New York, 12 novembre 2021 - Dopo 13 anni Britney Spears è libera: un tribunale di Los Angeles ha revocato la custodia legale che la assoggettava a tutori in ogni azione e spesa. La giudice Brenda Penny ha messo fine così alla battaglia legale che aveva opposto Britney al padre Jamie per anni. 

I fan si sono radunati sotto la sede del tribunale all'insegna dello slogan #FreeBritney. Jamie era già stato rimosso dal ruolo di tutore lo scorso settembre, dopo le ripetute accuse della figlia di aver abusato della sua posizione. Ma al suo posto era stato nominato un sostituto. 

Oggi il tribunale ha eliminato ogni forma di tutela legale sulla nota cantante: ora, a 40 anni, è libera di disporre della sua vita e del suo patrimonio. La Spears in passato avveva sofferto di problemi psichici, ed era stata posta sotto tutela nel 2007 per aver aggredito un paparazzo. 

I fan di Britney Spears sotto il tribunale (Ansa)

"A partire da oggi, la tutela della persona e del patrimonio di Britney Spears è terminata", ha sentenziato la giudice Brenda Penny.  Per la Spears significa anche che potrà sposare il fidanzato Sam Asghari. Il 23 giugno testimoniando al giudice aveva detto semplicemente: "Rivoglio indietro la mia vita", aggiungendo dettagli choc su quanto aveva dovuto sopportare, a partire dal fatto che avrebbe voluto sposarsi e avere figli, ma i tutori le avevano negato l'appuntamento dal ginecologo per togliere la spirale. Una nuova udienza è in programma a dicembre per risolvere le questioni finanziarie in sospeso, comprese quelle spese legali.