Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
18 mag 2022

Covid in Corea del Nord, Kim Jong-un attacca i suoi funzionari "pigri e negligenti"

Il leader di Pyongyang è tornato ad accusare "l'attitudine non positiva" dei suoi dirigenti statali davanti alla pandemia

18 mag 2022
epa09954089 A photo released by the official North Korean Central News Agency (KCNA) shows North Korean leader Kim Jong Un (C) attending a meeting of the Presidium of the Political Bureau of the Central Committee of the Workers' Party of Korea (WPK) in Pyongyang, North Korea, 17 May 2022 (issued 18 May 2022).  North Korean leader Kim Jong Un has ordered nationwide lockdowns and mobilized troops to tackle the pandemic crisis since the country first disclosed the COVID-19 outbreak last week.  EPA/KCNA   EDITORIAL USE ONLY
Kim Jong-un con i membri del Presidio del Politiburo (Ansa)
epa09954089 A photo released by the official North Korean Central News Agency (KCNA) shows North Korean leader Kim Jong Un (C) attending a meeting of the Presidium of the Political Bureau of the Central Committee of the Workers' Party of Korea (WPK) in Pyongyang, North Korea, 17 May 2022 (issued 18 May 2022).  North Korean leader Kim Jong Un has ordered nationwide lockdowns and mobilized troops to tackle the pandemic crisis since the country first disclosed the COVID-19 outbreak last week.  EPA/KCNA   EDITORIAL USE ONLY
Kim Jong-un con i membri del Presidio del Politiburo (Ansa)

Pyongyang, 18 maggio 2022 - L'impennata di casi di Covid in Corea del Nord è colpa della negligenza e la pigrizia dei funzionari statali, ne è convinto il leader Kim Jong-un, che in una riunione con i vetrici del partito è tornato ad attaccare "l'immaturità nella capacità dello Stato di fare fronte alla crisi", quindi "l'attitudine non positiva, la pigrizia e l'inattività dei dirigenti statali ha pienamente svelato i punti vulnerabili e il vuoto del nostro lavoro".  A far saltare sulla sedia il dittatore nordcoreano sono le infezioni e le morti in continua ascesa, numeri che i media non rendono noti per scelta o forse per impossibilità: gli esperti sanitari hanno evidenziato che la Corea del Nord un sistema medico-sanitario scarso, e non è in grado di testare e diagnosticare il contagio reale su vasta scala. Secondo la Kcna, la statale Korean Central News Agency, i nuovi casi registrati da martedì sera sono stati poco più di 320.000, portando il numero complessivo a 1,72 milioni con 62 morti. Ma come sottolineanto sono cifre lontane dalla realtà. La stessa famiglia Kim ha donato farmaci alla popolazione della provincia di Hwanghae del Sud, rifeririscono i media statali, che danno risalto agli interventi del governo per fermare l'avanzata del Covid, come l'impiego di 3.000 medici militari in un "sistema di servizio 24 ore su 24 per effettuare le consegna e le fornitura di medicinali".  Ma vista l'arretratezza della Corea del Nord, Tedros Adhanom Ghebreyesus, presidente dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), si è detto "profondamente preoccupato per il rischio di un'ulteriore diffusione del Covid-19 nel Paese, in particolare perché la popolazione non è vaccinata e molti sono in condizioni a rischio di gravi malattie e morte".  Al mometno Pyongyang ha ricevuto aiuti dalla Cina, ma non ha risposto all'offerta fatta dai 'cugini' di Seul.    ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?