17 gen 2022

Attacco ad Abu Dhabi, perché la guerra dei droni deve farci paura

Le vittime saranno sempre più civili. Chi manovra questi apparecchi resta seduto dietro una consolle, mentre il campo di battaglia è sopra le nostre teste

cesare de carlo
Esteri
featured image
I miliziani yemeniti Huthi (Ansa)

Washington - Disse una volta Albert Einstein: non ho idea con quali armi sarà combattuta la terza guerra mondiale, ma la quarta sarà combattuta con i bastoni e le pietre. Bene, anzi male. Oggi, dopo l’attacco dei droni Huthi, in realtà iraniani, all’aeroporto di Abu Dhabi, sappiamo come sarà combattuta la terza guerra mondiale: con i droni. E sappiamo come il risorgente terrorismo islamicio riprenderà a minacciarci: con i droni. E come andrà a finire la corsa verso il baratro di una umanità che in forza della geopolitica o della religione o della competizione economica o semplicemente della stupidità di chi la governa si sta autodistruggendo: dai droni tornerà all’età della pietra. Dunque 'Back to the Future'. Dove il futuro prossimo, molto prossimo, rivedrà l’uomo afflitto da virus incontrollabili affrontarsi o andare a caccia di fauna introvabile con pietre e bastoni. Quanto avvenuto a Abu Dhabi non è roba da dilettanti. E nemmeno una curiosità, una provocazione. È una svolta strategica di dimensioni storiche. Ma quanti se ne rendono conto? Pochi, a mio parere. Almeno questa è l’impressione ricavata scorrendo a caldo le home page dei giornali qui negli States e anche di quelli europei. E invece l’uso esclusivo dei droni per un bombardamento indiscriminato, vale a dire non su obiettivi militari o individuali ma su un’intera area, apre prospettive epocali. Benvenuti alle guerre senza soldati. Incruente? Niente affatto. A morire saranno sempre meno i soldati e sempre più la popolazione civile. Mentre chi ci colpirà siederà davanti alle consolle. La storia ci ha lasciato altre rivoluzioni del genere: dalla spada di bronzo a quella di ferro. O dalla spada alla polvere da sparo. O dalla polvere da sparo alle bombe aeree. O infine a quelle nucleari. A questo punto non posso nascondere un certo rimpianto per gli anni della ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?