Pyongyang, 15 maggio 2018 - La Corea del Nord ha iniziato a smantellare il suo unico sito conosciuto di test nucleari come mostrano immagini satellitari recentemente acquisite. La notizia arriva a meno di un mese dallo storico vertice tra il leader nordcoreano Kim Jong Un e il presidente americano Donald Trump, che si terrà a Singapore il prossimo 12 giugno. Anticipata dal think tank americano '38 North' della Johns Hopkins University, la conferma è arrivata da Pyongyang, che nel fine settimana ha annunciato di voler distruggere "completamente" il sito di Punggye-ri, nel nordest del Paese. Alla 'cerimonia', prevista tra il 23 e il 25 maggio, sono stati invitati diversi media internazionali.

Il sito di Punggye-ri, l'unico noto ai paesi straniere, è famoso per essere stato il palcoscenico di sei test nucleari effettuati dalla Corea del Nord. L'ultimo dei quali in settembre, quando Pyongyang affermò di aver testato una bomba all'idrogeno. Il mese scorso, Kim Jong Un ha dichiarato che la forza nucleare nordcoreana è completa e che il suo Paese non ha più bisogno di quel sito. "Le immagini, scattate il 7 maggio, mostrano le prime prove inconfutabili che le operazioni di smantellamento sono in corso", ha scritto '38 North' sul suo sito.

La chiusura del sito è stata confermata anche da fonti militari della Corea del Sud: Roh Jae-cheon, portavoce del Comando di Stato maggiore congiunto sudcoreano, ha parlato oggi di "lavori preparatori", senza però fornire ulteriori dettagli. Seul ha però fatto notare come la chiusura del sito, presentata come gesto di disponibilità per superare lo scontro con Seul e Washington, potrebbe essere stata decisa perché la vasta area e profondi tunnel scavati sotto di essa non sarebbero più utilizzabili dopo il sesto e ultimo test dell'anno scorso. Come suggerisce una recente ricerca pubblicata sulla rivista Science, infatti, la detonazione avrebbe portato al collasso il sovrastante monte Mantap, accorciatosi di circa mezzo metro.