Roma, 11 settembre 2018 - 11 settembre, 17 anni fa: 19 terroristi di Al Qaeda dirottarono 4 aerei usandoli come missili per attaccare il cuore degli Stati Uniti. Due aerei partiti da Boston in direzione Los Angeles fecero crollare le Torri Gemelle di New York e uno si schiantò sul Pentagono a Washington. Il quarto aereo è caduto a Shanksville, in Pennsylvania, prima di raggiungere l'obiettivo, grazie al coraggio dei passeggeri che tentarono di fermare i dirottatori. I morti furono 2.974.

Il presidente Donald Trump e la first lady Melania oggi saranno proprio a Shanksville, per partecipare alla cerimonia presso il memoriale della città per rendere omaggio, come già fecero i suoi predecessori George W. Bush e Barack Obama, agli eroi del volo United 93. Informati attraverso i cellulari degli attacchi alle torri del World Trade Center di New York, i passeggeri del volo cercarono di riprendere il controllo dell'aereo che precipitò in un campo, invece di raggiungere il suo reale obiettivo: la capitale federale degli Stati Uniti.

Lo scopo della visita di Trump è quello di "rendere omaggio a quella terribile giornata, a coloro che non solo hanno perso la vita ma si sono sacrificati per gli altri", ha fatto sapere Sarah Sanders, portavoce della presidenza Usa. La coppia presidenziale arriverà sul luogo dove sarà inaugurata la 'Torre delle voci', monumento di circa 30 metri di altezza eretto in onore dei 40 passeggeri e dell'equipaggio del volo. Come consuetudine, al termine vi saranno 40 rintocchi di campana: alle 10.03 locali (le 16.03 in Italia) saranno letti tutti i nomi delle vittime. 

A New York, centinaia di sopravvissuti e familiari delle vittime si raduneranno a Ground Zero, dove sorgevano le Torri Gemelle. Il Memorial Museum sarà aperto solo ai familiari delle vittime. E' poi previsto un tributo di luci che scatterà al tramonto dell' 11 settembre e durerà fino all'alba del 12 settembre.