La foresta amazzonica divorata dalle fiamme (AFP)
La foresta amazzonica divorata dalle fiamme (AFP)

Brasilia, 24 agosto 2019 - L'Amazzonia è in fiamme, molte star internazionali (e di casa nostra) si sono mobilitate sui social - utilizzando la propria notorietà - per veicolare il messaggio ambientalistae portare all'attenzione mondiale la questione. Sempre in prima linea quando si tratta di ambiente Leonardo DiCaprio, che ha condiviso sul suo profilo Instagram diverse immagini (recenti e più datate) relative alla preoccupante situazione dell'Amazzonia. 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

#Regram #RG @rainforestalliance: The lungs of the Earth are in flames. 🔥 The Brazilian Amazon—home to 1 million Indigenous people and 3 million species—has been burning for more than two weeks straight. There have been 74,000 fires in the Brazilian Amazon since the beginning of this year—a staggering 84% increase over the same period last year (National Institute for Space Research, Brazil). Scientists and conservationists attribute the accelerating deforestation to President Jair Bolsonaro, who issued an open invitation to loggers and farmers to clear the land after taking office in January.⁣ ⁣ The largest rainforest in the world is a critical piece of the global climate solution. Without the Amazon, we cannot keep the Earth’s warming in check. ⁣ ⁣ The Amazon needs more than our prayers. So what can YOU do?⁣ ⁣ ✔ As an emergency response, donate to frontline Amazon groups working to defend the forest. ⁣ ✔ Consider becoming a regular supporter of the Rainforest Alliance’s community forestry initiatives across the world’s most vulnerable tropical forests, including the Amazon; this approach is by far the most effective defense against deforestation and natural forest fires, but it requires deep, long-term collaboration between the communities and the public and private sectors. ✔ Stay on top of this story and keep sharing posts, tagging news agencies and influencers. ⁣ ✔ Be a conscious consumer, taking care to support companies committed to responsible supply chains.⁣ Eliminate or reduce consumption of beef; cattle ranching is one of the primary drivers of Amazon deforestation. ✔ When election time comes, VOTE for leaders who understand the urgency of our climate crisis and are willing to take bold action—including strong governance and forward-thinking policy.⁣ ⁣ #RainforestAlliance #SaveTheAmazon #PrayForAmazonia #AmazonRainforest #ActOnClimate #ForestsResist #ClimateCrisis 📸: @mohsinkazmitakespictures / Windy.com

Un post condiviso da Leonardo DiCaprio (@leonardodicaprio) in data:

 

Anche Jaden Smith, figlio del più celebre attore Will, su Instagram ha postato una immagine drammatica sul tema (risalente al 1989), raccogliendo oltre 1,5 milioni di 'mi piace.

Ha condiviso la stessa identica immagine anche Madonna, che ha scritto: "Presidente Bolsonaro, per favore, cambi le sue politiche e aiuti non solo il suo Paese ma l'intero pianeta. Nessuno sviluppo economico è più importante della protezione di questa terra. Dobbiamo svegliarci".

Anche i personaggi del mondo dello sport sono scesi in campo compatti contro le politiche di Bolsonaro e in difesa della foresta amazzonica. Cristiano Ronaldo ha ricordato ai suoi 180 milioni di follower che "la foresta pluviale amazzonica produce oltre il 20% dell'ossigeno del mondo e brucia da 3 settimane".

Ha fatto sentire la sua voce anche un altro calciatore: Paulo Dybala, che twitta:

Forte impegno sul tema pure lungo lo Stivale. Tra le star di casa nostra che si sono spese per la causa, Chiara Ferragni nelle sue stories su Instagram ha postato un link per effettuare donazioni. 

Attivissimo Alessandro Gassman che sta twittando da giorni appelli propri e ritwittando quelli altrui a favore dell'Amazzonia, fra gli ultimi lanciati in proprio uno, in inglese, rivolto alla leggenda del calcio Edson Arantes do Nascimento: " PER FAVORE Mr. @Pele ti chiediamo di far sentire forte la tua voce contro la distruzione del polmone principale del nostro Pianeta: la foresta amazzonica !!! Fallo per coloro che rimarranno dopo di noi !! Con ammirazione !!! #saveAmazonia".

Altrettanto attento e appassionato Chef Rubio nel tweet "Comunque volevo ricordarvi che #Amazonia brucia dolosamente per lasciare spazio a piantagioni di canna da zucchero, mais e cereali coi quali Brasile Israele Usa (nel tweet figurano non i nomi delle tre nazioni ma le rispettive bandiere, ndr) potranno ricavare: zucchero/alcohol per controllare le masse (noi ), bioetanolo, combustibili, mangimi, benzine e Etbe. Così #olé". Parole accolte da 1.130 'mi piace'. 

 Fiorella Mannoia ha scritto su Twitter: "POVERO BRASILE! Amazzonia in fiamme: prima Bolsonaro nega, poi accusa agricoltori e ong. E scherza: 'Sono come Nerone'".