Un laboratorio di analisi (Fotolive)
Un laboratorio di analisi (Fotolive)

Londra, 27 giugno 2019 - Una "situazione seria". Così viene definita dalle autorità britanniche la rara infezione da Streptococco A invasiva (iGAS) che si è diffusa nella contea di Essex e ha provocato già 12 morti. Finora il contagio ha riguardato 32 persone, soprattutto anziani che "sono stati curati per ferite croniche in comunità e case di cura" ma non con un'adeguata terapia antibiotica. 

Il primo caso si è registrato in febbraio a Braintree. "Purtroppo finora non siamo stati in grado di contenere completamente la situazione", ha dichiarato il dottor Jorg Hoffman, vicedirettore della Public Health England East. Ed è scattato l'allrme, così in via precauzionale centinaia di persone (molte di quelle che lavorano in case di cura) sono state sottoposte a controlli e avviate a una terapia antibiotica. 

Il batterio iGAS si trova naturalmente in alcuni distretti del corpo, come ad esempio pelle e gola, ma se entra nel circolo sanguigno e nei muscoli, può divenire letale. Il contagio è molto rapido e può avvenire semplicemente con uno starnuto o un bacio. Per questo motivo, le autorità inglesi hanno lanciato un allarme: qualora dovessero presentarsi mal di gola, macchie rosse sul palato, placche si pus sulle tonsille, astenia e altri sintomi "para-influenzali", è necessario recarsi dal medico che provvederà a effettuare un tampone.