Roma, 10 novembre 2021 - Alla Cop26 di Glasgow finalmente qualcosa si muove e nella direzione giusta. La notizia più importante è che secondo una serie di studi effettuati in questi giorni da IEA, università di Melbourne  e Climate Action Tracker, l'aumento di temperatura a fine secolo sarebbe attono a 1.8 gradi se tutti gli impegni volontari di riduzione e tutte le promesse prese negli accordi volontari annunciati a margine della Cop26 fossero mantenuti ed effettivamente implementati. Come osserva il Climate Action Tracker "è un grande se", tanto è vero che Climate Action Tracker prevede che l'aumento della temperatura più probabile sia 2.4 gradi.  Basandosi sui nuovi impegni volontari di riduzione e sulle altre promesse fatte, osservano però gli studi, l'obiettivo di stare sotto i 2 gradi sarebbe raggiungibile se alle promesse seguiranno i fatti. Sia pure con tutte le cautele del caso, questo consente di dire che la conferenza di Glasgow, sia pure ancora inadeguata, non sarebbe un fallimento.

C'è poi il secondo elemento, quello del documento finale di COP26, giunto alla prima bozza vera e propria, dove, per effetto delle pressioni di Unione Europea e Stati Uniti, sono stati riaffermati i target di Parigi, è stato inserito il fondamentale obiettivo di riduzione delle emissioni al 2030, indicato nel -45%: non ancora abbastanza ma pur sempre una quantificazione importante. Altrettanto fondamentale è introdurre l'invito, seppur generico, ad accelerare la graduale eliminazione del carbone e dei sussidi ai combustibili fossili. Da rilevare anche la richiesta di aggiornare nel 2022 gli NDC, gli impegno volontari di riduzione delle emissioni. Gli ambientalisti ma anche la High Ambition Coalition _ della quale fanno parte Ue e Usa oltre ad alcuni paesi ad alto rischio clinatico _ avevano chiesto che gli NDC fossero rinnovati obbligatoriamente ogni anno e non più _ come prevede l'accordo di Parigi _ ogni cinque. Ma al momento non hanno prevalso. Da sottolineare che nella dichiarazione finale è scarsa la parte relativa ad adattamento e finanza climatica, non ci sono impegni vincolanti e non ci sono date per l'eliminazione del carbone e dei sussidi: siamo alle semplici esortazioni. Ai cortesi, seppur forti, inviti a muoversi. E' una pressione che va nella direzione giusta, pur se al momento non è sufficiente.

I paragrafi decisivi sulla mitigazione 

22. Riafferma l'obiettivo di temperatura dell'Accordo di Parigi di mantenere l'aumento della temperatura media globale a ben meno di 2 °C al di sopra dei livelli preindustriali e di proseguire gli sforzi per limitare l'aumento della temperatura a 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali;
23. Riconosce che gli impatti del cambiamento climatico saranno molto più bassi alla temperatura 1,5 °C rispetto ai 2 °C e decide di perseguire gli sforzi per limitare l'aumento della temperatura a 1,5 °C,  riconoscendo che ciò richiede un'azione significativa ed efficace da parte di tutte le parti in questo decennio critico sulla base delle migliori conoscenze scientifiche disponibili, riflettendo responsabilità comuni ma differenziate e le rispettive capacità alla luce delle diverse circostanze nazionali;
24. Riconosce inoltre che limitare il riscaldamento globale a 1,5 °C entro il 2100 richiede rapide, profonde e sostenute riduzioni delle emissioni globali di gas serra, compresa la riduzione delle emissioni globali di di anidride carbonica del 45 per cento entro il 2030 rispetto al livello del 2010 e allo zero netto intorno alla metà del secolo

26. Prende atto con seria preoccupazione del rapporto di sintesi sui contributi determinati a livello nazionale nell'ambito dell'Accordo di Parigi,4 secondo il quale il livello aggregato di emissioni di gas a effetto serra tenendo conto dell'attuazione di tutti i contributi determinati a livello nazionale presentati è stimato al 13,7% al di sopra del livello del 2010 nel 2030;  
27. Sottolinea l'urgente necessità per le parti di aumentare i loro sforzi per ridurre collettivamente attraverso un'azione accelerata e l'attuazione di misure interne di mitigazione in conformità con l'articolo 4, paragrafo 2, dell'Accordo di Parigi;  
28. Decide di stabilire un programma di lavoro per aumentare urgentemente l'ambizione di mitigazione e l'attuazione durante il decennio critico del 2020;  
29. Sollecita le Parti che non hanno ancora presentato nuovi o aggiornati contributi determinati a livello nazionale in conformità con la decisione 1/CP.21, a farlo al più presto possibile prima della ventisettesima sessione della Conferenza delle Parti (novembre 2022);


30. Esorta le parti a rivedere e rafforzare gli obiettivi 2030 nei loro contributi determinati a livello nazionale, come necessario per allinearsi con l'obiettivo di temperatura dell'Accordo di Parigi entro la fine del 2022;
31. Chiede al segretariato di produrre una versione aggiornata del rapporto di sintesi sui contributi determinati a livello nazionale ai sensi dell'Accordo di Parigi ogni anno;
32. Decide di convocare ogni anno una tavola rotonda ministeriale di alto livello sulle ambizioni pre-2030 ambizione, a partire dal CMA 4 (novembre 2022);
33. Esorta le parti che non l'hanno ancora fatto a comunicare, entro la CMA 4 (novembre 2022), le strategie di sviluppo a lungo termine a basse emissioni di gas serra


37. Invita le parti ad accelerare la graduale eliminazione del carbone e dei sussidi per i combustibili fossili;
38. Invita le parti a considerare ulteriori opportunità per ridurre le emissioni di biossido di carbonio le emissioni di gas a effetto serra non legate al carbonio

Lo studio dell'International Energy Agency 

"Alla conferenza sul cambiamento climatico COP26 che si sta svolgendo a Glasgow _ dice IEA _ , una domanda chiave è cosa significano per il riscaldamento globale tutti i nuovi impegni dei diversi paesi per ridurre le emissioni? Questa era una domanda centrale che abbiamo affrontato nel recente World Energy Outlook 2021 (WEO-2021) della IEA, e stiamo continuando ad aggiornare quell'analisi.

Quando WEO-2021 è stato pubblicato a metà ottobre, più di 120 paesi avevano annunciato nuovi obiettivi di riduzione delle emissioni entro il 2030, e i governi che rappresentano circa il 70% delle emissioni globali di anidride carbonica (CO2) si sono impegnati a portare queste emissioni a zero entro il 2050 o subito dopo. Nonostante questo slancio, queste ambizioni erano ancora al di sotto di quanto richiesto dall'accordo di Parigi, raggiunto alla COP21 nel 2015. In vista della COP26, WEO-2021 ha mostrato che anche se tutti gli impegni annunciati fossero stati attuati in pieno e in tempo, il mondo si sarebbe diretto verso 2,1 °C di riscaldamento entro la fine del secolo, mancando gli obiettivi dell'accordo di Parigi e aumentando enormemente i rischi climatici.

Da metà ottobre, tuttavia, più paesi hanno aumentato le loro ambizioni. Il primo ministro indiano Narendra Modi ha rafforzato gli obiettivi del paese per il 2030 e si è impegnato a raggiungere emissioni nette zero entro il 2070. Diverse altre grandi economie hanno anche annunciato impegni per raggiungere le emissioni nette zero. Gli annunci non si sono limitati alle emissioni di CO2, con più di 100 paesi che promettono di ridurre le emissioni di metano - un altro potente gas serra - del 30% entro il 2030. Come mostra una recente analisi dell'AIE, azioni rapide per ridurre le emissioni di metano dalle operazioni dei combustibili fossili forniscono il modo più efficace per limitare il cambiamento climatico a breve termine.

La nostra analisi aggiornata di questi nuovi obiettivi - in aggiunta a tutti quelli fatti in precedenza - mostra che se fossero soddisfatti in pieno e in tempo, sarebbero sufficienti a contenere l'aumento delle temperature globali a 1,8 °C entro la fine del secolo. Questo è un momento storico: è la prima volta che i governi si sono fatti avanti con obiettivi sufficientemente ambiziosi per mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2 °C".

Lo studio del Climate action tracker 

"L'implementazione delle politiche sul terreno sta avanzando a passo di lumaca. Con le politiche attuali, stimiamo che il riscaldamento di fine secolo sarà di 2,7°C. Mentre questa stima della temperatura è scesa dalla nostra valutazione di settembre 2020, nuovi importanti sviluppi politici non sono il fattore trainante. Abbiamo bisogno di vedere un profondo sforzo in tutti i settori, in questo decennio, per decarbonizzare il mondo per essere in linea con 1,5°C.

Gli obiettivi per il 2030 rimangono totalmente inadeguati: gli attuali obiettivi per il 2030 (senza impegni a lungo termine) ci mettono sulla buona strada per un aumento della temperatura di 2,4°C entro la fine del secolo.

Dal vertice dei leader di Biden dell'aprile 2021, la nostra stima standard della temperatura dello scenario "impegni e obiettivi" di tutti gli NDC e degli obiettivi a lungo termine presentati o vincolanti è scesa di 0,3°C a 2,1°C, ma questo miglioramento è dovuto principalmente all'inclusione degli obiettivi netti zero di USA e Cina, ora che entrambi i paesi hanno presentato le loro strategie a lungo termine all'UNFCCC.

Non c'è stato uno slancio sufficiente da parte dei leader e dei governi per aumentare gli obiettivi climatici del 2030 prima e a Glasgow: I miglioramenti degli NDC presentati nell'ultimo anno hanno ridotto il divario delle emissioni nel 2030 solo del 15-17%. I maggiori contributi assoluti a questa riduzione provengono da Cina, UE e Stati Uniti, anche se altri paesi con livelli di emissioni più bassi hanno migliorato i loro NDC.

Contrariamente al requisito dell'Accordo di Parigi che ogni aggiornamento dell'NDC sia una progressione rispetto al precedente, diversi governi hanno ripresentato solo lo stesso obiettivo del 2015 (Australia, Indonesia, Russia, Singapore, Svizzera, Thailandia, Vietnam), o hanno presentato un obiettivo ancora meno ambizioso (Brasile, Messico). Alcuni non hanno presentato alcun nuovo obiettivo (Turchia e Kazakistan), e l'Iran deve ancora ratificare l'accordo di Parigi. Anche con tutti i nuovi impegni di Glasgow per il 2030, nel 2030 emetteremo circa il doppio di quanto richiesto per 1,5°. Pertanto, tutti i governi devono riconsiderare i loro obiettivi.

A livello globale, circa il 90% delle emissioni sono ora coperte da obiettivi netti zero. Mentre questi obiettivi sono un segnale importante, e alcuni hanno accelerato l'azione climatica dei governi, la qualità della maggior parte rimane discutibile. Se tutti gli impegni netti zero annunciati o gli obiettivi in discussione fossero attuati, questo porterebbe la nostra stima della temperatura per questo "scenario ottimistico" a 1,8°C entro il 2100, con un picco di riscaldamento di 1,9°C. Ma questo è solo SE questi obiettivi sono pienamente implementati, ed è un grande SE. La nostra analisi mostra che i paesi con un "accettabile" zero netto coprono solo il 6% delle emissioni globali.

Nessun singolo paese che analizziamo ha sufficienti politiche a breve termine in atto per mettersi sulla buona strada verso il suo obiettivo netto zero. Bisogna anche sottolineare che la nostra valutazione "ottimistica" del riscaldamento mediano di fine secolo di circa 1,8°C non è compatibile con l'Accordo di Parigi e che non si può escludere un riscaldamento di 2,4°C o più. Le azioni e gli obiettivi del 2030 sono il più delle volte incoerenti con gli obiettivi netti zero, così che il divario tra le politiche attuali e gli obiettivi netti zero è ora di 0,9°C. Questo, secondo noi, è il gap di credibilità che Glasgow deve affrontare.

In Italia riscaldamento sopra le medie

Mentre a scala globale sulla terraferma il 2020 è stato l'anno più caldo della serie storica - con un'anomalia di +1.44 gradi rispetto al valore climatologico di riferimento 1961-1990 - in Italia è stato il quinto anno più caldo dal 1961, registrando un'anomalia media di +1.54 gradi. A partire dal 1985, le anomalie sono state sempre positive, ad eccezione del 1991 e del 1996. Il 2020 è stato il ventiquattresimo anno consecutivo con anomalia positiva rispetto al valore normale; il decennio 2011-2020 è stato il più caldo dal 1961. Sono alcune informazioni estratte dal XVI Rapporto 'Gli indicatori del clima in Italia', che illustra l'andamento del clima nel corso del 2020 e aggiorna la stima delle variazioni climatiche negli ultimi decenni in Italia. Il rapporto si basa in gran parte su dati e indicatori climatici elaborati attraverso il Sistema nazionale per la raccolta, l'elaborazione e la diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale (SCIA, www.scia.isprambiente.it), realizzato dall'Ispra in collaborazione e con i dati del Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente e delle altre reti di osservazione presenti sul territorio nazionale. Per quanto riguarda la temperatura superficiale dei mari italiani, il 2020, con un'anomalia media di +0.95 gradi, si colloca al quarto posto dell'intera serie dal 1961. Negli ultimi 22 anni la temperatura media superficiale del mare è stata sempre superiore alla media; nove degli ultimi dieci anni hanno registrato le anomalie positive più elevate di tutta la serie. Nel 2020 le anomalie sono state positive in tutti i mesi dell'anno, con i valori massimi ad agosto (+1.7 gradi) e a maggio (+1.4 gradi).

Il 2020 è stato il 23° anno meno piovoso dal 1961. Sull'intero territorio nazionale, i mesi mediamente più secchi sono stati gennaio (-75%) e febbraio (-77%), seguiti da novembre, aprile e maggio, mentre dicembre è stato il mese mediamente più piovoso, con un'anomalia di +109%. SAl Nord il mese più piovoso si conferma dicembre, con un picco di anomalia positiva di +182%, seguito da ottobre (+69%) e giugno (+50%); anche al Centro il mese più piovoso si conferma dicembre, con un picco di anomalia positiva di +92%, seguito da giugno (+45%); al Sud e Isole i mesi relativamente più piovosi sono stati settembre (+67%) e luglio (+58%). Novembre è stato il mese più secco al Nord (-85%), gennaio al Centro (-69%) e al Sud e Isole (-78%).  Anche nel 2020 non sono mancati eventi di precipitazione intensa. I valori più elevati di precipitazione giornaliera sono stati registrati in occasione dell'evento alluvionale di inizio ottobre. In un'ampia zona del Piemonte settentrionale, il 2 ottobre sono state registrate precipitazioni cumulate giornaliere comprese fra 400 e 500 mm; nella parte occidentale della Liguria e all'estremo confine meridionale del Piemonte si sono superati localmente i 350 mm di precipitazione.

Il documento in Pdf