Roma, 26 ottobre 2021 - Altro che Parigi. Con gli impegni attuali - scarsi e volontari - il riscadamento climatico a fine secolo non sarà nel range di 1.5/2 gradi come solennemente fissato come obiettivo dalla comunità internazionale nella Conferenza delle parti del 2015, ma di ben 2.7 gradi. A dirlo è una fonte più che autorevole come l'Unep, l'agenzia ambientale delle Nazioni Unite, che nell'edizione 2021 del suo tradizionale (e inascoltato) "Emission gap report" lancia un ennesimo grido di allarme, a pochi giorni dall'inizio della COP 26 di Glasgow. Come dice il sottotitolo del rapporto "The heat is on", è "un mondo di promesse non rispettate". E infatti.

Cop26, alcune aziende cinesi inquinano il mondo più di nazioni intere

I mammut non si estinsero per colpa dell'uomo, ma del cambiamento del clima

"I nuovi o aggiornati NDC (Nationally determied contributions, gli impegni nazionali di taglio delle emissioni. NDR) e gli impegni annunciati per il 2030 - dice il rapporto - hanno solo un impatto limitato sulle emissioni globali e sul divario di emissioni nel 2030, riducendo le emissioni previste per il 2030 solo del 7,5%, rispetto ai precedenti NDC incondizionati, mentre il 30% è necessario per limitare il riscaldamento a 2°C e il 55% è necessario per 1,5°C. Se le emissioni continuassero per tutto questo secolo, porterebbero a un riscaldamento di 2,7°C. Il raggiungimento degli impegni netti zero che un numero crescente di paesi si sta impegnando a rispettare migliorerebbe la situazione, limitando il riscaldamento a circa 2,2°C entro la fine del secolo. Tuttavia, gli impegni per il 2030 non mettono ancora i membri del G20 (che rappresentano quasi l'80% delle emissioni di gas serra) su un percorso chiaro verso lo zero netto".

Dal Covid solo uno stop temporaneo

La pandemia COVID-19 ha portato a un calo senza precedenti del 5,4 per cento delle emissioni globali di anidride carbonica fossile (CO2) nel 2020. I dati non sono ancora disponibili per tutte le emissioni di gas serra nel 2020, ma il calo delle emissioni globali totali di gas serra dovrebbe essere inferiore al calo delle emissioni di CO2 da fonte fossile. Un forte rimbalzo delle emissioni è previsto nel 2021. Stime preliminari suggeriscono che le emissioni di O2 da energia fossile potrebbero crescere del 4,8% nel 2021 (escluso il cemento), e le emissioni globali nel 2021 dovrebbero essere solo leggermente inferiori al livello record del 2019. Nonostante il grande calo delle emissioni di CO2 nel 2020, la concentrazione di CO2 nell'atmosfera è cresciuta  di circa 2,3 parti per milione.

Impegni inadeguati

Al 30 settembre 2021, 120 paesi (121 parti, compresa l'Unione europea e i suoi 27 Stati membri) che rappresentano poco più della metà delle emissioni globali di gas serra, hanno comunicato nuovi o aggiornati NDC. La valutazione di quest'anno considera gli NDC nuovi o aggiornati comunicati all'UNFCCC e gli annunci di nuovi impegni di mitigazione per il 2030 da Cina, Giappone e Repubblica di Corea non presentati come NDC entro il 30 settembre. Solo poco meno della metà (49%) dei nuovi o aggiornati NDC presentati (da paesi che rappresentano il  32% delle emissioni globali) risultano in emissioni inferiori al 2030 rispetto al precedente NDC.  Circa il 18% degli NDC (da paesi che rappresentano il 13% delle emissioni globali) non ridurrà le emissioni del 2030 rispetto all'NDC precedente. Il restante 33% degli NDC (da paesi che rappresentano il 7% delle emissioni globali) contengono dettagli insufficienti per valutare il loro impatto sulle emissioni. 

L'impatto aggregato dei nuovi o aggiornati NDC formalmente presentati è limitato: i nuovi o aggiornati NDC incondizionati sono stimati per portare a un totale riduzione delle emissioni globali di gas serra nel 2030 di circa 2,9 gigatonellate di CO2 equivalente (GtCO2e), rispetto ai precedenti NDC. Questa stima include riduzioni di circa 0,3 GtCO2e derivanti da altri fattori, tra cui proiezioni più basse delle emissioni del trasporto aereo e marittimo internazionale, e aggiustamenti dei paesi che si prevede raggiungere i loro obiettivi NDC. Se gli impegni annunciati  di Cina, Giappone e Repubblica di Corea, questa riduzione aggregata aumenta a poco più di 4 GtCO2. Le maggiori riduzioni provengono dagli Stati Uniti d'America, UE27, Regno Unito, Argentina e Canada (presentate) e Cina e Giappone (annunciate). Quando si considera l'impatto dei nuovi impegni, va notato che collettivamente i membri del G20 non sono ancora sulla buona strada per raggiungere i loro precedenti NDC. Non solo. Collettivamente, si prevede che i membri del G20 non raggiungeranno i loro nuovi o aggiornati NDC incondizionati e altri impegni di mitigazione annunciati per il 2030. Questo è prevedibile e indicherebbe una mancanza di maggiore ambizione se i nuovi impegni per il  2030 fossero proiettati per essere raggiunti con le politiche attualmente attuate. 

Il gap tra impegni e necessità resta grande

Le emissioni globali nel 2030 coerenti con il mantenimento del riscaldamento globale al di sotto di 2,0°C con una probabilità del 66% sono ora stimate a 39 GtCO2 e, che è solo circa 2 GtCO2 e più bassa rispetto ai rapporti precedenti. Allo stesso modo, la stima per 1,8°C è di circa 2 GtCO2 e inferiore alla stima di 1,8°C delle relazioni precedenti. Non ci sono cambiamenti per il target  1,5°C. Questo implica che mentre l'effetto aggregato sulle emissioni globali nel 2030 degli NDC nuovi o aggiornati e degli impegni annunciati  è stimato a 4 GtCO2 e , il divario rispetto ai 2°C si riduce solo di 2 GtCO2e rispetto all'anno scorso. Lo scenario aggiornato delle politiche attuali è stimato di ridurre le emissioni globali di gas serra nel 2030 a circa 55 GtCO2 e (intervallo: 52-58 GtCO2 e) nel 2030, che è 4 GtCO2 e inferiore alla stima mediana dellEmission Gap Report del 2020. Rispetto all'anno scorso, il divario delle emissioni è solo leggermente ridotto dai nuovi o aggiornati NDC e dagli impegni di mitigazione annunciati. Entro il 2030, le emissioni annuali devono essere inferiori di 13 GtCO2e (range: 10-16 GtCO2e) rispetto agli attuali NDC incondizionati. NDC implica per l'obiettivo dei 2°C, e 28 GtCO2e (range: 25-30 GtCO2 e) più basse per l'obiettivo degli 1,5°C. 

Al momento, verso i 2,7 gradi

Il riscaldamento globale alla fine del secolo - conclude il rapporto Unep - è stimato a 2,7°C se tutti gli impegni incondizionati per il 2030 sono pienamente attuati e 2,6°C se sono attuati anche tutti gli impegni condizionati. Al contrario, la continuazione delle politiche attuali, che sono insufficienti a soddisfare gli impegni per il 2030, è stimata per limitare il riscaldamento a 2,8°C (range 2,3-3,3°C).Se gli impegni per le emissioni nette zero sono inoltre pienamente attuati, questa stima si abbassa a circa 2,2°C. Ma ci vorebbe la volontà politica, oggi presente solo in alcuni Paesi, Ue inclusa.