Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
26 lug 2021
26 lug 2021

Covid, in Gran Bretagna contagi in calo da sei giorni

A una settimana esatta dalle riaperture del Freedom day, i contagi sono sotto quota 30mila: smentita la previsione dei 200mila casi al giorno

26 lug 2021
Pedestrians some wearing face masks, walk in the summer sunshine in central London on July 26, 2021. - For the first time in the latest wave of coronavirus covid-19 infections, the weekly number of cases has fallen. (Photo by Tolga Akmen / AFP)
Gente in strada a Londra (Ansa)
Pedestrians some wearing face masks, walk in the summer sunshine in central London on July 26, 2021. - For the first time in the latest wave of coronavirus covid-19 infections, the weekly number of cases has fallen. (Photo by Tolga Akmen / AFP)
Gente in strada a Londra (Ansa)

Londra, 26 luglio 2021 - I contagi Covid, accelerati dalla variante Delta, fanno paura in tutto il mondo (in Indonesia addirittura muoiono 100 bambini a settimana). Ma stranamente nel Regno Unito la corsa del maledetto virus sembra in calo: per il sesto giorno consecutivo - e in barba alle riaperture fortemente volute dal premier Boris Johnson - si contano meno casi del giorno precedente. 
Nelle ultime 24 ore - ad esempio - sono stati registrati 24. 950 casi, mentre domenica erano stati 29.173, sotto la soglia psicologica dei 30mila casi dal 6 luglio, decisamente sotto il picco di circa 50mila casi registrato poco prima del Freedom Day, una settimana fa, quando quasi tutti i rimanenti divieti anti-Covid sono stati revocati. 

FOCUS / Il bollettino in Italia del 26 luglio

Insomma, dati che sembrano contraddire le previsioni e fanno sperare che il picco della terza ondata sia stato superato. Il governo britannico e i suoi consiglieri scientifici stimavano per l'autunno un'impennata a almeno 100 mila casi al giorno, con Neil Ferguson, capo del Consiglio Scientifico, che non escludeva addirittura 200 mila casi al giorno

Alcuni scienziati sottolineano che il calo dell'8% dei test potrebbe spiegare "in parte" il decremento. Il fenomeno avrebbe però dietro numerosi fattori, dall'ondata di caldo al gran numero di infezioni e vaccinazioni che avrebbe avvicinato il Paese all'immunità di gregge. 

L'ultima serie di cinque giorni di numeri in calo era stata a febbraio, poco dopo che il Regno Unito aveva superato il picco dell'ondata invernale. C'è da dire che le conseguenze del Freedom Day ancora non si vedono e bisognerà attendere ancora qualche giorno per registrarle. Il dato di domenica è stato comunque del 40% più basso rispetto a quello della domenica precedente e ha segnato la prima volta che i numeri sono scesi sostanzialmente dall'inizio di maggio. Da notare che in tutte e due le precedenti ondate, la Gran Bretagna aveva fatto scendere i casi con misure di lockdown; stavolta il governo ha fatto conto invece sulle vaccinazioni e anzi ha allentato le ultime restrizioni invece che implementarle.

Approfondisci:

Green pass obbligatorio: le sanzioni per chi sgarra e la App per i controlli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?