Emmanuel Macron in visita in un ospedale vicino Parigi (Ansa)
Emmanuel Macron in visita in un ospedale vicino Parigi (Ansa)

Roma, 23 ottobre 2020 - L'Europa continua ad essere vigilata speciale per l'ondata inarrestabile della pandemia di Coronavirus. Ieri Francia e Spagna, le più colpite nel Vecchio Continente, hanno superato il milione di contagi. Anche oggi i dati sono preoccupanti, in quasi tutti i Paesi che stanno facendo i conti con un aumento esponenziale della curva dei contagi. Drammatiche ad esempio anche le escalation in Repubblica Ceca, Olanda e Svizzera. La politica cerca ancora soluzioni adatte per un'epidemia ancora in crescita. Choc l'annuncio del premier spagnolo Sanchez: il vero numero dei malati in Spagna è arrivato a oltre 3 milioni, dall'inizio della pandemia, ma esita ancora davanti alle richieste delle autorità locali. Il presidente francese Emmanuel Macron invece deciderà per eventuali lockdown locali di settimana in settimana, a seconda dell'efficacia delle misure già prese contro i contagi. Ma i numeri sono molto gravi in Francia: anche oggi oltre 42mila nuovi casi.  

Italia, ultimo bollettino

image

Francia

La Francia stabilisce un nuovo record di contagi: 42.032 nelle ultime ore, secondo il sito del governo, contro i 41.622 registrati ieri. Nel Paese transalpino la pandemia non sembra rallentare. I tamponi sono di media quotidiana 232.000. I nuovi decessi sono 184, relativamente agli ospedali, ma si devono aggiungere le vittime degli ultimi 4 giorni nelle case di cura e negli istituti per disabili, che sono state 114. Il totale dei morti dal 1 marzo sale a 34.508. Aumentano anche le rianimazioni: oggi ci sono quasi 300 pazienti in più rispetto a ieri, per un totale di 2.441 letti per malati Covid. I positivi in Francia dall'inizio di febbraio sono 1.041.075. 

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha detto che "è troppo presto per dire se ricorreremo a lockdown locali". Il capo di stato transalpino era in visita in un ospedale di Pontoise, a nord di Parigi. Ai giornalisti che lo interpellavano ha risposto: "Valuteremo ogni settimana l'efficacia delle misure prese. Almeno fino a inizio dicembre, avremo tutto quello che è stato annunciato dal governo. Queste misure, di certo, posso dirvelo già oggi, non saranno ridotte. Forse saranno rafforzate se non sono sufficientemente efficaci". E ha aggiunto: "Ci sbarazzeremo del virus soltanto per un colpo di fortuna, ma abbiamo visto che finora di fortuna non ne abbiamo avuta, o per immunità collettiva o per un abbinamento vaccino-cure". Ma in ogni caso, ha sottolineato: "Avremo questo virus almeno fino all'estate".

Rennes, 5.000 tifosi in curva durante la Champions League. Uefa apre un'inchiesta  

Oggi il direttore generale degli Ospedali di Parigi, Martin Hirsch, aveva detto di ritenere "possibile" che la "seconda ondata" del Covid-19 in Francia "sia peggio della prima", sottolineando che la situazione è "temibile per tutti noi". Buone notizie invece per Brigitte Macron: la premiere dame francese è risultata negativa al nuovo test di coronavirus. La moglie del presidente era  in isolamento precauzionale da sette giorni dopo un contatto con un caso di Covid-19.

image

Spagna

Discorso alla Nazione choc del premier spagnolo Pedro Sanchez: "Il numero reale" dei malati di Coid-19 in Spagna fino ad oggi supera i 3 milioni, e non a poco più di un milione come risulta dai dati ufficiali. Sanchez ha spiegato che i numeri reali sono molto più alti di quelli ufficiali perchè all'inizio dell'epidemia fu effettuato un basso numero di tamponi. Il premier invita gli spagnoli a "restare uniti e resistere" fino all'arrivo di un vaccino. Sanchez non ha tuttavia specificato quali provvedimenti l'esecutivo abbia intenzione di adottare per limitare la diffusione dell'epidemia. Ma di fatto Sanchez ha le mani legate: le regioni hanno le competenze per la sanità, e non sono d'accordo fra di loro su quali misure di ordine pubblico chiedere al governo, o non vogliono l'intervento dell'esecutivo centrale. Alcune regioni, come Madrid e la Catalogna, hanno fatto da sole, ma la magistratura deve ancora pronunciarsi sulla legittimità dei rispettivi provvedimenti. La Comunità autonoma (regione) di Madrid ha annunciato di voler applicare a partire da sabato un coprifuoco da mezzanotte alle 6 del mattino.

image

Oms

L'Oms lancia un allarme: in "troppi Paesi" stiamo assistendo ad un "aumento esponenziale" di contagi da Covid-19. L'emisfero nord si trova in un "momento critico" della pandemia, ha spiegato il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus. "I prossimi mesi saranno molto duri e molti Paesi sono su una strada pericolosa", ha aggiunto. L'aumento dei casi sta già portando ad "ospedali e unità di terapia intensiva che operano quasi al limite o oltre la loro capacità, e siamo ancora a ottobre". Quindi invita alla cooperazione tra Paesi: "La chiave per un fronte unito contro il virus è condividere le risorse in modo equo. L'ossigeno è uno dei farmaci più essenziali per salvare i pazienti con Covid-19. E molti paesi semplicemente non hanno abbastanza ossigeno disponibile per assistere i pazienti malati mentre lottano per respirare". Ma "le stime suggeriscono che alcuni dei Paesi più poveri potrebbero avere solo il 5%-20% dell'ossigeno di cui hanno bisogno per la cura dei pazienti. Con la pandemia, la domanda di ossigeno è cresciuta in modo esponenziale". 

Olanda

Record di infezioni da coronavirus nei Paesi Bassi: quasi 10.000 in 24 ore, secondo i dati dell'Istituto nazionale per la sanità pubblica (Rimv). Un lockdown parziale è in vigore in Olanda dal 14 ottobre. 

Svizzera

Raddoppiano i casi in Svizzera: 6.634 nelle ultime 24 ore, con un rapporto nuovi contagi/100 mila abitanti pari a 495. "Abbiamo superato tutti i nostri vicini", ha sottolineato Stefan Kuster del ministero della Salute, spiegando che il tasso è più alto di Francia, Austria e cinque volte maggiore della Germania. 

Germania ancora sopra gli 11mila casi

La Germania registra 11.242 nuovi casi di coronavirus a fronte degli 11.287 segnalati ieri quando per la prima volta dall'inizio della pandemia nel Paese si è avuto un aumento di più di 10.000 casi confermati nell'arco di 24 ore. Gli ultimi dati dell'Istituto Robert Koch parlano anche di altri 49 decessi.  omplessivamente, dall'inizio dell'emergenza sanitaria sono 403.291 i contagi e 9.954 le vittime. Sale invece a circa 310.200 il numero dei pazienti guariti (+4.200).

Belgio, sos Bruxelles

Bruxelles e la Vallonia sono le regioni d'Europa più colpite dal Coronavirus, ed il Belgio nel suo insieme (Paese di 11 milioni di abitanti) ha sfondato il tetto delle 10mila casi al giorno, facendo registrare 10.454 casi (+ 69% rispetto alla settimana precedente). Sono gli ultimi dati diffusi dalle autorità. Intanto il premier Alexander De Croo ha annunciato nuove misure di contenimento, in vigore da oggi fino al 19 novembre. Il tasso di occupazione dei locali scolastici scende fino a un massimo del 20% degli studenti delle scuole superiori, con l'obbligo di indossare la mascherina. Senza pubblico tutte le manifestazioni sportive, sospese le competizioni amatoriali.

Regno Unito

Altri 20.530 casi registrati nel Regno Unito nelle ultime ore, un dato alto ma in leggero calo rispetto ai 21.242 di ieri, e 224 morti, in aumento rispetto ai 189 di ieri. Di 830mila contagi e 44.571 morti il bilancio complessivo dall'inizio dell'emergenza sanitaria nel Paese.

image

Tutta la Polonia 'zona rossa'

Tutta la Polonia diventa "zona rossa" e ci saranno nuove, più rigorose restrizioni: è quello che ha affermato oggi il premier polacco Mateusz Morawiecki, annunciando il semi lockdown per il Paese, in cui la situazione della pandemia si sta aggravando. Secondo i dati del ministero della Sanità, in Polonia sono 13.632 i nuovi contagi da Covid registrati nelle 24 ore, e 153 i morti.

Russia, oltre 17mila nuovi contagi

In Russia sono stati registrati nelle ultime 24 ore 17.340 nuovi casi, il numero più alto dall'inizio della pandemia. Le infezioni totali ora sono 1.480.646. Lo riporta la task force federale contro il virus. I morti sono invece 283, per un totale di 25.525.

Repubblica Ceca da incubo

La Repubblica Ceca (che ha meno abitanti della Lombardia) ha registrato nelle ultime 24 ore 14.151 nuovi casi, in calo rispetto al record di 14.968 del giorno precedente, ma sempre da incubo considerando le ridotte dimensioni del Paese.

Ucraina, altro record

L'Ucraina ha registrato un record giornaliero di 7.517 casi rispetto al precedente record di 7.053 di ieri. Il numero totale di casi è salito così a 330.396 in questo Paese che conta poco più di 42 milioni di abitanti.

Usa, oltre 220mila morti

 Gli Usa hanno registrato nelle ultime 24 ore 75.049 nuovi casi, record giornaliero assoluto da luglio (all'epoca oltre 77 mila), il secondo primato negativo da quando è iniziata l'epidemia di Covid. Nell'ultima settimana la media è stata di 62.166 nuovi contagi, un aumento del 32% rispetto alle due settimane precedenti.

Cina, nessun nuovo caso 'locale'

Nessuna nuova infezione  trasmessa a livello locale è stata segnalata ieri in Cina continentale, dove invece sono stati registrati altri 18 casi confermati importati. Lo rende noto il bollettino odierno della Commissione Sanitaria Nazionale cinese. Altri 2 casi sospetti di COVID-19 importati sono stati riportati ieri a Shanghai. In Cina continentale non si registrano altri decessi correlati al nuovo coronavirus. Tra i nuovi casi importati, 9 sono stati segnalati a Shanghai, 7 in Fujian e 2 a Chongqing.

Lussemburgo

Ricorre al coprifuoco notturno anche il Lussemburgo. Stop tra le 23 e le 6 del mattino e limitazioni ai raduni con possibile un massimo di quattro persone. L'annuncio è stato fatto dal premier Xavier Bettel su Twitter: "La situazione è peggiorata negli ultimi giorni e dobbiamo evitare che diventi più drammatica". Il primo ministro ha ricordato ai concittadini di indossare le mascherine. Secondo i media il coprifuoco dovrebbe durare un mese.

Città del Vaticano

La Direzione di Sanità ed Igiene del Vaticano DSI fa sapere che sono in totale 13 le Guardie svizzere che ad oggi risultano positive al coronavirus. L'ufficio stampa precisa che "tutti i membri del corpo sono stati testati". Nessuna Guardia svizzera è comunque ricoverata in ospedale. "Non tutte le guardie mostrano necessariamente dei sintomi come febbre, dolori alle articolazioni, tosse e perdita dell'olfatto", si legge nella nota.

San Marino

Nella Repubblica di San Marino registrati 17 nuovi positivi nelle ultime 24 ore . Lo comunica l'Istituto di sicurezza sociale sammarinese. Da inizio pandemia i casi salgono a 819, con 42 decessi. Gli attualmente positivi sono 61. Tre ricoverati nei reparti di Medicina dell'ospedale di Stato. Le quarantene attive sono 56.

image

Altri Paesi 

Boom di contagi in Serbia: nelle ultime 24 ore i casi sono stati 579, con il totale da inizio epidemia salito a 38.115. I decessi da ieri sono stati tre, che portano a 786 il numero delle vittime. In Kosovo 169 i nuovi contagi nelle ultime 24 ore: il totale dei casi sale a 17.591. I decessi da ieri sono stati due. In Slovenia numeri alti: 1.656 nuovi contagi, mentre sono deceduti due pazienti. Positivo il ministro degli esteri sloveno Anze Logar, non ha sintomi ed è in isolamento. In Montenegro nelle ultime 24 ore si sono registrati 177 nuovi contagi. Il totale da inizio epidemia sale a 16.436, mentre altri due decessi hanno portato a 255 il numero delle vittime. I nuovi contagi in Macedonia del Nord sono 518, e nove decessi. I casi totali da inizio epidemia sono saliti a quasi 26 mila casi e 883 vittime. Kenya, forte aumento giornaliero dei casi con oltre mille contagi soltanto nella giornata di ieri. Si tratta del numero più alto segnalato in un giorno nel Paese. Il Kenya a oggi ha registrato ufficialmente 47.212 casi di coronavirus e 870 decessi. Colombia, la vicepresidente Marta Luca Ramrez ha confermato di essere positiva al coronavirus. La Colombia si sta avvicinando a un milione di positivi: l'ultimo rapporto giornaliero segnala un totale di 990.270 contagi dall'inizio della pandemia. I morti finora registrati in Colombia sono 29.636. In leggera crescita i casi giornalieri in Algeria: altri 273 nuovi infetti, (ieri erano 266), che portano il bilancio totale a 55.634 contagiati. I decessi sono saliti a 1897, di cui 9 nelle ultime 24 ore.

image