Emissioni, inquinamento: il carbone in New Jersey (Ansa)
Emissioni, inquinamento: il carbone in New Jersey (Ansa)

ROMA 25 aprile 2021 - Nel 2021 le emissioni di Co2 torneranno a crescere in maniera rilevante, con il secondo più grande aumento della storia recente, attestandosi poco sotto i livelli del 2019, pre-crisi. Attenzione quindi, la battaglia della transizione energetica non è vinta perchè il carbone, largamente per impulso della Cina, torna a crescere. In salita, come previsto,a nche il gas. Buone le notizie dalle energie rinnovabili, che saliranno con vigore. Ma questo non basta: per raggiungere i tagli che ci potrebbero consentire di nion superare i target fissati nella conferenza sul clima di Parigi del 2015 occorre fermare la crescita il carbone, la cui combustione emette molta Co2.

L'aumento più grande da 10 anni

"Nel 2020 le emissioni globali di Co2 - osserve il World Energy Review di IEA - sono scese del 5.8%. Nel 2021 le emissioni globali di CO2 legate all'energia dovrebbero rimbalzare e crescere del 4,8% poiché la domanda di carbone, petrolio e gas rimbalza con l'economia. L'aumento di oltre 1 500 Mt di CO2 sarebbe il più grande aumento singolo dalla ripresa economica ad alta intensità di carbonio dalla crisi finanziaria globale più di un decennio fa, e lascerebbe le emissioni globali nel 2021 circa 400 Mt di CO2, o 1,2%, sotto il picco del 2019".

Ci sarà una forte ripresa del carbone

"La domanda globale di carbone -  ricorda il  Word Energy Review 2021 - è diminuita del 4% nel 2020, il più grande calo dalla seconda guerra mondiale. Il driver principale del declino è stata una minore domanda di elettricità a causa delle restrizioni Covid-19 e la conseguente recessione economica. Si prevede che l'uso del carbone a livello globale  si riprenderà nel 2021 e porterà a un aumento delle emissioni di CO2 di circa 640 Mt di CO2. Questo spingerebbe le emissioni dal carbone a 14,8 Gt di CO2: 0,4% al di sopra dei livelli del 2019 e solo 350 Mt di CO2 al di sotto del massimo globale delle emissioni di CO2 legate al carbone del 2014. Il settore energetico ha rappresentato meno del 50% del calo delle emissioni legate al carbone nel 2020, ma rappresenta l'80% del rimbalzo, in gran parte dovuto al rapido aumento della produzione a carbone in Asia. I prezzi del gas dovrebbero aumentare nel 2021, portando ad alcuni ritorni al carbone, in particolare negli Stati Uniti e nell'Unione Europea".

La Cina è l'unica grande economia in cui la domanda di carbone è aumentata nel 2020La forte crescita economica sostiene la domanda di elettricità nel 2021, mentre le misure di stimolo post-Covid sostengono la produzione di acciaio, cemento e altri prodotti industriali ad alta intensità di carbone. Ci aspettiamo che la domanda di carbone aumenti di oltre il 4% nel 2021, mantenendo la domanda ben al di sopra del picco del 2014 e raggiungendo i livelli più alti di sempre per la Cina. Il parco energetico cinese a carbone (compresi gli impianti di cogenerazione, o CHP) rappresenta circa un terzo del consumo globale di carbone. Il futuro della domanda di carbone sia cinese che globale dipende dal sistema elettrico cinese. La crescita della domanda di elettricità rimane strettamente legata alla crescita economica in Cina, con la domanda che aumenta in un rapporto di uno a uno con il PIL. Quale quota aggiuntiva di domanda di elettricità è soddisfatta dal carbone dipende da quanto velocemente entrano in linea tecnologie come le rinnovabili e il nucleare. L'anno scorso, nonostante l'epidemia di Covid-19, le aggiunte di capacità rinnovabile sono aumentate a più di 100 GW, in gran parte a causa della fretta di completare i progetti prima di una scadenza di eliminazione dei sussidi. A causa dell'accelerazione della diffusione delle rinnovabili, il carbone dovrebbe soddisfare solo il 45% del previsto aumento dell'8% della domanda di elettricità nel 2021.

In India, l'aprile 2020 ha segnato il punto più basso del consumo di carbone in molti anni, poiché un significativo rallentamento economico nella seconda metà del 2019 è stato seguito da blocchi Covid. La ripresa economica da allora ha portato a un continuo rimbalzo del consumo di carbone, con un aumento del 6% nel quarto trimestre del 2020. L'aumento della domanda di carbone è stato anche guidato da un calo della generazione dall'idroelettrico, dopo la produzione eccezionalmente alta del 2019. La nostra stima per il consumo di carbone dell'India presuppone un forte rimbalzo economico nel 2021, spingendo il PIL indiano saldamente sopra i livelli del 2019 e facendo salire la domanda di carbone di quasi il 9% fino all'1,4% sopra i livelli del 2019.

Negli Stati Uniti, il carbone rimane su un declino strutturale anche se il 2021 è previsto come il primo anno di crescita del consumo dal 2013. La ripresa del consumo di elettricità e i prezzi più elevati del gas hanno sostenuto un aumento dell'uso del carbone a dicembre 2020, il primo aumento mensile su base annua da novembre 2018. La domanda di carbone da parte del settore energetico dovrebbe rimbalzare del 10% dai minimi del 2020, anche se questo non dovrebbe ancora spingere la domanda di carbone oltre i livelli del 2019. La produzione di elettricità a carbone rappresenta il 90% del consumo di carbone negli Stati Uniti e si è più che dimezzata dal 2010, con una domanda in calo di un terzo tra il 2018 e il 2020. 

Nell'Unione Europea, la produzione di elettricità da carbone sta scomparendo o diventando trascurabile in un numero crescente di paesi. L'Austria e la Svezia hanno chiuso le loro ultime centrali a carbone nel 2020; altri come il Portogallo lo faranno quest'anno, e le quote di carbonio continuano a scoraggiare i generatori di carbone. La Germania, la Polonia e la Repubblica Ceca rappresentano i due terzi dell'uso del carbone nell'UE per l'energia. In Germania, dove la concorrenza tra carbone e gas è più intensa a causa della disponibilità di capacità, i costi di generazione del gas e del carbone si muovono nella stessa fascia. Di conseguenza, piccoli movimenti nei prezzi del combustibile possono cambiare la competitività relativa del carbone e del gas, e quindi, della domanda di carbone. Con questa incertezza in mente, ci aspettiamo che la domanda di carbone aumenti solo del 4% nel 2021, principalmente spinta dalla ripresa del consumo industriale. Questo aumento è ben lontano dall'invertire il declino del 18% della domanda nel 2020.Un rimbalzo limitato per il carbone nell'Unione Europea nel 2021 è guidato principalmente dall'economia, ma i recenti annunci politici implicano un continuo declino nell'uso del carbone. Per tutto il 2020 ci sono stati frequenti annunci di pacchetti di stimoli verdi, obiettivi di emissioni zero entro la metà del secolo, e piani per ridimensionare la capacità di generazione del carbone. 

Buone notizie dalle rinnovabili

"L'uso dell'energia rinnovabile _ scrive IEA _ è aumentato del 3% nel 2020, mentre la domanda di tutti gli altri combustibili è diminuita. Il motore principale è stata una crescita di quasi il 7% nella produzione di elettricità da fonti rinnovabili. I contratti a lungo termine, l'accesso prioritario alla rete e la continua installazione di nuovi impianti hanno sostenuto la crescita delle rinnovabili nonostante la minore domanda di elettricità, le sfide della catena di approvvigionamento e i ritardi nella costruzione in molte parti del mondo. Di conseguenza, la quota delle rinnovabili nella produzione globale di elettricità è balzata al 29% nel 2020, rispetto al 27% del 2019. L'uso di bioenergia nell'industria è cresciuto del 3%, ma è stato ampiamente compensato da un calo dei biocarburanti, poiché la minore domanda di petrolio ha anche ridotto l'uso di biocarburanti miscelati. La produzione di elettricità da fonti rinnovabili nel 2021 dovrebbe espandersi di oltre l'8% per raggiungere gli 8 300 TWh, la crescita annuale più rapida dagli anni '70. Il solare fotovoltaico e l'eolico dovrebbero contribuire per due terzi alla crescita delle rinnovabili. La Cina da sola dovrebbe rappresentare quasi la metà dell'aumento globale dell'elettricità rinnovabile nel 2021, seguita da Stati Uniti, Unione Europea e India".