Coronavirus: pugno di ferro in Cina (Ansa)
Coronavirus: pugno di ferro in Cina (Ansa)

Pechino, 15 gebbraio 2020 - Non solo chi contagia, ma anche chi nasconde i sintomi del Coronavirus Covid-19 andrà incontro a pene severissime fino ad arrivare alla pena di morte.

Si inasprisce dunque il pugno di ferro delle autorità cinesi per far fronte all'epidemia del coronavirus. Dopo che nello Heilongjiang, provincia del nordest della Cina, è stata prevista nelle scorse settimane la pena di morte per chi contagia intenzionalmente (è considerata "una minaccia alla sicurezza pubblica con mezzi opericolosi"), adesso chi sempre intenzionalmente nasconde o riporta in maniera incompleta i sintomi del contagio del nuovo coronavirus commette un reato penale che verrà punito severamente, anche con la pena capitale.

Coronavirus: i dati aggiornati di morti e contagiati

La notizia è riportata dal quotidiano ufficiale Beijing Daily, che cita una informativa diffusa da un tribunale  cinese. Ma non basta. Anche nascondere i viaggi effettuati può costituire un reato, sottolinea il tribunale. Ogni residente che provoca una ulteriore diffusione del coronavirus Covid-19 può essere accusato del reato di messa in pericolo della sicurezza pubblica con mezzi pericolosi. "In casi estremi - sottolinea il quotidiano - i responsabili possono essere punti con dieci anni di carcere, l'ergastolo o la morte".