Roma, 20 ottobre 2020 - S'alza l'allarme in tutto il mondo per la pandemia da coronavirus. E mentre l'Argentina ha superato il milione di casi, l'Oms bacchetta l'Europa per la gestione delle quarantene. L'Irlanda primo Paese europeo a tornare in lockdown nella seconda ondata di Covid-19. Intanto il Regno unito pensa di esporre deliberatamente cavie umane al virus, mentre in Baviera scatta il lockdown per i troppi casi.

FOCUS / Bollettino Italia, i dati del 20 ottobre

Francia, oltre 20mila nuovi casi

In Francia sono stati registrati altri 20.468 casi nelle ultime 24 ore e 162 decessi. Il bilancio complessivo delle vittime sale così a 33.885 morti e 930.745 infezioni, secondo il ministero della Salute. Attualmente 12.458 pazienti sono ricoverati (2.177 in rianimazione) e 1.944 sono stati ospedalizzati nelle ultime 24 ore.

Gran Bretagna, 241 morti

La Gran Bretagna ha registrato 21.331 nuovi contagi e 241 morti nelle ultime 24 ore. I dati forniti dalle autorità sanitarie portano a 762.542 il totale delle persone contagiate dall'inizio della pandemia, mentre i decessi arrivano a 43.967. Dei 241 decessi delle ultime 24 ore, ben 213 si sono verificati in Inghilterra, 15 in Scozia, 10 in Galles e 3 in Irlanda del Nord.

Il Regno Unito sta spingendo per essere la prima nazione a condurre degli studi esponendo deliberatamente cavie umane al coronavirus. I test, che dovrebbero coinvolgere fino a 90 volontari sani, potrebbero iniziare a gennaio e puntano ad accelerare la corsa per ottenere un vaccino contro il Covid-19. Il governo, riferisce la Bbc, sta investendo 33,6 milioni di sterline. La sicurezza sarà una priorità numero uno, insistono gli esperti, anche se il piano dovrà ora essere vagliato sul piano etico e ricevere l'approvazione delle autorità di regolamentazione, prima di poter andare avanti. I ricercatori utilizzerebbero dosi controllate del virus per scoprire qual è la quantità minima che può causare l'infezione da Covid nei volontari di età compresa tra i 18 ei 30 anni.

Spagna, possibili nuove restrizioni

Sono 13.873 i contagi di Covid-19 in Spagna. In linea con i dati rilevati negli ultimi giorni, il dato sta costringendo il governo spagnolo a valutare nuove restrizioni. I decessi sono stati 218 che portano il bilancio totale a 34.210. "Arrivano settimane difficili, la seconda ondata del Coronavirus non è una minaccia, è una realtà in tutta Europa - ha affermato il ministro della Sanità spagnolo, Salvador Illa, aprendo la porta all'ipotesi di un nuovo stato di emergenza a livello nazionale.

Europa, quarantene soft

L'aumento vertiginoso dei casi di coronavirus nell'emisfero settentrionale è dovuto al fatto che le persone entrate in contatto con un contagiato "non sono state messe in quarantena per un periodo adeguato", sostiene il direttore per le emergenze dell'Oms Michael Ryan. "Non è accaduto ovunque e in modo sistematico ma sono convinto che sia la principale ragione per la quale stiamo vedendo dei numeri così alti", ha aggiunto precisando che nella metà dei 48 paesi dell'area Europa che fanno parte dell'Agenzia dell'Onu i casi di Covid-19 sono aumentati del 50%.

image

Nuovo record in Germania

Nuova cifra record di casi di coronavirus anche in Germania: secondo il bollettino dell'Istituto Robert Koch, nelle ultime 24 ore sono stati registrati 6.868 contagi, il numero più alto finora, e 47 morti. Ieri i casi positivi erano stati 4.325 e 12 i decessi. Con gli ultimi dati sale a 373.167 il numero delle persone contagiate e 9.836 quello delle vittime. 

Picco in Baviera: lockdown 

In Germania è stato deciso il primo lockdown parziale e locale della seconda ondata di coronavirus. A partire da oggi la misura entra in vigore nel distretto di Bertechsgardener Land in Baviera, a due passi dalla frontiera con l'Austria. E si tratta di misure drastiche: dalle 14 si può uscire dalla propria abitazione solo per necessità urgenti, le scuole, gli asili, i ristoranti e le strutture per il tempo libero chiudono i battenti, tutti gli eventi pubblici vengono chiusi. Attualmente il provvedimento rimane in vigore per 14 giorni. 
Il fatto è che in questa zona è arrivata a 272,8 l'incidenza sui sette giorni delle nuove infezioni su 100 mila abitanti: si tratta del picco a livello nazionale. Il 'tetto' stabilito dal governo è di 50 contagi su 100 mila abitanti. E' che la situazione in Baviera appare particolarmente critica: sono circa 57 le circoscrizioni e i distretti in cui si superano le 35 infezioni su 100 mila abitanti, in 29 comuni si e' oltrepassata la soglia dei 50 nuovi contagi su 100 mila. Oggi anche in altri Laender si discute se e da quando rafforzare le misure volte a contenere la diffusione della pandemia, tra questi Brandeburgo, Meclembergo e Sassonia-Anhalt.

Lockdown Irlanda, come funziona

L'Irlanda sarà il primo paese dell'UE a tornare al blocco del coronavirus, ha detto ieri il primo ministro Micheal Martin, emettendo un ordine nazionale di "restare a casa" ma insistendo sul fatto che le scuole resteranno aperte. Le misure che entreranno in vigore per sei settimane a partire dalla mezzanotte di mercoledì vedranno tutti i negozi al dettaglio non essenziali chiudere e bar e ristoranti limitati al solo servizio da asporto o di consegna. "A tutti gli abitanti del paese viene chiesto di rimanere a casa", ha detto Martin. Solo i lavoratori essenziali saranno "autorizzati a recarsi al lavoro", ha detto, e ai cittadini sarà permesso di fare esercizio fisico solo entro cinque chilometri (tre miglia) dalla loro residenza.

image

Il governo ha avvertito in una dichiarazione che "ci sarà una sanzione" per aver violato la restrizione dei cinque chilometri e che il trasporto pubblico funzionerà al 25% della capacità di servire solo i lavoratori essenziali. Martin ha detto che le scuole e le strutture di assistenza all'infanzia devono rimanere aperte "perché non possiamo e non permetteremo che il futuro dei nostri figli e dei nostri giovani sia un'altra vittima di questa malattia". Sarà esteso anche il divieto di visite tra le diverse famiglie e di eventi al coperto, anche se due famiglie potranno mescolarsi in luoghi all'aperto come i parchi. 

Immuni 'parla' con le app di Germania e Irlanda

Italia, Germania e Irlanda sono i primi Paesi dell`Unione europea a garantire interoperabilità delle app di tracciamento dei contatti e allerta per il Covid-19. E' entrato in funzione il gateway voluto dalla Commissione europea per mettere in comunicazione tra loro le applicazioni nazionali di tracciamento.  "Il virus non si ferma alle frontiere - ha rimarcato la Commissione - per sfruttare appieno il potenziale delle applicazioni di tracciamento abbiamo creato un sistema a livello europeo per far interagire tra loro le app nazionali per il coronavirus".  Il sistema è stato avviato con la tedesca Corona-Warn-App, l'irlandese COVID Tracker e l'italiana Immuni: complessivamente queste app sono state scaricate da circa 30 milioni di persone, corrispondenti ai due terzi di tutti i download di app nell'Ue. 

Argentina supera il milione di casi

Con i 12.982 contagi delle ultime 24 ore, l'Argentina ha superato il milione di casi di coronavirus. Lo ha reso noto il ministero della Salute a Buenos Aires. È il quinto Paese al mondo ad aver raggiunto quella cifra. L'ultimo rapporto delle autorità sanitarie ha indicato che i contagi da Covid-19 da marzo sono ora 1.002.662, e che i 451 decessi dell'ultimo giorno hanno fatto salire il bilancio totale dei morti a 26.716. Le persone ricoverate in terapia intensiva, infine, sono attualmente 4.392, con una percentuale di occupazione dei letti del 64% sul territorio nazionale e del 63,2" nell'area metropolitana di Buenos Aires. 

Usa

Gli Stati Uniti hanno registrato 58.387 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, secondo i dati forniti dalla Johns Hopkins University. Le vittime da ieri sono invece 445.  Il bilancio complessivo della pandemia nel Paese è ora di 8.212.981 contagi e 220.119 decessi, secondo la stessa fonte. 

Brasile

l Brasile ha raggiunto un totale di 154.176 morti per coronavirus, dopo averne aggiunti altri 271 nelle ultime 24 ore, secondo i dati caricati lunedì dal Ministero della Salute sulla sua piattaforma online. Il ministero ha anche riferito che il numero di casi confermati di covid-19 è ora pari a 5.250.727.