Costa Azzurra (Ansa)
Costa Azzurra (Ansa)

Cannes, 12 agosto 2016 - Niente burkini a Cannes. La città francese ha emesso un'ordinanza municipale che vieta l'utilizzo del burkini, il costume da bagno che copre integralmente il corpo e usato dalle musulmani osservanti, sulle proprie spiagge. La motivazione? Il burkini "manifesta in maniera ostentata un'appartenenza religiosa" e per questo "rischia di creare disturbo all'ordine pubblico". L'ordinanza, stilata a fine luglio e ora ufficialmente in vigore, è stata promulgata dal sindaco di centrodestra David Lisnard e impone il divieto di "accesso alle spiagge e ai bagni" a chi non ha "una tenuta corretta, rispettosa del buon costume e della laicità, che rispetti le regole d'igiene e di sicurezza dei bagnanti nel dominio pubblico marittimo". L'abbigliamento, spiega l'ordinanza, non è adatto a questo momento, "momento in cui la Francia e i luoghi di culto religioso sono presi di mira da attacchi terroristi", e rischia di creare disturbo all'ordine pubblico. 

L'intento non è quello di vietare i simboli religiosi tout court, precisa alla stampa il direttore generale dei servizi della città di Cannes, ma solo la volontà di non vedere "una tenuta ostentata che fa riferimento a un'adesione a dei movimenti terroristi che ci fanno la guerra". Anche se, ammette, al momento si tratta più che altro di una precauzione, dato che non risulta siano mai stati avvistati dei burkini sulla Croisette e dintorni. La serie di attentati che ha colpito la Francia quest'anno - soprattutto quello di Nizza del 14 luglio - aveva già portato a misure di precauzione per quello che riguarda i litorali francesi: lo stop al burkini, infatti, era stata anticipata dal divieto di grandi borse e valigie in spiaggia per motivi di sicurezza.

In Costa Azzurra, quest'estate, sembra difficile rilassarsi: tra cartelli che invitano alla vigilanza e messaggi su come comportarsi in caso di attacco, anche nei luoghi più rinomati i villeggianti restano vigili. Oppure passano le ferie altrove. 

 Secondo cifre della società di consulting Mkg, citati da radio France Info, il tasso di occupazione degli hotel di Nizza nel periodo tra il 14 luglio e il 10 agosto è sceso del 20,5% rispetto all'anno scorso, mentre in quelli di Cannes il calo è di oltre il 29%. Ad essere maggiormente colpiti sono gli alberghi di lusso, in cui l'affluenza di turisti americani e dai Paesi del Golfo è crollata.