi di coronavirus individuati negli Usa nelle ultime 24 ore, il dato più alto da aprile e terzo dato più alto dall'inizio della pandemia, secondo il conteggio del New York Times. Finora sono 121.279 i morti e almeno 2.348.956 le persone contagiate dal Covid-19, secondo il bilancio della Johns Hopkins University. Il totale include i casi di tutti e 50 gli Stati, del District of Columbia e dei territori statunitensi, oltre ai cittadini rimpatriati. Mentre gli Usa riaprono gradualmente le attività economiche, l'epidemia torna a crescere in più di 20 Stati. Nelle ultime 24 ore, la Florida segna 5.508 casi, il Texas oltre 5.000 e 3.600 in Arizona. 

Il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha annunciato che dal primo luglio anche le spiagge della Grande Mela saranno riaperte dopo la chiusura dovuta alla
pandemia.

Cancellata la maratona di New York

La maratona di New York, la più grande al mondo, è stata cancellata a causa del coronavirus. Quest'anno sarebbe stata la sua cinquantesima edizione. La maratona attrae ogni anno circa 50.000 corridori, 10.000 volontari e un milione di fan lungo le strade della città.

America Latina

Superata la soglia dei 100mila morti in America Latina e nei Caraibi, più della metà dei quali in Brasile, secondo dati forniti dall'AFP. Il Brasile, il secondo paese con più morti dopo gli Stati Uniti, ha 1.145.906 di casi confermati, mentre il Messico ne ha registrati 191.410 casi. La pandemia continua a progredire nella regione, spingendo i paesi a rafforzare le loro misure di prevenzione. La Colombia ha deciso martedì di prorogare fino al 15 luglio il lockdown in vigore dalla fine di marzo.

In Brasile, mascherina obbligatoria per tutti dal 30 aprile, anche per Jair Bolsonaro: il presidente brasiliano ha partecipato ieri a Brasilia alla cerimonia di inaugurazione del Centro principale di operazioni spaziali ed è stato immortalato con la mascherina indossata, dopo che un giudice gli ha ordinato di metterla quando si trova nei luoghi pubblici del Distretto federale. 

Tokyo

Tokyo registrerà "un numero abbastanza alto" di nuovi casi di Coronavirus dopo che è stato scoperto un nuovo cluster di infezioni in un ufficio della capitale. I nuovi casi di contagio, secondo quanto riferito dal governo metropolitano, sarebbero 55, il dato più alto dal 5 maggio. Lo ha annunciato il governatore Yuriko Koike: "I cluster nei luoghi di lavoro sono diventati un grande problema". Nella città sono stati registrati altri 10 casi nella zona di Shinjuku, nota per la sua vita notturna. 

Cina

Dodici nuovi casi di contagio da Covid-19 in Cina, nove di trasmissione locale e tre "importati", sette dei quali a Pechino e due nella vicina provincia di Hebei. Qui, riferiscono le autorità sanitarie locali, si tratta di casi legati al nuovo focolaio di infezione scoperto nei giorni scorsi nella capitale. Due dei tre casi "importati" vengono segnalati a Shanghai e l'altro nella provincia di Shaanxi. I dati ufficiali del gigante asiatico parlano di 83.430 contagi dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Intanto attualmente la Cina può effettuare fino a 3,78 milioni di tamponi al giorno per il Covid-19, un dato in aumento del 200% rispetto a marzo.

Francia

Prime chiusure di scuole elementari a Parigi per casi di Covid19, dopo la riapertura di una decina di giorni fa, e quella, a frequenza obbligatoria, di lunedì scorso. Oggi è stata decisa la chiusura della scuola Saint-Merri-Renard, nel Marais, dopo la scoperta di un caso di Coronavirus. Si tratta - si è appreso dalle autorità sanitarie - di "una sola persona", che però sarebbe stata in contatto "con parecchi insegnanti e allievi". Stessa procedura per il caso della scuola Lamoricière, chiusa ieri, nel XII arrondissement, dove si sono invece registrati 3 casi. Disposto l'isolamento per le persone che sono state in contatto con i casi di Covid e la precauzione di restare in casa per tutti coloro che frequentano le due scuole. 

Germania

image

Sono 640mila i tedeschi che tornano indietro di un mese, costretti a rivivere l'incubo delle restrizioni del lockdown nei due distretti di Gutersloh e Warendorf, nel Nordreno Westfalia, Land nord-occidentale tedesco, il più popoloso della Germania, in seguito all'epidemia di Coronavirus, scoppiata nello stabilimento di lavorazione della carne Toennis.  Limitazioni dei contatti sociali, musei, cinema, sale concerto, palestre e bar restano chiusi. Le scuole sono state chiuse a pochi giorni dalle vacanze, che sarebbero iniziate questo fine settimana. A queste misure, si aggiunge l'incognita vacanze, dato che altri Laender non vogliono far entrare i cittadini di questa zona. Il governatore del Land, Armin Laschet (Cdu) ha chiesto una soluzione facendo dei test sul Covid.  

Intanto a Berlino, riferisce la stampa locale, è stato individuato un nuovo focolaio in un condominio e 44 persone sono state poste in isolamento. 

image

Russia

Sono 7.176 i nuovi casi di infezione da Coronavirus in Russia, per un totale nell'intero paese di 606.881 positivi, il terzo bilancio più grave nel mondo. Nelle ultime 24 ore inoltre, hanno reso noto le autorità sanitarie locali, sono morte 154 persone, per un bilancio di vittime totale di 8.513. Intanto, il presidente kirghizo, Sooronbai Jeenbekov, è stato costretto a saltare la parata militare a Mosca per il 75esimo anniversario della vittoria sul nazismo, perchè due suoi assistenti, venuti con lui in aereo nella capitale russa, sono risultati positivi al Coronavirus.

India

Continua l'ondata di casi in India, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati 15.968 nuovi contagi per un totale di 456.183. A New Delhi i nuovi casi hanno superato i 3.900, l'incremento maggiore in un giorno dall'inizio dell'epidemia, tanto che le autorità hanno chiesto all'esercito di gestire centri Covid-19.

Israele

Un lockdown parziale su Elad, una città nel centro di Israele, e in cinque quartieri nella città settentrionale di Tiberiade è entrato in vigore oggi, nel tentativo di rallentare la diffusione del Coronavirus. Lo scrive il Times of Israel, sottolineando che il primo ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato la città di Elad e i quartieri di Tiberiade "zone riservate" per sette giorni.  Dalle 8 di oggi i non residenti non potranno accedere a queste zone, tranne che per andare al lavoro o per la fornitura di servizi essenziali. I residenti potranno lasciare le zone per lavoro, esami di immatricolazione, cure mediche, procedimenti legali, il funerale di un parente di primo grado o il trasferimento di un minore. 

Le altre news 

La Bulgaria ha prolungato lo stato di emergenza fino al 15 luglio, dopo che eè stata registrata un'impennata di casi. Lo ha riferito il ministro della Salute, Kiril Ananiev, facendo riferimento ai 606 nuovi contagi riscontrati la scorsa settimana, l'aumento più alto dall'inizio dell'epidemia. 
La Libia registra nelle ultime 24 ore altri 44 nuovi contagi, mentre l'India altri 15.968 casi. L'Australia ha segnalato oggi il primo decesso da Coronavirus da più di un mese, mentre le Maldive riaprono le frontiere ai turisti dal 15 giugno. In Pakistan, almeno dieci giocatori di cricket della squadra nazionale sono risultati positivi al Covid19. L'Indonesia registra quasi 50mila casi e oltre 2.500 morti. In Libano, invece, una neonata è morta a causa di complicazioni causate dal Covid-19. In Iran, quasi 10mila decessi nelle ultime 24 ore.
In Turchia nei primi due giorni dall'entrata in vigore in molte città dell'obbligo di indossare la mascherina, anche negli spazi aperti,  le autorità di controllo hanno multato 7mila persone.