Economia, la Cina passa gli Usa nel 2028 grazie al Coronavirus (Ansa)
Economia, la Cina passa gli Usa nel 2028 grazie al Coronavirus (Ansa)

New York, 26 dicembre 2020 - La Cina diventerà prima potenza economica mondiale nel 2028, superando gli Stati Uniti con 5 anni di anticipo rispetto al previsto anche grazie al Covid-19. Lo sostiene il Center for Economics and Business Research. Un risultato legato alle diverse capacità di recupero dei due Paesi dalla crisi legata alla pandemia. Solo l'anno scorso il sorpasso del Dragone era stimato per il 2033, ma il forte impatto del virus sugli equilibri mondiali, soprattutto economici, ha cambiato le cose a vantaggio di Pechino, da anni impegnata in una guerra commerciale con gli Stati Uniti, specialmente con l'avvento di Donald Trump. 

Nel rapporto annuale del Cebr, che analizza gli effetti economici del coronavirus, si legge: "La pandemia del Covid-19 e le ricadute economiche hanno spostato l'ago della bilancia nella rivalità fra i due Paesi a favore della Cina". La crescita del gigante asiatico è attesa del 5,7% dal 2021 al 2025, con un calo al 4,5% annuo dal 2026 al 2030. Mentre gli Stati Uniti, si assesteranno intorno all'1,9 tra il 2022 e il 2024, per poi scendere all'1,6 negli anni successivi. Terza potenza economica mondiale dovrebbe restare il Giappone, almeno fino al 2030 quando verrà scavalcata dall'India. A quel punto la Germania passerà da quarto al quinto posto. mentre la Brexit spingerà il Regno Unito dal quinto al sesto posto.

Il Coronavirus quest'anno presenterà un conto di 6.000 miliardi di dollari all'economia globale, con una contrazione del 4,4%, il calo maggiore della Seconda guerra mondiale. L'Italia non sfugge al alla flessione e il Cebr prevede il Pil giù del 10,6% nel 2020, con un rimbalzo del 5,2% nel 2021. L'Italia attualmente è l'ottava potenza economica globale, ma perderà posizioni nei prossimi anni, scendendo al quattordicesimo posto nel 2035. Invece la Francia manterrà la sua settima posizione nel 2021. 

In tutto ciò, e nonostante sia stata l'epicentro del coronavirus con Wuhan, la Cina ha continuato a galleggiare nella tempesta della crisi meglio delle altre economie mondiali e quest'anno sarà l'unica a crescere, con un Pil che salirà del 2% contro il meno 5% dell'economia americana.