epaselect epa08227085 A passenger of the Diamond Princess cruise ship leaves the Daikoku Pier Cruise Terminal in Yokohama, south of Tokyo, Japan, 19 February 2020. Passengers of the cruise ship started to disembark after a two-week-long quarantine period following the Covid-19 coronavirus outbreak. A total of 542 passengers and crew were tested positive for Covid-19. The disease caused by the novel coronavirus (SARS-CoV-2) has been officially named COVID-19 by the World Health Organization (WHO). The outbreak, which originated in the Chinese city of Wuhan, has so far killed more than 2,000 people with over 75,000 infected worldwide, mostly in China.  EPA/TORU HANAI
epaselect epa08227085 A passenger of the Diamond Princess cruise ship leaves the Daikoku Pier Cruise Terminal in Yokohama, south of Tokyo, Japan, 19 February 2020. Passengers of the cruise ship started to disembark after a two-week-long quarantine period following the Covid-19 coronavirus outbreak. A total of 542 passengers and crew were tested positive for Covid-19. The disease caused by the novel coronavirus (SARS-CoV-2) has been officially named COVID-19 by the World Health Organization (WHO). The outbreak, which originated in the Chinese city of Wuhan, has so far killed more than 2,000 people with over 75,000 infected worldwide, mostly in China. EPA/TORU HANAI

Roma, 22 febbraio 2020 - Cresce il numero dei contagiati dal nuovo coronavirus nel mondo. Il bilancio, in costante aumento, è ormai quasi a quota 78 mila, e 2.362 i decessi. La stragrande maggioranza dei contagi, 76.291, è in Cina, dove ci sono anche 2.250 morti, quasi tutti nell'Hubei. Ma se le autorità di Pechino registrano un calo nel numero di nuove infezioni, passate dalle 889 di ieri a 397, nel resto del mondo la situazione è in via di lento ma inesorabile peggioramento. 

La vicina Corea del Sud denuncia un netto incremento dei casi accertati, da 229 di ieri a 433. Nel Paese, l'altro grande focolaio dopo la Cina, una setta religiosa si è messa in auto-isolamento perchè considerata l'origine dell'epidemia.

Poi, oltre l'Italia, che con 2 morti e i più di 59 contagiati è l'esempio di come in poco tempo la situazione possa precipitare anche per un solo caso sottovalutato, si registrano picchi nei contagi in Iran (28 contagiati e sei morti) e in alcuni Paesi mediorientali come Libano e Israele. Tel Aviv è alle prese con il primo caso, e inquietanti collegamenti non mancano: 9 dei nuovi positivi al contagio in Corea del Sud avevano trascorso recentemente otto giorni in Israele. Negli Emirati Arabi Uniti i casi salgono a 13: un uomo di nazionalità iraniana di 70 anni e sua moglie di 64 anni sono risultati positivi al nuovo coronavirus. Lo riferiscono le autorità sanitarie.

image

Nel mondo cresce soprattutto la preoccupazione per i casi di contagio che non hanno un chiaro "legame epidemiologico" con la Cina. Una situazione che spinge Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), a ribadire: "Nonostante il numero totale dei casi registrati fuori dalla Cina resti relativamente piccolo, siamo preoccupati per il numero dei casi che non hanno un chiaro legami epidemiologico, come una storia di viaggio in Cina o contatti con un caso confermato''. 

"E' anche motivo di preoccupazione come il virus si stia diffondendo in altre parti del mondo'' continua il direttore dell'Oms, che avverte: "Si sta restringendo la finestra di possibilità'' per contenere il virus. ''La nostra preoccupazione più grande continua a essere quella che si diffonda in quei Paesi dove il sistema sanitario è più debole'', ha concluso Tedros Adhanom Ghebreyesus.

I dati aggiornati a sabato 22 febbraio

Cina "continentale": 76.291 contagi - 2.350 morti
Giappone: 751 contagi - tre morti
Corea del Sud: 433 contagi - due morti
Singapore: 86 contagi 
Hong Kong: 69 contagi - due morti 
Thailandia: 35 contagi 
Stati Uniti: 35 contagi 
Italia: 59 contagi - due morti 
Iran: 28 contagi - sei morti 
Taiwan: 26 contagi - un morto 
Australia: 23 contagi 
Malaysia: 22 contagi 
Germania: 16 contagi 
Vietnam: 16 contagi 
Francia: 12 contagi - un morto 
Emirati Arabi Uniti: 13 contagi 
Macao: 10 contagi 
Canada: 9 contagi 
Regno Unito: 9 contagi 
Filippine: 3 contagi - un morto 
India: 3 contagi 
Russia: 2 contagi 
Spagna: 2 contagi 
Belgio: 1 contagio 
Cambogia: 1 contagio 
Egitto: 1 contagio 
Finlandia: 1 contagio 
Israele: 1 contagio 
Libano: 1 contagio 
Nepal: 1 contagio 
Sri Lanka: 1 contagio 
Svezia: 1 contagio.