Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Economia Sport Motori Tech Magazine Salute

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Caso Skripal, Scotland Yard emette un mandato d'arresto per 2 cittadini russi

Tensione Londra-Mosca. La May attacca: "La Russia è responsabile dell'avvelenamento". Il Cremlino risponde: "Quei due? Non li conosciamo. Londra ci vuole solo provocare"

Ultimo aggiornamento il 5 settembre 2018 alle 17:35
Alexander Petrov e Ruslan Boshirov (Ansa)

Londra, 5 settembre 2018 - Proseguono le indagini di Scotland Yard sul caso Skripal. Questa mattina la polizia britannica, ha emesso un mandato di cattura internazionale nei confronti di Alexander Petrov e Ruslan Boshirov, i due cittadini russi sospettati di aver compiuto con l'agente nervino Novichok l'attacco, avvenuto lo scorso marzo a Salisbury, contro l'ex spia russa Serghiei Skripal e sua figlia Yulia. Il numero due di Scotland Yard, Neil Basu, ha fatto sapere di avere prove sufficienti per incriminare i due cittadini russi che dovranno rispondere, fra gli altri capi d'accusa contestati, di tentato omicidio e di possesso dell'agente nervino, in violazione della legge sulle armi chimiche. Tuttavia, Basu ha precisato che molto probabilmente i due indagati si muovevano sotto falso nome e che quindi non sarà un'impresa facile rintracciarli. 

LE INDAGINI - Petrov e Boshirov, entrambi sulla quarantina, risultano essere arrivati il 2 marzo da Mosca a Londra con un volo Aeroflot - ha detto Basu - e avrebbero nascosto in una falsa boccetta spray di profumo l'agente nervino. I due avrebbero poi dormito in un albergo a est della capitale - sospetto confermato dal ritrovamento del gas in una stanza dell'albergo -  e viaggiato in treno due volte a Salisbury il 3 e il 4 marzo, prima di ripartire per Mosca la sera dello stesso giorno.

LONDRA: NON POSSIAMO CHIEDERE L'ESTRADIZIONE - Per il momento Londra ha dichiarato di non essere intenzionata a chiederne l'estradizione perché in Russia - spiega la procuratrice Sue Hemming - vige una legge che vieta la consegna di propri cittadini a Paesi stranieri. Per questo la polizia britannica ha optato solo per l'emissione di un mandato di arresto europeo. "Se uno di loro viaggia in un paese nel quale il mandato è valido, sarà arrestato e potrà essere estradato", ha spiegato la procuratrice. 

LA MAY ATTACCA: RUSSIA RESPONSABILE - I due cittadini russi sono "agenti dei serivizi militari russi del Gru - ha tuonato la premier britannica Theresa May - . Quanto accaduto è un atto spregevole e un'azione barbarica. Solo la Russia aveva mezzi tecnici e movente per condurre l'attacco. Abbiamo avuto ragione a indicare (fin da marzo) lo Stato russo come responsabile. Questo perché abbiamo più volte chiesto a Mosca di fornire spiegazione - ha aggiunto la May - per quello che è successo a Salisbury a marzo ma abbiamo ricevuto indietro solo risposte confuse e monzagne. Sono arrivati a dire persino che io mi sarei inventata il Novichok. Il loro tentativo di nascondere la verità non fa altro che rafforzare la loro colpevolezza", ha concluso la May.

MOSCA RISPONDE: UNA PROVOCAZIONE - "I nomi e le fotografie" dei presunti colpevoli "per noi non significano nulla". Così la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova alla radio Govorit Moskva. "Chiediamo alla parte britannica di passare dalle accuse pubbliche e le manipolazioni mediatiche alla cooperazione pratica tra le forze dell'ordine", ha aggiunto la portavoce. Quella di Londra è una "provocazione", ha poi dichiarato il rappresentante permanente della Russia presso l'Opac, Aleksandr Shulghin, al canale della tv di Stato Rossiya 1. "Abbiamo detto fin dall'inizio - ha proseguito - che la Russia non ha nulla a che fare con quanto avvenuto a Salisbury". Posizione confermata anche dal portavoce presidenziale russo Dmitri Peskov: "Anche noi vogliamo avere qualcosa di chiaro su questo argomento - ha riferito Peskov ai giornalisti -.Tuttavia, non possiamo avere nuove informazioni perché la parte britannica ha respinto la nostra offerta di partecipazione e collaborazione durante le indagini". 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.