Washington, 27 settembre 2021 - Un complotto della Cia per rapire ed eventualmente assassinare Julian Assange. Lo rivela un’inchiesta di Yahoo! News. I piani, secondo la testimonianza di ex alti funzionari del controspionaggio, furono discussi dall’amministrazione Trump nel 2017, quando il fondatore di Wikileaks era rifugiato nella sede dell’ambasciata dell’Ecuador a Londra. Secondo la ricostruzione di Yahoo News, l’intelligence Usa aveva ricevuto comunque informazioni riguardo alla possibilità che Assange potesse fuggire in Russia per ottenere asilo. E che agenti russi fossero impegnati a facilitare la sua fuga, come avevano aiutato Edward Snowden a fuggire da Hong Kong.
A volere una guerra totale contro Assange sarebbe stato soprattutto l’allora segretario di Stato Mike Pompeo, ex capo di quella Cia che a causa di Wikileaks aveva sofferto la più grave perdita di dati della sua storia. 

Dove si trova Assange

Il fondatore di Wikileaks  dal 2019 è detenuto nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh, a sud est di Londra. La sua prossima udienza è fissata per la fine di ottobre. Per i suoi avvocati il tentativo degli Stati Uniti di estradarlo ha una motivazione politica.  Nel 2016, WikiLeaks ha anche pubblicato e-mail hackerate dal consigliere chiave della campagna elettorale della democratica Hillary Clinton, cosa che Clinton e alcuni dei suoi sostenitori dicono abbia contribuito alla sua sconfitta elettorale contro Trump. L’amministrazione Biden ha dovuto affrontare nuove richieste di far cadere le accuse, ma continua a chiedere l’estradizione.

La replica di Trump

Interpellato da Yahoo! News, l'ex presidente Usa Donald Trump ha negato di aver mai ordinato di prendere in considerazione questi piani. "E' totalmente falso, in effetti credo che sia stato trattato molto male", ha detto il tycoon di Assange.