Brandon Lee in una scena del film 'Il corvo' (Foto Miramax)
Brandon Lee in una scena del film 'Il corvo' (Foto Miramax)

Los Angeles, 22 ottobre 2021 - Quello di "Rust" non è il primo incidente fatale sul set di un film con un'arma caricata erroneamente con proriettili veri. La tragedia durante le riprese del western in Nuovo Messico, in cui l'attore Alec baldwin ha fatto fuoco con una pistola di scena, ma caricata con proiettili veri, uccidendo così la direttrice della fotograzia Halyna Hutchins, e ferendo in maniera grave il regista Joel Souza, ricorda per molti versi l'incidente fatale a Brandon Lee, il 28enne attore e figlio della star del Kung fu Bruce Lee.

Lee morì nel marzo del 1993, durante le riprese del film "The Crow" (il corvo). Anche quella volta l'arma doveva essere caricata a salve, ma un proiettile vero raggiunse l'addome dell'attore durante un ciak. La ricostruzione dimostrò che un calibro 44 era rimasto per errore nella canna della pistola da una scena precedente, ed era stato spinto all'esterno dall'esplosione di quella a salve (che in realtà dovrebbe produrre solo rumore, senza sparare l'ogiva).

L'indagine parlò "negligenza", ma in molti vollero trovarci una congiura, un mistero, e nacquero le leggende metropolitane sulla morte di Brandon Lee.

Il film di Alex Proyas, che fu portato a termine comunque, era basato sul fumetto omonimo di James O'Barr. Lee interpretava Eric Draven, e in una delle ultime scene del film Micheal Masee, che interpretava Funboy, gli spara, ma il colpo era vero e in un primo momento nessuno se ne rese conto. Il regista Proyas dichiarò: "Lo vidi crollare a terra, con un lamento, il foro del proiettile mi parve perfettamente simulato e il sangue era forse fin troppo abbondante, ma nel complesso la scena era riuscita a meraviglia".

Alec Baldwin e il tragico incidente sul set: la pistola, i punti oscuri 

"I nostri cuori sono rivolti alla famiglia di Halyna Hutchins e a Joel Souza e ci sentiamo tutti presi dall'incidente avvenuto sul set di 'Rust'. Nessuno dovrebbe mai essere ucciso da un'arma sul set di un film", sono le parole di Shannon Lee, figlia di Bruce Lee e sorella minore Brandon. Il tweet è accompagnato da un cuore spezzato.