Annabel Yao, figlia minore del fondatore di Huawei da Instagram
Annabel Yao, figlia minore del fondatore di Huawei da Instagram

Parigi, 6 dicembre 2018 - Mentre in Canada Meng Wanzhou, la Principessa di Huawei erede del colosso dei telefoni cinesi, entra nell’occhio del ciclone, la sorellastra Annabel Yao, 21 anni, studentessa ad Harvard, festeggia ignara a Parigi partecipando al favoloso gran ballo delle debuttanti. I destini prendono strade bizzarre e impreviste. Esistenze dorate, avvolte nel massimo riserbo, che vengono alla luce improvvisamente.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Through the looking glass👀

Un post condiviso da Annabel Yao (@annabelballerina) in data:

L’arresto di Wanzhou a Vancouver, su richiesta Usa, per presunti affari della società con l’Iran sotto embargo, ha fatto crollare le Borse asiatiche ed è destinato a rinnovare le tensioni sull’asse Usa-Cina, dopo la tregua sui dazi commerciali. Nel mondo occidentale la top manager è conosciuta come Sabrina o Cathy. La figlia del tycoon è attualmente direttore finanziario del colosso delle telecomunicazioni, la donna più potente del settore tecnologico cinese. Quarantasei anni, laureata in Scienze e Tecnologie, è la primogenita di Ren Zhengfei, già vicedirettore del genio militare cinese, che negli anni della maturità decide di fondare Huawei, un impero che oggi detiene la seconda più grande fetta del mercato mondiale degli smartphone.

Dunque mentre Annabel frequenta il jet set internazionale, Sabrina si rimbocca le maniche, e per vent’anni fa la gavetta nelle aziende di papà. Ma tutto il mondo è paese, affermarsi nella vita professionale, specialmente per una donna asiatica, non è mai facile. Sabrina Cathy avrebbe tutti i numeri per succedere al padre, il quale tuttavia ha detto che nessuno dei figli sarebbe in grado di prendere il suo posto. Entrata in Huawei a 21 anni (nel 1993), ed è promossa a direttore finanziario di Huawei proprio quest’anno. Come tradizione delle élite cinesi, Wanzhou-Sabrina utilizza il cognome della madre, Meng Jun, così come il fratello Meng Ping.

Le sorelle Sabrina Meng Wanzhou e Annabel Yao appartengono a due mondi distanti anni luce. Sono nate a 25 anni di distanza una dall’altra, figlie di due madri diverse e di due momenti storici agli antipodi, comunismo e capitalismo. La prima è cresciuta nella Cina avvolta dal mito di Mao Tse Tung, ha studiato all’Università di Huazhong. La seconda ha aperto gli occhi quando a Pechino si alzavano i primi grattacieli, vive e studia negli Stati Uniti, a Boston, e naturalmente gira il mondo.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I do not look like me in this but I don’t hate being an emoji💁🏻‍♀️

Un post condiviso da Annabel Yao (@annabelballerina) in data:

Mentre la sorella grande è sotto torchio per via dell’inchiesta, la minore vive la favola in abito da sera, con i rampolli delle aristocrazie europee che le fanno la corte, uno su tutti il giovane conte Gaspard de Limburg-Stirum del Lussemburgo con il quale ha fatto coppia per il giro di valzer inaugurale nella serata di gala nella Capitale francese. La sua pagina Instagram, @annabelballerina, cinquemila follower selezionati, mostra le sue inclinazioni: stilisti e coreografi da una parte, informatica e telematica dall’altra. "La cosa che più mi piace del ballo delle debuttanti - ha scritto - sono le donne splendide che ho conosciuto, ho incontrato delle vere amiche che spero di mantenere per tutta la vita".

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

tbt summer weather💎 pc @lolowon

Un post condiviso da Annabel Yao (@annabelballerina) in data:

Non ha tempo per i social invece Wanzhou, coinvolta in un’indagine per accertare se il colosso cinese ha violato le sanzioni all’Iran. Domani è prevista l’udienza in cui il giudice deciderà se rilasciarla su cauzione. La donna ora rischia l’estradizione. Pechino chiede l’immediato rilascio dell'eminenza grigia di Huawei, mentre l’azienda si dice fiduciosa che le autorità canadesi e statunitensi raggiungeranno una conclusione corretta e imparziale.