21 feb 2022

Covid, fine restrizioni in Gran Bretagna. "Da giovedì stop anche a isolamento positivi"

Johnson: "E' il momento dell'orgoglio"

Londra, 21 febbraio 2022 - In Gran Bretagna stop a tutte le restrizioni anti Covid (quelle rimaste) da giovedì 24 febbraio. Lo ha annunciato il premier Boris Johnson, parlando alla Camera dei Comuni in merito al piano per questa nuova fase dell'epidemia Covid. Cade così anche l'obbligo dell'autoisolamento per i positivi, che viene sostituito da un invito alla responsabilità individuale. Il nuovo corso prevede, a partire dal 1 aprile 2022, anche la fine dei test covid gratuiti (saranno salvaguardate particolari fasce della popolazione 'fragili') e l'avvio della campagna vaccinale per la quarta dose riservata agli over 75 e ai pazienti vulnerabili. 

E' un momento di "orgoglio dopo uno dei periodi più difficili della storia del nostro Paese, mentre iniziamo a imparare a convivere con il Covid - anticipava ieri l'inquilino di Downing Street -. La pandemia non è finita, ma grazie all'incredibile campagna di vaccinazione siamo ora più vicini a rimetterci in carreggiata e finalmente a restituire alle persone le loro libertà, continuando a proteggere noi stessi e gli altri". Johnson ha promesso di adottare un "approccio prudente"e ha assicurato di avere piani d'emergenza in caso di nuove varianti. 

Quarta dose anti Covid in Italia: per chi è raccomandata e dopo quanto farla

Ultimi dati Covid 

I nuovi contagi giornalieri nel Regno Unito sono ai minimi da settembre (ieri 25.696 su oltre 900.000 test, in discesa del 25% su base settimanale). I morti sono tornati sotto quota 100 (ieri 74), anche se alleggeriti da qualche parziale ritardo statistico relativo al weekend - con un meno 20% su base settimanale. E prosegue pure la contrazione costante della somma attuale dei pazienti Covid ricoverati negli ospedali britannici, con un 15% di calo settimanale e un numero di persone costrette alla ventilazione assistita nei reparti di terapia intensiva del Paese ridotto a circa 300 in tutto.

Sembra dunque non aver impattato sulla situazione pandemica il "liberi tutti" già rilanciato da Johnson un mese fa, quando fu eliminata buona parte delle restrizioni sanitarie: attualmente le mascherine sono obbligatorie solo sui mezzi pubblici (oltre che negli ospedali e in genere nei contesti sanitari) e il green pass vaccinale non è più necessario per entrare nei locali. 

Le terze dosi di vaccino arrivano a 38 milioni con una copertuta di oltre due terzi della popolazione over 12: le seconde dosi sfiorano 49 milioni e le prime 52,6. 

Quarta dose a primavera 

In primavera il Regno Unito comincerà la somministrazione della la quarta dose del vaccino anti Covid a tutti gli over 75 e alle persone vulnerabili dai 12 anni in su. Lo hanno deciso oggi i consulenti governativi della campagna vaccinale, le cui raccomandazioni verranno trasformate più avanti in date precise dal gabinetto di Boris Johnson. Gli stessi consulenti hanno inoltre reso noto un piano, già delineato con il governo, per estendere ulteriormente in autunno l'offerta della quarta dose booster ad altre fasce di età. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?