Folla sulle banchine delle Senna a Parigi (Ansa)
Folla sulle banchine delle Senna a Parigi (Ansa)

Parigi, 27 febbraio 2021 - Se l'Italia piange, la Francia non ride. Anche oltr'alpe l'andamento dell'epidemia di Coronavirus è in rapida risalita complici anche le ormai famigerate varianti (quella inglese in primo piano). Da giorni la media dei nuovi contagiati francesi è di poco meno di  22mila con una punta, ieri, di 25mila. Numeri pesanti che hanno convinto il governo del primo ministro Jean Castex a mettere sotto attenta sorveglianza 20 dipartimenti nei quali potrebbero presto essere introdotte - qualora la situazione peggiorasse ancora - nuove restrizioni. Una sorta di lockdown locali ("confinements" in francese) sul modello delle nostre micro zone rosse o arancione scuro. Proprio oggi Castex ha affrontato il tema in una videoconferenza con i prefetti interessati. Mentre sul fronte dei vaccini sono circa 3 milioni i fracesi che hanno ricevuto al prima dose.

Vaccino Sputnik "efficace contro varianti"

Aukland: lockdown per un solo caso

I numeri

Cominciamo quindi ad analizzare gli ultimi numeri Covid in Francia. Ieri, come abbiamo detti, si è toccato un picco di 25.207 nuovi positivi e 286 morti. Il tasso di positività risale al 7,1%. Questo picco - come riporta il quotidiano parigino Le Parisien - porta la media settimanale dei nuovi casi a quota 21.608 in leggero ma costante aumento da sette giorni. Ed è la varante inglese a dilagare: il 50% dei nuovi casi è infatti dovuto appunto alla variante. e quantop agli ospedali si contano più di 3mila persone in terapia intensiva.

20 dipartimenti sotto alta sorveglianza

L'altro giorno in con ferenza stampa Castex ha ammesso che in Francia "la situazione è peggiorata". E quindi 20 dipartimenti transalpini sonostati messi sotto "sorveglianza rinforzata" con la possibilità di istituire confinamenti locali dal 6 marzo se le cose continuano a peggiorare. Dei 20 dipartimenti sotto sorveglianza, quattro sono nell'Alta Francia (Pas-de-Calais, Nord, Somme e Oise), otto nell'Ile-de-France. A sud vi sono Alpi Marittime, Bocche del Rodano e Var. A est ci sono Grande est, Mosella e Meurthe-et-Moselle. Sotto osservazione anche Drome, Eure-et-Loire e Rodano.

Lockdown a Parigi?

Tra i dipartimenti sotto sorveglianza c'è anche l'Ile-de-France, ovvero la regione di Parigi (nella capitale coprifuoco dalle 18 alle 6). La sindaca Anne Hidalgo ha lanciato un pesante sasso nello stagno proponendo per la capitale un lockdown di tre settimane. A France Info, il suo braccio destro, Emmanuel Grégoire, ha detto che questo consentirebbe di "ridare ossigeno", con "la prospettiva di riaprire tutto" al termine delle tre settimane di chiusura, incluso bar, ristoranti e luoghi culturali, pur mantenendo misure di protezione sanitaria. E la proposta di estendere questo lockdown a tutta la regione sarà studiata dal governo anche se non mancano perplessità anche fra gli stessi scienziati.

Nizza e Dunkerque

Intanto a Nizza e Dunkerque è tornato un lockdown nei weekend.

Italia, il bollettino Covid del 28 febbraio