Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Moda Salute Itinerari

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Petroliere cinesi affiancate a quelle nordcoreane (dal sito Chosun Ilbo)

Seul, 27 dicembre 2017 - Pechino forse fornisce di nascosto il petrolio alla Corea del Nord, malgrado abbia votato a favore delle ultime sanzioni contro il programma nucleare e missilistico di Pyongyang, proprio incentrate sul taglio delle forniture di greggio. A tradire l'ipotizzato doppio gioco cinese sono state delle foto scattate da satelliti spia Usa che mostrano petroliere cinesi affiancate a navi cisterna di Pyongyang per effettuare in mare il trasbordo di greggio. Un fatto registrato almeno una trentina di volte da ottobre. 

Trump, furia su Pechino: "Beccati!"

Le immagini pubblicate dal sito sudcoreano 'Chosun Ilbo', foto satellitari, mostrano anche i nomi delle petroliere coinvolte negli scambi nelle acque del Mar Giallo, vicino alle coste cinesi. Il mercantile nordcoreano ripreso il 19 otobre è il "Ryesonggang 1", a cui si affiabca una nave cinese, in palese violazione della risoluzione del Consiglio di Sicurezza 2375, adottata a settembre dopo il test della prima bomba all'idrogeno, del 3 settembre, e di quella votata venerdì scorso che riduce l'import a massimo 500.000 barili di petrolio per il 2018. 

La Corea del Sud, anche se non accusa direttamente Pechino, sostiene che questi scambi illegali continueranno fino a quando i cinesi non s'impegneranno seriamente nel contrasto del contrabbando di petrolio in mare, limitandosi ora a farlo rispettare solo alla frontiera terrestre tra i due Paesi. I media di Seul accusano il governo cinese di chiudere un occhio per questi traffici via mare per consentire a Pyongyang di ricevere il greggio senza il quale non sopravvivrebbe e formalmente rispettando le sanzioni Onu. Ufficialmente i dati della dogana cinesi non mostrano alcun invio di greggio a novembre.  Pechino si difende, attraverso il ministero degli Esteri, di non essere a conoscenza delle foto satellitari diffuse dal Chosun Ilbo.

Disertori norcoreani con anticorpi per antrace, spettro armi chimiche

Corea del Nord, nuove sanzioni Usa. Mosca: "Pronti a mediare"

Corea del Nord: "Sanzioni Onu atto di guerra, rafforzeremo il nucleare"

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.