Corea Nord, test missilistici (Ansa)
Corea Nord, test missilistici (Ansa)

Seul, 27 dicembre 2017 - Almeno quattro disertori della Corea del Nord mostrano chiari segni di esposizione a radiazioni. E' quanto riferisce il governo della Corea del Sud tramite il portavoce del ministero per l'unificazione, Baik Tae-hyun. I ricercatori di Seul non sono ancora riusciti ad accertare un collegamento tra questi casi e il programma nucleare di Pyongyang, ma si sa che i quattro disertori, arrivati quattro mesi fa, provengono proprio dalla contea di Kilju, zona della  Corea del Nord in cui si trova il sito di test nucleari Punggye-ri.

Corea del Nord, nuove sanzioni Usa. Mosca: "Pronti a mediare"

Dal 2006 la Corea del Nord avrebbe realizzato almeno sei test nucleari, tutti in tunnel che si trovano sotto le montagne della zona, sfidando le incalzanti risoluzioni del Consiglio di sicurezza Onu. Gli ex sudditi del regime di Kim sono stati esaminati dal governo sudcoreano da ottobre, un mese dopo il sesto e più potente test nucleare. A seguito di tale test furono osservati una serie di terremoti di lieve entità e i satelliti hanno rilevarono ampie frane nella zona insieme a notizie non confermate di residenti di Kilju che si sono ammalati nelle settimane successive. Tuttavia, secondo le analisi, i quattro sarebbero stati esposti alle radiazioni fra maggio del 2009 e gennaio del 2013, e tutti hanno disertato nel Sud prima dei test più recenti, precisa un ricercatore del Korea Atomic Energy Research Institute, che ha supervisionato gli esami.

Corea del Nord: "Sanzioni Onu atto di guerra, rafforzeremo il nucleare"

 LO SPETTRO DELLE ARMI CHIMICHE -  Non sono solo le radiazioni a destare preoccupazione a Seul. Nella capitale del Sud si torna infatti a parlare della possibilità che il regime nordcoreano stia lavorando allo sviluppo di armi chimiche, dopo che quest'anno, secondo quanto riportato dal Telegraph, un altro soldato nordcoreano disertore ha riferito di avere anticorpi legati alla mortale infezione da antrace nel suo sangue. La presenza degli anticorpi nel soldato dimostra che è stato esposto o vaccinato contro la pericolosa malattia. Nonostante i timori che il loro vicino ostile stia usando i batteri per un programma di armi biologiche, le forze armate della Corea del Sud devono ancora assicurare un vaccino contro l'antrace e probabilmente non lo faranno fino alla fine del 2019.