Clima, emissioni
Clima, emissioni

ROMA 4 maggio 2021 - Per effetto della nomina di Joe Biden alla presidenza americana e del rinnovato impegno di molti paesi, Europa in primis, migliorano le prospettve di tenere il riscalamento climatico sotto i due gradi. Secondo un rapporto presentato oggi da Climate Action Tracker _ una associazione indipendente che da dieci anni monitora le poltiche climatiche _ il riscadamento sarebbe ora contenuto in 2.4 gradi rispetto all'epoca pre industriale: un miglioramento di 0,2 C°  Ancora molto di più dell'obiettivo massimo fissato a Parigi _ 1.5 C° _ ma non troppo lontando dall'obiettivo minimo _ i 2 C° _ che ora diventa raggiugibile se verranno compiuti altri sforzi della direzione giusta. "Gli NDC (Nationally determined contributions, tagli volontari delle emissioni. NDR) e le presentazioni aggiornate che sono satte presentate _ annuncia il rapporto _  da settembre 2020 hanno portato la nostra stima della temperatura di tutti gli impegni e obiettivi dell'Accordo di Parigi a 2,4°C, con  un calo di 0,2°C". Tutti gli aggiornamenti dell'NDC da settembre dell'anno scorso, hanno ridotto il divario delle emissioni 2030 di circa 11-14% (2,6-3,9 GtCO2). E lo spazio per fare meglio c'è. "Il nostro scenario di obiettivi più ottimistico _ si osserva _ prevede che il riscaldamento globale entro il 2100 possa scendere fino a 2,0°C, che è un leggero miglioramento rispetto alla nostra analisi del dicembre 2020. Questo scenario presuppone la piena attuazione degli obiettivi netti zero annunciati da Stati Uniti e Cina e da altri 129 paesi con obiettivi simili o annunciati, coprendo il 73% delle emissioni globali.  Altri quattro paesi hanno annunciato lo zero netto dalla nostra ultima valutazione: Andorra, Brasile, Kazakistan e Panama".

"Da quando abbiamo iniziato a tracciare l'impatto degli obiettivi climatici sulla temperatura più di dieci anni fa_ scrive Climate Action Tracker _  la nostra stima della temperatura è diminuita di 1,1°C (da 3,5°C a 2,4°C) prendendo in considerazione tutti gli impegni e gli obiettivi dell'Accordo di Parigi o di 1,5°C (da 3,5°C a 2,0°C) se si tiene conto di tutti gli annunci net-zero in uno scenario che definiamo ottimistico. L'Accordo di Parigi è responsabile di questo calo e ha spinto i governi ad adottare obiettivi più ambiziosi. Non solo le buone intenzioni, anche l'attuazione delle politiche nazionali è migliorata nel tempo, spinta dai nuovi impegni e in particolare dal calo dei prezzi delle energie rinnovabili".

Climate Action Tracker

Alla fine di aprile, il presidente Biden , ricorda Climate Action Tacker, ha invitato 40 leader mondiali a partecipare a un summit sui cambiamenti climatici. Gli Stati Uniti, il Giappone e il Canada hanno annunciato nuovi obiettivi di contributo determinato a livello nazionale (NDC) per il 2030. L'obiettivo degli Stati Uniti del 50-52% al di sotto dei livelli del 2005 è un significativo passo avanti, ma non raggiunge il 57-63% al di sotto dei livelli del 2005 necessario per essere compatibile con il limite di temperatura di 1,5°C dell'accordo di Parigi. L'obiettivo giapponese del 46% al di sotto dei livelli del 2013 è al di sotto delle aspettative che il paese avrebbe annunciato il dimezzamento delle emissioni nel 2030, per non parlare dell'adozione del più del 60% necessario per essere compatibile con Parigi. Il Canada migliorerebbe il suo rating CAT solo se abbandonasse l'estremità meno ambiziosa del suo obiettivo appena annunciato del 40-45% sotto i livelli del 2005 entro il 2030.   

L'Argentina ha annunciato un ulteriore rafforzamento del suo obiettivo del 2,7% (escluso LULUCF). L'annuncio si basa sull'aggiornamento di dicembre 2020 del paese, dove ha essenzialmente reso incondizionato il suo precedente obiettivo condizionato.  La Cina ha annunciato piani per controllare rigorosamente il consumo di carbone nel prossimo periodo del 14° piano quinquennale (FYP 2021-2025) e per iniziare a eliminare gradualmente il carbone durante il 15° FYP (2026-2030).  Mentre il contenimento dell'industria del carbone è una continuazione delle attuali priorità politiche, questa è la prima volta che la Cina ha annunciato un calendario per il picco del carbone, previsto per il 2025.  Questo dovrebbe essere considerato una pietra miliare significativa. È importante, tuttavia, che l'impegno non includa un limite assoluto alla crescita del carbone nei prossimi cinque anni, o una data effettiva per una completa eliminazione del carbone, né la cessazione del finanziamento delle infrastrutture per i combustibili fossili all'estero. Ciò si riflette anche nella nostra valutazione dell'aggiornamento dell'NDC annunciato dal presidente Xi durante il Climate Action Summit di dicembre, poiché questa graduale eliminazione sarebbe necessaria per raggiungere il picco delle emissioni prima del 2030.

Climate Action Tracker

Il Regno Unito ha annunciato un nuovo obiettivo per il 2035, avendo precedentemente presentato il suo NDC aggiornato nel dicembre 2020, mentre la Corea del Sud, la Nuova Zelanda, il Bhutan e il Bangladesh si sono tutti impegnati a presentare NDC più ambiziosi quest'anno. La Corea del Sud si è anche impegnata a porre fine a tutti i finanziamenti pubblici per le centrali elettriche a carbone all'estero.  Il Sudafrica ha discusso il suo progetto di aggiornamento dell'NDC, attualmente in fase di consultazione pubblica. Il presidente brasiliano Bolsonaro ha anticipato l'obiettivo di neutralità climatica del paese di 10 anni, dal 2060 al 2050. Tuttavia, l'impegno è dubbio in quanto i cambiamenti nella linea di base del 2030 del Brasile come parte del suo aggiornamento NDC lo scorso dicembre, hanno effettivamente indebolito il suo obiettivo NDC. Allo stesso modo, l'Australia ha promesso di raggiungere le emissioni nette zero, in una data non specificata che dipende dallo sviluppo tecnologico, ma non ha annunciato obiettivi più forti per il 2030. Mentre i leader di India, Indonesia, Messico, Russia, Arabia Saudita e Turchia non hanno annunciato NDC più forti.

"Alcuni di questi "aggiornamenti" _ osserva il rapporto _ hanno fatto poco per affrontare effettivamente le emissioni. Il Brasile e il Messico hanno presentato gli stessi obiettivi numerici; tuttavia, i cambiamenti alle loro ipotesi di base significano che questi sono in realtà complessivamente più deboli. Gli aggiornamenti di Russia e Vietnam sembrano più forti sulla carta, ma non costituiscono un cambiamento in quanto possono essere facilmente raggiunti con le politiche attuali. L'Australia ha semplicemente ricomunicato il suo NDC originale.  L'anno scorso, i media hanno suggerito che l'Indonesia intendeva ripresentare il suo obiettivo NDC originale. Non abbiamo sentito nulla al summit che cambi questo. Il CAT ha calcolato che l'Indonesia potrebbe ridurre le sue emissioni del 30% rispetto al suo obiettivo del 2030 se affrontasse il suo fiorente problema del carbone, mandando in pensione i vecchi impianti e tagliando la sua enorme pipeline di impianti a carbone. Singapore e la Corea del Sud hanno migliorato l'architettura dei loro obiettivi, ma non l'ambizione. Tuttavia, come notato sopra, la Corea del Sud si è impegnata a fare un ulteriore aggiornamento dell'NDC quest'anno. La Svizzera ha aumentato la componente interna del suo NDC, ma non l'obiettivo generale. La Nuova Zelanda ha presentato il suo obiettivo NDC originale, ma, come la Corea del Sud, si è impegnata a presentare un NDC più forte quest'anno". Ma altri paesi _ Usa, Giappone e Canada fra queesti, oltre all'annunciato aumento dei targer annunciato dall'Ue, si sono mossi nella direzione gisuta, aumentando le possibilità di raggiungere il target.