Una leonessa (Ansa)
Una leonessa (Ansa)

Roma, 6 giugno 2021 - L’ondata di contagi, che sta mettendo in ginocchio l’India, non risparmia nemmeno gli animali. Una leonessa di nove anni, chiamata Neela, è deceduta lo scorso giovedì dopo aver contratto il Covid-19. Il felino era ospitato nello zoo di Vandalur a Chennai, nello stato del Tamil Nadu, uno tra i più colpiti nel Paese dalla pandemia, nello specifico dalla variante indiana. Altri otto leoni si sono infettati, due di questi, di 23 e 19 anni, sono attualmente monitorati con attenzione e sottoposti a trattamenti veterinari.

La settimana scorsa lo staff dell’Arignar Anna Zoological Park, questo il nome del parco di Chennai, chiuso al pubblico dal 20 aprile scorso, ha notato che i felini avevano perso appetito, tossivano e starnutivano. Nove di questi sono poi risultati positivi ai test anti-Covid. Neela era praticamente asintomatica, se è vero che solo il giorno antecedente al decesso  ha evidenziato un po’ di scolo dal naso.

"Negli animali ci può essere il contagio con gli uomini, soprattutto tra i felini – spiega Roberto Cauda, direttore dell’Unità di Malattie infettive  del Gemelli di Roma –. Recentemente è successo anche in una struttura per anziani in Germania e con il sequenziamento fatto si è dimostrato che era lo stesso virus che circolava nell’uomo». Fino ad oggi, chiosa Cauda, "i felini sono stati contagiati da forme non gravi. Verosimilmente la leonessa avrà contratto la variante indiana molto pericolosa. Se davvero fosse deceduta  per questo, il singolo caso andrà studiato e capito meglio".

Subissato dalle critiche degli animalisti, lo zoo ha precisato che nei giorni scorsi erano stati seguiti i protocolli di sicurezza. Tutto lo staff è vaccinato, viene testato regolarmente e indossa tute protettive ogni volta che entra in contatto con gli animali. Il cibo è trattato con i raggi ultravioletti. L’ipotesi più convincente per capire la causa del decesso resta quella secondo cui Neela sia stata infettata da un operatore asintomatico, immunizzato. Va detto che  il caso indiano non è unico. Nei mesi scorsi, in uno zoo svedese, una leonessa di 17 anni è stata soppressa in quanto non era riuscita a superare la malattia da Coronavirus.