Roma, 19 novembre 2021 - Lockdown generale da lunedì in Austria. Durerà 20 giorni e poi proseguirà per i non vaccinati. Nel Paese dall'1 febbraio del 2022 sarà imposto l'obbligo vaccinale alle persone che a quel giorno non avranno ricevuto alcuna dose del vaccino contro il Covid. Ad annunciarlo è il cancelliere austriaco Alexander Schallenberg parlando da Innsbruck all'intera nazione: "Dobbiamo guardare davanti alla realtà, chi è contro al vaccino compie un attento alla nostra salute, non vogliamo la quinta e la sesta ondata, il virus non va via, il virus resta". L'Austria diventa il primo Paese dell'Unione Europea ad imporre il vaccino. La decisione arriva dopo giorni di allarmi per l'altissima pressione sugli ospedali, con i contagi in crescita esponenziale (15.809 nelle ultime 24 ore). Secondo gli ultimi dati, in Austria l'incidenza è arrivata a mille casi ogni 100mila abitanti., Salisburgo sfiora 1.800. 

Covid in Italia: i contagi del 19 novembre

image

Covid Italia: sale l'incidenza, Rt stabile. Regione per regione

Terza dose vaccino ai 40-59enni, al via già da lunedì

Gli altri Paesi

Germania

"La situazione è seria, è ancora più seria della settimana scorsa. La dinamica del contagio non è stata interrotta. In quattro settimane l'incidenza del virus si è quintuplicata", ha detto il ministro della Salute tedesco Jans Spahn, in conferenza stampa a Berlino con il presidente del Robert Koch Institut, Lothar Wieler. Spahn ha citato le misure anticovid decise ieri che "andranno implementate e controllate". E non ha usato mezzi termini: "Siamo in emergenza nazionale", prevedendo che pazienti in terapia intensiva dovranno essere spostati anche all'estero. Wieler ha aggiunto: "Avevamo sperato in un inverno, ma a causa della variante delta e dell'alto tasso di persone che non sono vaccinate la situazione è ancora grave, anzi per certi aspetti peggiori che in passato". Per Wieler l'imposizione del '2G' dove l'incidenza del tasso ospedaliero supera 3 pazienti ricoverati da Covid su 100mila abitanti "non basta più" nella situazione attuale. I contatti vanno ridotti in modo massiccio, ha ripetuto anche oggi. Rispondendo a una domanda sul perché la Germania non vada subito in lockdown, alla luce della drammaticità della situazione pandemica, Spahn ha sottolineato: "Siamo in una fase in cui non dovremmo escludere nulla". E' stato sottolineato che la Germania è "un unico grande focolaio". Nel Paese nelle ultime 24 ore sono stati registrati 53mila contagi e 201 morti. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 3.431 (+55). Aumentato anche il tasso di incidenza a sette giorni del Paese, pari a 340,7 (nuovo massimo), spiega l'Rki. Ma la Germania non prevede al momento di adottare le stesse misure dell'Austria, ha assicurato alla Bild il ministro degli Esteri, Heiko Maas: "Non ci sarà nessun lockdown. Non ci sarà alcuna vaccinazione obbligatoria per tutti".

Intanto però la Baviera, fra i Laender attualmente più colpiti dal Covid, cancella i mercatini di Natale, mentre le discoteche e i bar devono chiudere di nuovo per le prossime tre settimane. Sono alcune delle misure annunciate dal presidente Markus Soeder, che ha tenuto una conferenza stampa sul pacchetto di misure deciso a Monaco. Soeder ha spiegato che il 2G e il 2G plus saranno validi in tutta la regione, e che sarà prescritta la riduzione dei contatti per i non vaccinati.

Niente mercatini anche in Sassonia, che poi si prepara a chiudere bar e discoteche. Ne ha dato notizia l'amministrazione regionale di Michael Kretschmer. Stop anche le istituzioni culturali e per il tempo libero, tranne le biblioteche. Il governatore ha spiegato che con un indice di contagio settimanale di 539,6 pazienti il 2G non basta più, ma per ora esclude un lockdown. Le misure di protezione contro il Coronavirus saranno quindi rafforzate nello stato dell’Assia, nella Germania occidentale, a metà della prossima settimana. L’accesso alle aree interne di ristoranti, impianti sportivi o istituzioni culturali sarà concesso solo a guariti o vaccinati. È previsto anche un ulteriore inasprimento dell’obbligo di indossare la mascherina. In futuro si applicherà a scuole, università, hotel, cinema o teatri. Il regolamento resterà in vigore inizialmente fino al 23 dicembre. 

Da Austria e Germania follia no vax: 'corona party' per il Green pass

Covid, la situazione in Germania (Robert Koch Institut)

Lockdown non vaccinati Italia, costituzionalista: "Una strada c'è"

Francia

L'epidemia di Covid si aggrava anche in Francia, dove il 18 novembre sono stati registrati 57 decessi coni contagi tornati sopra quota 20mila. Sono stati ricoverati in ospedale 7.787 pazienti, 522 in più rispetto a mercoledì. In totale, sono 1.333 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 119 in più nelle ultime 24 ore. Il numero di classi nelle scuole che sono state chiuse è risalito nettamente nel Paese nell'ultima settimana e ha toccato il record dall'inizio dell'anno scolastico a settembre: 4.048 classi chiuse, lo 0,8% delle classi nel paese ha annunciato il ministero dell'Educazione nazionale. Il precedente record era del 16 settembre, quando furono 3.300 le classi lasciate a casa. "Non è necessario" in Francia imporre un lockdown per i non vaccinati ha dichiarato il presidente francese, Emmanuel Macron, ritenendo il certificato sanitario sufficiente per incoraggiare a vaccinarsi e allo stesso tempo arginare la pandemia.

Covid, l'Ema valuta il vaccino Novavax. Cos'è e come funziona

Ungheria

L'Ungheria ha fatto registrare 11.289 nuovi casi di positività al coronavirus nelle ultime 24 ore, un dato record per quanto riguarda i contagi giornalieri dall'inizio della pandemia: lo hanno reso noto le autorità sanitarie di Budapest. L'Ungheria ha uno dei tassi di vaccinazione più bassi dell'Unione Europea.

Mappa Ecdc: in Italia 3 regioni e Bolzano in rosso

La nuova mappa Ecdc (Ansa)

Russia

La Russia ha registrato 1.254 morti per coronavirus nelle ultime 24 ore, il più alto numero giornaliero dall'inizio della pandemia. Lo riporta il centro di crisi anti-coronavirus. Il totale dei morti è salito a 261.589. Secondo i dati del centro di crisi, in Russia il 2,83% dei pazienti con coronavirus sono morti.