Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
4 ago 2022

Elezioni politiche, Bossi (forse) non si ricandida. In missione da 35 anni per il Nord

La settimana prossima Salvini prenderà la decisione definitiva ma il vecchio leone è stanco
 

4 ago 2022
michele brambilla
Politica
IN CANOTTIERA Umberto Bossi ai tempi del primo idillio con Berlusconi, ospite nella villa del Cav in Sardegna, nel 1994
Gennaio 2022, l’ultima volta di Bossi in parlamento per votare Mattarella
IN CANOTTIERA Umberto Bossi ai tempi del primo idillio con Berlusconi, ospite nella villa del Cav in Sardegna, nel 1994
Gennaio 2022, l’ultima volta di Bossi in parlamento per votare Mattarella

La motivazione ufficiale sarà quella che si usava un tempo: "Per raggiunti limiti di età". La Lega potrebbe non ricandidare più Umberto Bossi, il suo fondatore, padre nobile, ideologo. Leader, Bossi non lo era più da un pezzo: da ancor prima della svolta nazionalista di Salvini; diciamo da quella ingrata notte delle scope a Bergamo, quando i parricidi lo spazzarono via imputandogli le piccole furberie del figliolo più debole, il Trota. Il nuovo Parlamento potrebbe essere così il primo, dal 1987, senza Bossi. Vi era entrato a sorpresa, al Senato, e da allora è rimasto “il Senatùr”: nessuno lo ha mai chiamato “unurevùl”, neppure quando è passato alla Camera dei deputati. A Roma era piombato dal più profondo Nord: Verghera di Samarate, piccolo paese del Varesotto che nessun italiano conosceva, anche se lì veniva fabbricata la moto con cui Giacomo Agostini aveva vinto fior di mondiali, la MV, che significa appunto Meccanica Verghera. Ma non lo sa nessuno, appunto. Salvini ora è decisivo. Ma dev’essere invogliato Per Berlusconi il tempo non passa. "Serve un nuovo miracolo italiano" Terra di gente che “laùra”, che lavora, che “tira su la saracinesca la mattina”, dava da anni segni di insofferenza verso il Sud delle pensioni di invalidità e dei trasferimenti facili e degli impiegati statali che timbrano il cartellino e poi vanno al bar e dei forestali della Calabria e della Sicilia eccetera eccetera e insomma: c’era aria di incazzatura. La protesta – la vita è bizzarra anche fra la gente pratica del Nord – trovò il suo capopopolo in uno che non aveva mai lavorato: l’Umberto, che al bar del paese chiamavano “el mantegnù”, il mantenuto. Con un gruppetto di amici – il Leoni, l’Orsenigo, il Maroni, lo Speroni – cominciò (siamo nei primi anni Ottanta) a spedire un giornaletto a casa ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?