Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
8 giu 2022

Auto sulla folla a Berlino, morta insegnante. Arrestato tedesco-armeno. "Malato psichico"

Così scrive una senatrice su Twitter. Diciassette feriti, sei sono gravi. Il luogo dell'incidente è la Breidscheidplatz, dove era avvenuto l'attentato del mercatino di Natale il 19 dicembre del 2016. In auto cartelli riferiti alla Turchia. Tra i feriti una donna incinta. Gli investigatori non escludono alcuna pista

8 giu 2022

Berlino, 8 giugno 2022 - Un'auto in corsa ha investito la folla nel cuore di Berlino, a Charlottenburg, uccidendo un'insegnante di 51 anni e ferendo altre 17 persone, fra cui un gruppo di scolari in gita e una donna incinta. Sei sono in condizioni molto gravi. 

Il luogo dell'incidente è la Breidscheidplatz, dove era avvenuto l'attentato del mercatino di Natale il 19 dicembre del 2016.

Il conducente della piccola Renault argento che ha causato il disastro - un cittadino tedesco di origini armene di 29 anni, Gor H. è stato arrestato. Avrebbe dei problemi psichici. "Secondo le ultime informazioni quello che è accaduto oggi a Berlino è stato dovuto al gesto commesso da una persona con problemi psichici", conferma su Twitter la senatrice dell’Interno di Berlino, Iris Spranger

Secondo la Bild, nell'auto è stata trovata una lettera-confessione, ma non è ancora chiaro il motivo che avrebbe spinto il 29enne a compiere il gesto. Mentre la ministra dell'Interno di Berlino, Iris Spranger, ha invece svelato che nell'auto più che una vera e propria lettera di rivendicazione sono stati trovati dei cartelli riferiti alla Turchia. 

Auto sulla folla a Berlino, le prime immagini dal luogo dell'incidente
Auto sulla folla a Berlino, le prime immagini dal luogo dell'incidente

La vittima invece era un'insegnante, che stava camminando con un gruppo di studenti. Sul posto diversi agenti di polizia pesantemente armati che hanno messo in sicurezza l'area oltre a una sessantina di vigili del fuoco. Secondo Bild, l'incidente è avvenuto all'incrocio tra Rankestrae e Tauentzienstrae: Breitscheidplatz è il luogo dove nel dicembre 2016, il terrorista Anis Amri dirottò un camion facendolo piombare sulla folla che era in visita al mercatino di Natale: ci furono undici morti e decine di feriti. 

Gravemente ferito un altro insegnante che accompagnava i 24 studenti della decima classe. Lo riferiscono i media locali. La classe veniva da Bad Arolsen, nel land dell’Assia. 

Una portavoce della polizia di Berlino, Anja Dierschke, ha dichiarato all'Ansa: "Non possiamo ancora escludere nulla, siamo concentrati in particolare sulla ipotesi di un gesto volontario o di un incidente avvenuto sotto l’influsso di farmaci", ha dichiarato. Poi ha aggiunto: "Gli inquirenti non possono escludere la motivazione politica", ha anche affermato.

Anche il bilancio dei feriti è cambiato più volte nel corso di questa giornata segnata dalla paura e dallo sgomento per i berlinesi. Adrian Ventzie, dei vigili del fuoco della capitale, contattato dall’Ansa a fine giornata ha chiarito che sono state soccorse sul posto "17 persone, sei sono tuttora in pericolo di vita e tre in gravi condizioni. Gran parte dei coinvolti sono ragazzi di 15-16 anni", ha aggiunto. 

La mappa

La dinamica

Dopo aver investito un gruppo di persone, l'uomo alla guida della piccola Renault colore argento è tornato sulla corsia e si è schiantato contro la vetrina di una grande profumeria, 200 metri dopo. È uno dei dettagli emersi dal primo statement della polizia sul posto. L'uomo è stato interrogato per chiarire la natura del fatto. Secondo alcuni testimoni che hanno parlato con la Bild, l'uomo avrebbe provato a fuggire a piedi ma sarebbe stato bloccato dai passanti che lo avrebbero consegnato alle forze dell'ordine. 

L'auto viaggiava ad alta velocità, circa 150 Km/h lungo la Tauentzienstraße. A riferirlo alla Berliner Morgenpost è stato un testimone oculare, il cui veicolo è stato sfiorato dalla Renault coinvolta nell'incidente. La polizia al momento ha dichiarato non chiara la dinamica dell'accaduto e le cause che hanno determinato i fatti. Tra il primo punto di impatto su Rankestraße e la fine della corsa dell'auto nella vetrina infranta su Marburger Straße ci sono diverse centinaia di metri.

La tentata fuga

Secondo alcuni testimoni, di cui riferisce ancora la Bild, il 29enne, già noto alle forze dell’ordine, avrebbe anche tentato di fuggire di corsa, ma è stato intercettato dai passanti che lo hanno bloccato e consegnato agli agenti. Qualunque fosse la motivazione, il suo gesto ha portato ancora una volta il panico proprio nel cuore di Berlino, in una delle strade più amate e frequentate anche dai turisti della città. La Tauentziestrasse, celebre anche per il Kadewe, il centro commerciale classico della Berlino ovest, resterà ora chiusa al traffico tutta la notte.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?