Bruxelles, 10 gennaio 2019 - L'Unione Europea spiazza Londra: l'accordo sulla Brexit non è negoziabile, niente scappatoie sulla exit strategy ormai tracciata. Insomma, prendere o lasciare, non ci sono le condizioni per ridiscutere un eventuale piano B. "Abbiamo già raggiunto un accordo con il governo inglese sull'uscita dalla Unione Europea,  è il migliore possibile, escludiamo la possibilità di una  rinegoziazione dei termini dell'uscita", ha ribadito la portavoce della Commissione, Mina Andreeva. La Ue si astiene dai commenti sul dibattito in corso a Westminster, sviluppi scaturiti dopo l'approvazione di un emendamento che prevede un piano B in caso di bocciatura dell'intesa.

Sulle voci di crisi e ipotesi di voto anticipato, il premier Theresa May esclude categoricamente qualsiasi tentennamento, ma dall'altra parte della Manica è stato alzato un muro impenetrabile, senza margini di ulteriore concessione. "Seguiremo e rispetteremo il voto sul processo di ratifica" da parte di Londra, ha aggiunto la portavoce europea, "ora il processo è nelle mani del Regno Unito". Sui futuri colloqui e negoziati finti dell'esecutivo comunitario hanno ricordato che "Juncker ha parlato venerdì con la premier britannica May, hanno ascoltato la sua richiesta di poter ricevere rassicurazioni supplementari, una richiesta sulla quale Bruxelles sta riflettendo e sulla quale darà una risposta non appena ci saranno novità".

Jeremy Corbyn, il leader del Labour, il principale partito di opposizione britannico, vorrebbe che fossero indette elezioni generali per uscire dall'impasse sulla Brexit; e, in caso di vittoria e arrivo al governo, sarebbe intenzionato a rinegoziare l'accordo con Bruxelles. "Se il governo non riesce ad approvare la sua legge più importante, allora si deve andare al voto il prima possibile", ha detto, parlando in una fabbrica di componenti elettronici a Wakefield. "Per superare lo stallo, un'elezione non è solo l'opzione più semplice, è anche quella più democratica. Darebbe al partito vincitore un nuovo mandato per negoziare un accordo migliore per la Gran Bretagna e avere un sicuro sostegno in Parlamento e in tutto il Paese".

Se il governo venisse battuto con una mozione di sfiducia, si aprirebbe una finestra di 14 giorni per trovare una maggioranza alternativa e, in caso contrario, si andrebbe al voto. Il leader laburista ha annunciato che chiederà in questo caso un secondo referendum sulla Brexit, cioè se dovesse sfumare la prospettiva di arrivare al voto: "Tutte le opzioni sono sul tavolo", ha sottolineato ribadendo che la strada principale rimane appunto la consultazione popolare. Nel referendum del 2016 sulla Brexit, a Wakefield il 66% dei votanti si era espresso in favore dell'uscita dalla Ue, ma i due parlamentari laburisti locali, Mary Creagh e Yvette Cooper, sostengono che un secondo referendum potrebbe rimettere in discussione il processo e consentire alla Gran Bretagna di rimanere nell'Unione in extremis. Corbyn ha aggiunto che il Labour Party, se dovesse arrivare a Downing Street, cercherà di ricompattare il Regno Unito, dilaniato dalla Brexit: "La vera soluzione è  sanare le profonde divisioni aperte dal referendum".

Per capire le conseguenze della Brexit basti citare l'ultima disastrosa novità, la casa automobilistica Jaguar Land Rover ha annunciato il taglio di 4.500 posti di lavoro in tutto il mondo, oltre il 10% della sua forza lavoro, sottolineando un contesto di contrazione del mercato diesel e le incertezze legate alla Brexit. Questo ridimensionamento, precisato in un comunicato, riguarda principalmente il Regno Unito e fa parte di un ampio piano di risparmi e dismissioni, per un totale di 2,5 miliardi di euro.

Il Parlamento inglese dovrà presto affrontare un totale di sette petizioni dei cittadini relative alla Brexit, mozioni che hanno raccolto più di 650 mila firme online. Tre di queste, con oltre 390 mila firme, chiedono al governo della premier Theresa May di uscire dall'Unione europea senza un accordo. Altre due petizioni, che hanno ricevuto il sostegno di 130 mila persone, sostengono lo svolgimento di un secondo referendum, mentre altre due chiedono all'esecutivo di interrompere il processo di divorzio da Bruxelles.

image

La premier Theresa May è sotto un fuoco incrociato, da una parte vede l'opposizione dei membri ribelli del suo stesso partito, che accolgono malvolentieri l'accordo sulla Brexit da lei negoziato con Bruxelles. Oggi il primo ministro britannico ha dovuto incassare le dichiarazioni del suo ministro delle attività produttive Greg Clark che in una intervista a Bbc Radio ha detto senza mezzi termini di non supportare affatto lo scenario di un'uscita dall'Unione Europea anche in caso di no-deal. Un epilogo del genere sarebbe "disastroso" per il Regno Unito e per la sua economia. La posizione di Clark è in netto contrasto con quella del governo della May che se da una parte chiede al Parlamento di votare l'accordo sul tavolo in quanto il migliore che possa essere negoziato, dall'altra parte si dice pronta a gestire anche una hard Brexit, uno strappo senza ricuciture.

Sul fronte opposto, quello del capo dei Laburisti, Jeremy Corbyn, è un attacco violento, in quanto ha dato per scontata la bocciatura dell'accordo negoziato dalla May, invocando, come si diceva prima, nuove elezioni generali. Lo stesso Corbyn peraltro si trova in difficoltà, nel suo partito coesistono due anime ben distinte. Una buona parte dei suoi rappresentanti infatti sostiene la richiesta di indire un secondo referendum sulla Brexit. Un'altra ala invece vorrebbe a riaprire i negoziati con Bruxelles per ottenere condizioni migliori, e a quanto pare la May avrebbe tentato di portare dalla sua parte qualche deputato promettendo concessioni per i lavoratori in tema di protezione ambientale. Per il momento l'uscita pilotata di Londra dalla Ue appare una strada in salita.