Macron: Francia in zona rossa e scuole chiuse (Ansa)
Macron: Francia in zona rossa e scuole chiuse (Ansa)

Parigi, 31 marzo 2021 -  In Francia l'epidemia da Covid è ormai "fuori controllo": lo ammette il governo Macron annuncianfo nuove restrizioni in arrivo e facendo mea culpa per via di "alcuni errori" nella gestione della terza ondata di Coronavirus che sta investendo in pieno il Paese. Per correre ai ripari, il presidente Macron mette tutta la Francia in zona rosa per 4 settimane. E lo annuncia durante un discorso alla nazione a reti unificate.

Bollettino Covid Italia dell'1 aprile

Riaperture dopo Pasqua: ecco quando e come

Ma il provvedimento forse più forte riguarda gli studenti: la Francia, dopo un anno, richiude le scuole per tre settimane. Del resto i medici francesi, vista la situazione, avevano chiesto al governo un "vero lockdown ovunque sia necessario". Gli ospedali sono stracolmi, in particolare i reparti di terapia intensiva ormai occupati al 90%.

Il discorso di Macron: le restrizioni

"Se restiamo uniti e solidali, se sapremo organizzarci, vedremo la fine del tunnel",  ha detto il presidente francese aprendo il suo discorso in tv dinanzi alla nazione per annunciare nuove misure contro il coronavirus. Quindi l'appello a ogni concittadino a "mobilitarsi" per fermare la pandemia, in questo mese di aprile determinante per l'esito della lotta al nemico invisibile. Macron ha sottolineato che "la crisi sanitaria dura da oltre un anno, un anno di dolore, di prove". Si è trattato di "un anno di sforzi per tutti, di angosce, di sacrifici: un anno in cui tutti insieme abbiamo resistito e imparato". Ma, ha continuato Macron, "dobbiamo resistere ancora".

Poi l'atteso - e temuto - annuncio sulle restrizioni: la Francia passa tutta in zona rossa, ha annunciato il presidente nel discorso  trasmesso su tutte le tv. Le regole di "allerta rafforzata" disposte per la regione di Parigi e altri 18 territori "saranno estese in tutto il paese", compresa la chiusura dei negozi non essenziali e il coprifuoco dalle 19. Le restrizioni comprendono la chiusura di numerosinesercizi e il divieto di spostarsi a più di dieci chilometri dal proprio domicilio. E la spiegazione:  "Se non agiamo la situazione andrà fuori controllo. Quello che vi chiedo, quindi, questa sera è uno sforzo ulteriore". Consentita qualche deroga per Pasqua:  i francesi potranno spostarsi da una regione all'altra durante il fine settimana di festa. 

"Abbiamo commesso errori"

"Noi possiamo dire che avremmo potuto fare meglio, che abbiamo commesso errori. Tutto questo è vero, ma noi abbiamo imparato e qualche volta abbiamo migliorato", ha ammesso Macron a conclusione del suo discorso alla nazione, esortando "nel mese che viene a mobilitarci per i più fragili, per proteggere i nostri figli e permettere loro di continuare a imparare e preparare loro il Paese, il continente, il mondo al quale hanno diritto". "Noi resteremo uniti e determinati", ha ribadito. Appena pochi giorni fa, Macron disse di non dover fare alcun 'mea culpa' per aver deciso a fine gennaio di non decretare un nuovo lockdown. 

Scuole chiuse: come e quando

"Noi dobbiamo assumerci le nostre responsabilità - ha detto Macron riferendosi alla chiusura delle scuole  - Noi chiuderemo per tre settimane gli asili, le scuole, i collegi". Secondo Macron, "il virus circola negli istituti scolastici, ma non più che altrove, ma la scuola non è negoziabile". L'interruzione delle lezioni si svolgerà così:  da martedì prossimo sono previste una settimana di insegnamento a distanza, poi due settimane di vacanze per tutti (come era previsto ma senza diversificazioni regionali), quindi dal 26 aprile il rientro per materne ed elementari, con medie e licei a distanza. Dal 3 maggio, tutti di nuovo in classe.

Per gli studenti universitari le regole restano invariate: potranno continuare ad andare all'università un giorno alla settimana.

Accelerare sui vaccini

L'appello di Macron - ripetuto più volte in diretta - è di accelerare sui vaccini:  "Noi mettiamo tutti i mezzi per vaccinare, vaccinare senza riposo, tutti i giorni, il sabato, la domenica". Con le vaccinazioni, secondo Macron, "l'uscita dalla pandemia è ormai visibile". In Francia sono 250 mila tra pompieri, veterinari, farmacisti e operatori sanitari mobilitati per le vaccinazioni anti Covid. La vaccinazione contro il Covid-19 in Francia verrà ampliata a tutti gli over-60 il 16 aprile, poi a tutti gli over-50 dal 15 maggio,ha annunciato il presidente, specificando: gli under-50 seguiranno a metà giugno e "da oggi alla fine dell'estate, tutti i francesi di oltre 18 anni che lo auspicano potranno essere vaccinati".

Macron ha sottolineato che la variante britannica ha fatto "apparire un'epidemia nell'epidemia". Un virus più "contagioso e anche più letale". Dopo le polemiche sullo scarso aumento dei posti in letto in rianimazione, il presidente francese ha poi detto che questo numero è già stato fatto salire a 7.000 e verrà presto portato a 10.000.

Riaperture da metà maggio

In Francia, da metà maggio si riapriranno i luoghi della cultura e i tavolini all'aperto dei bar, annuncia poi Macron, sottolineando però  che le riaperture seguiranno "alcune regole ferree".