Sabato 13 Luglio 2024

Boeing 737 Max 9 “a terra a tempo indefinito”: la scure dell’autorità Usa dopo il portellone saltato in volo

L’amministratore della Faa: “La nostra unica preoccupazione è la sicurezza dei viaggiatori americani”. Gli aerei non torneranno “in cielo finché non saremo completamente soddisfatti della sicurezza”

Il Boeing 737 Max di Alaska Airlines che ha perso in volo un portellone d'emergenza posteriore (poi ritrovato)

Il Boeing 737 Max di Alaska Airlines che ha perso in volo un portellone d'emergenza posteriore (poi ritrovato)

Roma, 13 gennaio 2024 – Boeing 737 Max 9 a terra “a tempo indefinito” dopo l’incidente clamoroso del portellone saltato in volo. Lo ha deciso la Faa, Federal Aviation Administration, autorità di regolamentazione dell’aviazione Usa.

“La nostra unica preoccupazione è la sicurezza dei viaggiatori americani e il Boeing 737-9 MAX non tornerà in cielo finché non saremo completamente soddisfatti della sua sicurezza”, sono state le parole nette dell’amministratore, Mike Whitaker che si possono leggere sul sito dell’ente Usa.

Approfondisci:

John Barnett, ex dipendente Boeing, trovato morto. Ecco cosa aveva dichiarato sugli aerei

John Barnett, ex dipendente Boeing, trovato morto. Ecco cosa aveva dichiarato sugli aerei

Le ragioni di una decisione clamorosa

A innescare questa decisione clamorosa soprattutto l’incidente altrettanto clamoroso che si è verificato in volo il 6 gennaio. Su un Boeing 737 di Alaska Airlines si è staccato un portellone in volo. La Faa impone di intensificare le misure per garantire “la sicurezza in volo” e, per questo, annuncia, non sarà “la velocità a determinare la tempistica per la rimessa in servizio” di questi aeromobili.

Il portellone del Boeing 737 Max 9 ritrovato
Il portellone del Boeing 737 Max 9 ritrovato

Le parole (durissime) della Faa

La Faa, si legge in una nota diffusa ieri, “dopo aver intrapreso un’azione decisiva e immediata per mettere a terra circa 171 aerei Boeing 737-9 MAX, ha annunciato oggi nuove e significative azioni per aumentare immediatamente la supervisione della produzione Boeing”. Azioni che arrivano all’indomani della formale notifica della la Faa a Boeing di aver avviato un’indagine sulla compagnia a seguito dell’incidente di venerdì scorso.

Quali misure saranno adottate

Le azioni annunciate ieri prevedono lo svolgimento di un audit che coinvolge la linea di produzione del Boeing 737-9 MAX e i suoi fornitori per valutare la conformità di Boeing alle procedure di qualità approvate. I risultati dell’analisi di audit della FAA determineranno se saranno necessari ulteriori audit. Sono previsti un maggiore monitoraggio degli eventi in servizio del Boeing 737-9 MAX e una valutazione dei rischi per la sicurezza da parte dell’autorità delegata e controllo della qualità. Verranno anche esaminate le opzioni per spostare queste funzioni sotto entità terze indipendenti.

“È tempo di riesaminare la delega di autorità e valutare eventuali rischi legati alla sicurezza”, ha affermato l’amministratore della FAA Mike Whitaker. “La messa a terra del 737-9 e i molteplici problemi legati alla produzione identificati negli ultimi anni ci impongono di considerare ogni opzione per ridurre il rischio. La FAA sta esplorando l’utilizzo di una terza parte indipendente per supervisionare le ispezioni di Boeing e il suo sistema di qualità”.